Federal Communications Commission

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Federal Communications Commission
(EN) Federal Communications Commission
Federal Communications Commission
official seal
Abbreviazione FCC
Tipo governativa
Fondazione 1934
Scopo telecomunicazioni
Sede centrale Stati Uniti Washington, D.C.
Area di azione Stati Uniti
Chairman (Presidente) Stati Uniti Tom Wheeler
Lingua ufficiale inglese
www.fcc.gov Sito web
Logo dell'agenzia

La Federal Communications Commission (Commissione federale comunicazioni) o FCC è un'agenzia governativa indipendente degli Stati Uniti creata, diretta e autorizzata dallo statuto congressuale. È una Autorità amministrativa indipendente ma ha maggiori poteri delle corrispondenti Autority italiane.

La FCC è stata stabilita dal Communications Act del 19 giugno 1934 come successore della Federal Radio Commission ed è incaricata di tutti gli usi dello spettro radio (incluse trasmissioni radio e televisive) non governative, e tutte le telecomunicazioni interstatali (via cavo, telefoniche e satellitari) e le comunicazioni internazionali che provengono e sono destinate agli Stati Uniti. È un importante elemento della politica delle telecomunicazioni americana. La FCC ha il controllo delle comunicazioni telefoniche dalla Interstate Commerce Commission.

Principali regolamentazioni[modifica | modifica sorgente]

L'identificativo delle stazioni radiofoniche e televisive si compone di tre o quattro lettere. La prima di norma identifica l'area geografica, W ad est del Mississippi o K a ovest, ma ci sono molte eccezioni come WOAI a San Antonio o KYW a Filadelfia o le due stazioni governative che diffondono il Tempo coordinato universale WWV di Fort Collins nel Colorado.

Un sistema equivalente esiste in Messico nella lettera XE per le stazioni radio, AM e XH per le televisioni; in Canada lettere CF per radio e per le emittenti televisive da CH a CK.

Limiti del numero dei canali televisivi[modifica | modifica sorgente]

La Commissione federale delle comunicazioni - FCC - limita il numero dei canali posseduti ed operativi alla quota percentuale del 39% delle famiglie americane.[1] Ciò si riflette in modo diverso per le reti a seconda dei mercati, (aree di business). Così ABC e NBC hanno 10 stazioni emittenti in importanti mercati, mentre Fox ha 17 stazioni in aree meno redditizie e la CBS 14.

Zona ABC CBS FOX NBC
Atlanta WAGA-TV
Austin, Texas KTBC-TV
Baltimore WJZ-TV
Boston WBZ-TV WFXT
Chicago WLS-TV WBBM-TV WFLD-TV WMAQ-TV
Dallas KDFW-TV
Denver KCNC-TV
Detroit WWJ-TV WJBK-TV
Durham, North Carolina WTVD
Flint, Michigan WJRT-TV
Fort Worth KTVT KXAS-TV
Fresno, California KFSN-TV
Houston KTRK-TV KRIV
Los Angeles KABC-TV KCBS-TV KTTV KNBC
Memphis WHBQ-TV
Miami WFOR-TV WTVJ
Minneapolis WCCO-TV KMSP-TV
New Britain, Connecticut WVIT
New York City WABC-TV WCBS-TV WNYW WNBC
Ocala, Florida WOGX
Orlando WOFL
Filadelfia WPVI-TV KYW-TV WTXF-TV WCAU-TV
Phoenix KSAZ-TV
Pittsburgh KDKA-TV
Sacramento KOVR
San Diego KNSD
San Francisco KGO-TV KPIX
San Jose, California KNTV
Tampa WTVT
Toledo, Ohio WTVG
Washington, D.C. WTTG WRC-TV
Totali 10 14 17 10

Autorità di regolamentazione per l'Europa[modifica | modifica sorgente]

Un'autorità pubblica, come la FCC non esiste in Europa. Invece, l'accordo quadro che disciplina la Commissione europea e le autorità nazionali di regolamentazione, si sono organizzati nel gruppo dei regolatori europei European Regulators Group (ERG), per gli standard in Europa.[2]

Influenze[modifica | modifica sorgente]

La Korea Communications Commission della Corea del Sud si basa sulla Federal Communications Commission.

Argomenti correlati[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ FCC's Review of the Broadcast Ownership Rules
  2. ^ ec.europa.eu