Arcidiocesi di Maputo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Maputo
Archidioecesis Maputensis
Chiesa latina
Catedral de Maputo.jpg
  Mozambique Provinces Maputo Province 250px.png
Diocesi suffraganee
Inhambane, Xai-Xai
Arcivescovo metropolita Francisco Chimoio
Ausiliari João Carlos Hatoa Nunes
Arcivescovi emeriti cardinale Alexandre José Maria dos Santos
Sacerdoti 80 di cui 21 secolari e 59 regolari
8.437 battezzati per sacerdote
Religiosi 115 uomini, 214 donne
Abitanti 3.850.000
Battezzati 675.000 (17,5% del totale)
Superficie 25.238 km² in Mozambico
Parrocchie 40
Erezione 21 gennaio 1612
Rito romano
Cattedrale Immacolata Concezione
Indirizzo Paço Arquiepeiscopal, Avenida Eduardo Mondlane 1448, C.P. 258, Maputo, Moçambique
Dati dall'Annuario Pontificio 2005 * *
Chiesa cattolica in Mozambico

L'arcidiocesi di Maputo (in latino: Archidioecesis Maputensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2004 contava 675.000 battezzati su 3.850.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Francisco Chimoio.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende la città di Maputo e la provincia omonima nell'estremo sud del Mozambico.

Sede arcivescovile è la città di Maputo, dove si trova la cattedrale dell'Immacolata Concezione.

Il territorio è suddiviso in 40 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'amministrazione apostolica di Mozambico fu eretta 21 gennaio 1612 con il breve In supereminenti di papa Paolo V, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Goa (oggi arcidiocesi di Goa e Damão).

Nel 1783 l'amministrazione apostolica fu elevata a prelatura territoriale.

L'8 giugno 1818 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione del vicariato apostolico del Capo di Buona Speranza e dei territori adiacenti (oggi diocesi di Port Elizabeth). In realtà l'erezione del vicariato apostolico rimase sulla carta senza trovare attuazione, fino a quando l'11 marzo e il 4 aprile 1819 fu eretto sugli stessi territori il vicariato apostolico di Mauritius (oggi diocesi di Port-Louis).

Il 4 settembre 1940 in forza della bolla Sollemnibus Conventionibus di papa Pio XII ha ceduto altre porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione delle diocesi di Beira e Nampula (oggi entrambe arcidiocesi) e nel contempo è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana, assumendo il nome di arcidiocesi di Lourenço Marques.

Il 3 agosto 1962 e il 19 giugno 1970 ha ceduto ulteriori porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente delle diocesi di Inhambane e di João Belo (oggi diocesi di Xai-Xai).

Il 18 settembre 1976 ha assunto il nome attuale.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 3.850.000 persone contava 675.000 battezzati, corrispondenti al 17,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 104.770 1.290.315 8,1 65 24 41 1.611 21 145 31
1970 442.818 1.396.551 31,7 223 128 95 1.985 139 424 59
1980 289.648 908.226 31,9 42 5 37 6.896 51 110 40
1990 304.700 1.019.000 29,9 73 8 65 4.173 97 226 40
1999 475.000 3.850.000 12,3 108 19 89 4.398 118 189 39
2000 475.000 3.850.000 12,3 112 23 89 4.241 118 189 39
2001 476.000 3.859.000 12,3 107 18 89 4.448 118 189 39
2002 464.000 3.859.000 12,0 107 18 89 4.336 124 189 41
2003 675.000 3.850.000 17,5 88 19 69 7.670 125 210 40
2004 675.000 3.850.000 17,5 80 21 59 8.437 115 214 40

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi