Bérenger de Frédol il Vecchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bérenger de Frédol il Vecchio
cardinale di Santa Romana Chiesa
Béranger Frédol l'Ancien.jpg
Cardinalbishop.svg
Nato circa 1250, Lavérune
Consacrato vescovo 28 ottobre 1294
Creato cardinale 15 dicembre 1305 da papa Clemente V
Deceduto 11 giugno 1323, Avignone

Bérenger de Frédol il Vecchio (Lavérune, 1250 circa – Avignone, 11 giugno 1323) è stato un cardinale e vescovo cattolico francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque dalla nobile famiglia dei signori di Lavérune ed era nipote di papa Clemente V. Studiò diritto canonico e fu poi canonico e succentore del capitolo cattedrale di Béziers. Fu abate del monastero di Sant'Afrodisio di Béziers e canonico anche a Narbona e ad Aix. Fu nominato vicario per la diocesi di Roma durante il pontificato di papa Clemente V.

Nel 1294 fu eletto vescovo di Béziers e fu consacrato vescovo il 28 ottobre dello stesso anno. Il papa gli affidò la compilazione del libro sesto delle Decretali.

Il 15 dicembre 1305 papa Clemente V lo creò cardinale del titolo dei Santi Nereo e Achilleo e secondo l'uso del tempo Bérenger de Frédol rinunciò alla sua diocesi. Ebbe poi l'incarico di penitenziere maggiore. Intervenne ai processo contro i templari, offredo l'assoluzione a Jacques de Molay.

Nel 1309 optò per l'ordine dei cardinali vescovi e per la sede suburbicaria di Frascati. Nel 1312 fu legato in Francia presso Filippo IV. Partecipò al conclave del 1314-1316, che elesse papa Giovanni XXII. Nel 1321 divenne decano del Collegio cardinalizio.

Fondò un monastero a Bèziers e scrisse un trattato giuridico Repertorium iuris.

Morì ad Avignone, ma fu sepolto nella cattedrale di Béziers.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]