Granata stordente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
M84 Stun Grenade - USA

La granata stordente (detta anche in lingua inglese stun grenade o flashbang) è un tipo di arma non letale a scopo incapacitante in modo temporaneo.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

I primi modelli di dispositivi incapacitanti di questo tipo furono sviluppati dallo Special Air Service (SAS) britannico.[senza fonte]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di un dispositivo incapacitante basato sugli effetti di stordimento e saturazione sensoriale a breve termine, causati da un'intensissima stimolazione uditiva e visiva, senza solitamente la produzione di una quantità significativa di energia cinetica (danni da concussione), frammenti metallici (danni da perforazione) o termici (danni da calore); a parte l'aspetto esteriore, è quindi operativamente molto diversa, per scopi e principi di funzionamento, da una granata intesa nel senso classico del termine.

Le attuali granate stordenti presenti nelle TOE NATO (quali le M84 statunitensi) sono in grado di generare, per un brevissimo periodo di tempo, una luminosità di diversi milioni di candele, ed un'intensità sonora di oltre 170 dB.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Lo scopo dell'arma è quello di stordire, confondere ed incapacitare per alcuni secondi il nemico, allo scopo di poter operare azioni tattiche in maggior sicurezza. L'uso dei dispositivi tipo flashbang è particolarmente diffuso nel contesto delle operazioni speciali, di antiterrorismo e di recupero ostaggi, in quanto permette alle forze d'azione l'esecuzione di irruzioni più sicure ed efficaci, impedendo di fatto ai nemici di reagire o di colpire gli ostaggi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]