Armi a microonde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio di arma a microonde montata su un Humvee.

Le armi a microonde, note anche come Active Denial System (ADS), sono dispositivi non letali sviluppati dalle forze armate statunitensi.[1] Sono potenti trasmettitori di onde millimetriche usate per il controllo della folla (cosiddetto "goodbye effect")[2] o per fermare veicoli.[3] Ufficiosamente, tali armi sono chiamate anche heat ray (raggio caldo).[4] La Raytheon Company è una delle ditte che commerciano queste armi in versione a corto raggio.[5]

Gli ADS sono stati portati dalle forze statunitensi nel 2010 in Afghanistan, ma sono stati ritirati senza essere mai stati utilizzati.[6] Il 20 agosto 2010 il dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles annunciò di voler usare, se si fosse rivelato il caso, la tecnologia ADS contro i detenuti del centro di detenzione di Pitchess.[7]

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

L'ADS funziona emanando un potente fascio di radiazioni elettromagnetiche nella forma di onde millimetriche ad alta frequenza (95 GHz, lunghezza d'onda di 3,2 mm)[8] Allo stesso modo in cui le microonde cucinano il cibo, queste eccitano le molecole d'acqua e di grasso del corpo umano scaldandole e causando intenso dolore che aumenta, così come fa la temperatura, fin quando vi è puntato il fascio di microonde che però agisce anche su tutto quello si trova davanti o dietro l'oggetto (o la persona), eccetto per materiali simili alla carta argentata con cui, teoricamente, possono essere fatti indumenti per proteggersi dalle ADS.[9]

Molti aspetti degli ADS sono secretati, ma l'Air Force Research Laboratory (AFRL) ha fatto valutazioni indipendenti da quelle del costruttore. In accordo con quanto rilasciato al pubblico, ci sono stati più di 10 700 "spari" scaturiti dagli ADS[10] che sono stati giudicati idonei all'utilizzo. La Pennsylvania State University ha pubblicato un documento, seguito ad una ricerca, dimostrante l'interazione dei cosmetici applicati sulla pelle con i fasci di microonde, l'assenza di danni al sistema riproduttore maschile, la scarsa probabilità di formazione di tumori, l'assenza di difetti alla nascita per i figli dei colpiti e, come unico danno, la comparsa di vescicole della dimensione di un pisello in meno dello 0,1% della parte esposta. Lo studio concluse affermando che gli ADS non sono armi letali.[11]

Gli ADS sono installate solo su veicoli, anche se sia il corpo dei Marine che la polizia USA stanno lavorando su sistemi portatili.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Contratti[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 settembre 2004, la Raytheon ottenne una licenza dalla Federal Communications Commission (FCC) per mostrare la tecnologia ADS a forze di polizia e militari e ad organizzazioni per la sicurezza.[12]

Il 4 ottobre 2004 il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti rese pubblica la seguente informazione sul contratto:

« La Communications and Power Industries (CPI) di El Segundo, California, ha ricevuto un finanziamento di 6.377.762 $ oltre a quelli già stabiliti dal contratto. La CPI dovrà disegnare, costruire, testare e consegnare due sistemi d'arma altamente efficienti da 2,5 MW, con onda millimetrica continua da 95 GHz. La CPI dovrà condurre accurate simulazioni ed esperimenti per testare al massimo i due sistemi d'arma (che non dovranno avere meno di 1 MW di potenza in uscita) per accertarsi delle concrete capacità delle stesse. Il contraente deve inoltre fornire un contributo per le esigenze di prova del governo. Questo progetto verrà completato nel gennaio 2009. Gli accordi con l'Air Force Research Laboratory della Kirtland Air Force Base, Nuovo Messico, sono terminati nel settembre 2004.[13] »

Dimostrazioni e dispiegamento in Afghanistan[modifica | modifica wikitesto]

Versione operativa di un ADS (settembre 2008)

Un sistema d'arma ADS completamente operativo e installato su un veicolo venne mostrato e provato il 24 gennaio 2007 alla Moody Air Force Base (Georgia). Un corrispondente della Reuters si offrì volontario per essere colpito dal fascio di microonde e descrisse la sensazione "simile allo scoppio di un forno molto caldo, troppo dolorosa da sopportare senza una copertura".[14]

Nel giugno 2010 il tenente colonnello John Dorrian, portavoce delle forze NATO comandante dal generale Stanley McChrystal, confermò via e-mail alla giornalista del Wired Magazine Noah Shachtman che gli ADS erano stati portati in Afghanistan, ma che non erano ancora stati utilizzati.[14] Gli ADS sono stati ritirati dal servizio in Afghanistan il 25 luglio 2010. Un portavoce del dipartimento della Difesa USA disse che tale decisione era stata presa dai comandanti sul campo in Afghanistan.[15]

Il Silent Guardian[modifica | modifica wikitesto]

La Raytheon ha sviluppato una versione più piccola di ADS, il Silent Guardian. Questo modello in scala ridotta è pensato principalmente per agenzie di sicurezza e forze militari. Il sistema, utile fino a 550 m, si usa grazie ad un joystick e ad un piccolo schermo.[8]

L'autorità competente per le prigioni della contea di Los Angeles ha installato questi sistemi nei tetti delle sue strutture detentive.[16]

Michael Hanlon, un volontario che si è sottoposto al "fuoco" del Silent Guardian, ha descritto l'esperienza paragonandola "più o meno al tocco di un cavo incandescente, senza calore, con la sola sensazione di calore". La Raytheon ha affermato che il dolore cessa non appena viene fermato il fascio di microonde, ma Hanlon sostenne che le sue dita formicolavano anche ore dopo l'esposizione alle microonde.[17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Vehicle-Mounted Active Denial System (V-MADS) in globalsecurity.org. URL consultato il 15 maggio 2011.
  2. ^ (EN) Say Hello to the Goodbye Weapon in wired.com, 12 maggio 2006. URL consultato il 15 maggio 2011.
  3. ^ (EN) High-Power Electromagnetic System for Stopping Vehicles in eurekaaerospace.com. URL consultato il 15 maggio 2011.
  4. ^ (EN) Ray gun, sci-fi staple, meets reality in boston.com, 24 settembre 2004. URL consultato il 15 maggio 2011.
  5. ^ (EN) Silent GuardianTM Protection System in raytheon.com. URL consultato il 15 maggio 2011.
  6. ^ (EN) US army heat-ray gun in Afghanistan in bbc.co.uk, 15 luglio 2010. URL consultato il 15 maggio 2011.
  7. ^ (EN) New Device Unveiled Intended to Stop or Lessen Inmate Assaults: Assault Intervention Device (AID).... in sheriff.lacounty.gov, 20 agosto 2010. URL consultato il 15 maggio 2011.
  8. ^ a b (EN) David Hambling, Techwatch-Forecasting Pain in Popular Mechanics, vol. 183, nº 12, dicembre 2006, p. 32, ISSN 0032-4558.
  9. ^ (EN) Millimetre Waves, Lasers, Acoustics for Non-Lethal Weapons? Physics Analyses and Inferences in bundesstiftung-friedensforschung.de. URL consultato il 15 maggio 2011.
  10. ^ (EN) ACTIVE DENIAL SYSTEM - Advanced Concept Technology Demonstration in kirtland.af.mil, agosto 2006. URL consultato il 15 maggio 2011.
  11. ^ (EN) Report on the sixth International Law Enforcement Forum for Minimal Force Options, maggio 2008. URL consultato il 15 maggio 2011.
  12. ^ (EN) Active Denial System: A Nonlethal 'Counter-Personnel Energy Weapon' in why-war.com, 22 settembre 2004. URL consultato il 15 maggio 2011.
  13. ^ (EN) Contracts for October 4, 2004 in defense.gov, 4 ottobre 2004. URL consultato il 15 maggio 2011.
  14. ^ a b (EN) US military unveils heat-ray gun in bbc.co.uk, 25 gennaio 2007. URL consultato il 15 maggio 2011.
  15. ^ (EN) US withdraws 'pain ray' from Afghan war zone in dailymail.co.uk, 28 luglio 2010. URL consultato il 15 maggio 2011.
  16. ^ (EN) New "Laser" Weapon Debuts in LA County Jail in nbclosangeles.com, 23 agosto 2010. URL consultato il 15 maggio 2011.
  17. ^ (EN) Michael Hanlon, Run away the ray-gun is coming : We test US army's new secret weapon in The Daily Mail, 18 settembre 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]