Arma non letale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un raggio abbagliante, esempio di arma non letale

L'arma non letale (in inglese less-lethal weapon ovvero lett.: arma meno letale) anche detta arma inabilitante è un particolare tipo di arma, atte a fermare o comunque bloccare persone, masse di persone, materiali o mezzi.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Spesso questo tipo di armi vengono usate per autodifesa o dalle forze di polizia per sedare proteste, rivolte e sommosse senza causare danni seri (almeno in teoria) ai bersagli. Questo tipo di armi colpiscono, puniscono e scoraggiano i bersagli, ma non dovrebbero uccidere. In teoria sono nate e sono state sviluppate per essere, a pari numero di utilizzi rispetto per esempio ad armi da fuoco, molto meno letali, ovvero causare in percentuale meno ferite fatali nei soggetti colpiti, in operazioni di polizia e anti-sommossa.

Nel tempo, continuando le sperimentazioni e l'utilizzo di nuovi materiali si sta comunque andando verso una teoria, e quindi poi una pratica, della non-letalità garantita.

Tipologie[modifica | modifica sorgente]

Questa tipologia di arma può essere suddivisa in cinque aree, a seconda della tecnologia che queste impiegano: opto-elettrica, acustica, chimica-batteriologica, informatica e cinetica.[1]

Area opto-elettronica[modifica | modifica sorgente]

Rientrano in questa area ad esempio i fumogeni multispettrali, i laser a bassa energia, gli impulsi elettromagnetici.[1]

Area acustica[modifica | modifica sorgente]

Rientrano in questa area i generatori di ultrasuoni, ovvero suoni ad una frequenza molto alta possono causare disorientamento e vomito.[1] Queste armi sono state usate anche per tentare di respingere attacchi di pirati contro imbarcazioni mercantili al largo delle coste della Somalia, ed il loro uso è servito ad evitare diversi attacchi (anche se a volte non è stato sufficiente).

Area chimica-batteriologica[modifica | modifica sorgente]

Rientrano in questa categoria ad esempio gli agenti calmanti, biologici, le supercolle e gli antiaderenti, così come le schiume, supercaustici e le tecnologie di alterazione della combustione.[1]

Area informatica[modifica | modifica sorgente]

Rientrano in questa categoria i virus informatici, che sono un'arma che permette di danneggiare in modo temporaneo o non un sistema informatico nemico. Questo tipo di arma ha il vantaggio che chi la usa può avere un illimitato accesso a reti informatiche, avendo il vantaggio dell'anonimato.[1]

Area cinetica[modifica | modifica sorgente]

Rientrano in questa categoria tutte quelle armi basate sull'energia cinetica: ad esempio armi con proiettili di gomma (rubber bullet) o legno, cannoni ad acqua, granate spugnose.[1]

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Armi non letali, sul sito Carabinieri.it

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jan Alhadeff, Le armi inabilitanti non letali, collana Franco Angeli 1999

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

armi Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi