Amerika Bomber

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sänger Silbervogel - Il modello del Uccello d'Argento di Eugen Sänger.

Il progetto Amerika Bomber fu un'iniziativa del Reichsluftfahrtministerium, il Ministero dell'Aria della Germania nazista, volta allo sviluppo di un bombardiere in grado di colpire la costa orientale degli Stati Uniti partendo da basi europee, a una distanza di quasi 6000 km. Già nel 1938 Hermann Göring espresse in pubblico il suo disappunto per la mancanza di un tale bombardiere a lungo raggio, ma i progetti veri e propri iniziarono nel 1941 in seguito al Destroyers for bases agreement (settembre 1940). Vennero formulate richieste alle principali industrie tedesche (Messerschmitt AG, Junkers, Heinkel, Focke-Wulf ed ai fratelli horten), e le proposte migliori si rivelarono essere aerei moderni ma simili ai bombardieri pesanti alleati del tempo: il Messerschmitt Me 264, il Focke-Wulf Fw 300, il Focke-Wulf Ta 400, il Junkers Ju 390 e l'Heinkel He 277. Il progetto venne abbandonato a causa dell'indebolimento della Germania negli ultimi anni della guerra, della mancanza di risorse e dei bombardamenti alleati.

Il Piano[modifica | modifica wikitesto]

Il Progetto Amerika-Bomber fu completato nell' aprile 1942, e fu sottoposto al Reichsmarschall Hermann Göring il 12 maggio 1942. Le 33 pagine del piano furono scoperte a Potsdam da Olaf Groehler, uno storico tedesco. Furono fatte dieci copie, di cui 6 furono date a differenti uffici della Luftwaffe. Nello specifico il Piano faceva esplicito riferimento al fatto che si dovesse utilizzare le isole atlantiche delle Azzorre come base di transito per raggiungere le coste orientali degli Stati Uniti. Se si fossero usati gli aerei tipo Heinkel He 277, Junkers Ju 390 e Messerschmitt Me 264 per raggiungere gli obiettivi posti lungo le coste americane, dovevano essere usate, rispettivamente, bombe da 3 ton, 5 ton, e 6.5 ton. L'uso delle isole Azzorre viene citato dallo storico militare James P. Duffy, in Target America: "Hitler's Plan to Attack the United States" (The Lyons Press, 2006) il quale riporta quello che disse in una riunione lo stesso Hitler.

Obiettivi principali[modifica | modifica wikitesto]

Nel piano speciale per l'attacco al suolo orientale degli Stati Uniti era inclusa una lista di 21 obiettivi di notevole importanza militare. Di tali obiettivi, 19 furono localizzati negli Stati Uniti e i due restanti erano situati a Vancouver, Canada, e alla punta sud della Groenlandia. Da riferire che gli obiettivi erano imprese che fabbricavano parti strategiche degli aerei militari statunitensi. I 19 obIettivi risultavano catalogati in base alla posizione geografica: