Arthur e la guerra dei due mondi (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arthur e la guerra dei due mondi
Titolo originale Arthur et la guerre des deux mondes
Lingua originale inglese
Paese di produzione Francia
Anno 2010
Durata 101 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere animazione, fantastico
Regia Luc Besson
Soggetto Luc Besson
Sceneggiatura Luc Besson, Céline Garcia
Produttore Luc Besson, Emmanuel Prévost
Distribuzione (Italia) Moviemax
Scenografia Hugues Tissandier
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Arthur e la guerra dei due mondi (Arthur et la guerre des deux mondes) è un film del 2010 diretto da Luc Besson, seguito di Arthur e la vendetta di Maltazard. È tratto dall'omonimo romanzo, scritto dallo stesso Besson. È stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane il 23 dicembre 2011.[2]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Maltazard è ormai alto 2,40 m e vuole dominare il mondo.

Arthur, Selenia e Bethameshe partono per la casa di Arthur, dove sperano di trovare una pozione che possa far ritornare Arthur alla sua normale statura e poter così fermare Maltazard.

Mentre Arthur e i suoi amici cercano di raggiungere il luogo dov'è custodita la pozione, vengono ostacolati da Darkos, che cerca ancora di ucciderli per fare contento il malvagio padre, Maltazard. Nel frattempo, Maltazard raggiunge la città di Arthur e si finge un uomo ricco per penetrare nella casa di Daisy ed Archibald (nonni di Arthur) e rubare la stessa pozione che sta cercando il ragazzo.

Purtroppo così avviene. Archibald, costretto da Maltazard, consegna la pozione a quest'ultimo, il quale fa crescere il suo esercito (zanzare con a bordo soldati) e attacca la città di Arthur, prendendone anche il controllo in poche ore.

Fortunatamente Arthur, con l'aiuto di Selenia, Bethameshe e Darkos (diventato buono) riesce a diventare nuovamente grande, dopo aver bevuto un elisir fatto da magiche api guerriere. Arthur così, dopo aver rubato la macchina del padre, raggiunge la città per fermare Maltazard. Anche Archibald e Darkos, diventato grande grazie ad un'altra pozione, decidono di andare in città per combattere.

Inizialmente Darkos sembra tornare malvagio, quando Maltazard gli dice di non averlo mai abbandonato e che da adesso comanderà lui l'esercito. Ma dopo un ennesimo tradimento del padre, libera Arthur, fatto prigioniero poco prima, e lo aiuta sconfiggendo alcuni soldati.

Dopo una dura battaglia tra Arthur e Maltazard, Selenia e Bethameshe riescono, cavalcando un'ape, a iniettare una pozione rimpicciolente a Maltazard, che così torna minuscolo. Senza un capo che li guidi, l'esercito viene così sconfitto (grazie anche all'intervento dei militari). Maltazard è così sconfitto e la pace torna a regnare tra i due mondi, mentre la città viene lentamente ricostruita.

Nella scena finale del film, Arthur e la sua famiglia festeggiano la vittoria ottenuta. Mentre questo accade, Daisy porta una fetta di torta di ciccolato a Maltazard, tenuto prigioniero dentro un piccolo vaso, dato che lui l'aveva convinta a portargliela ogni domenica nel suo palazzo, che avrebbe costruito se avesse vinto (anche se gliela lascia fuori dal vaso rendendogli impossibile poterla mangiare). Infine, come si vede dai titoli di coda, Darkos è diventato un cantante rock assieme alla sua band composta dall'ex-esercito di Maltazard.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mylène Farmer : Arthur et les Minimoys - Innamoramento.net
  2. ^ Arthur e la Guerra dei Due Mondi (Arthur 3 La guerre des deux mondes), COMINGSOON.it. URL consultato il 19 dicembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema