Alcione (dialogo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Libro}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

L’Alcione (in greco antico Ἁλκιόνη) è un breve dialogo in cui Socrate narra a Cherefonte l’antico mito di Alcione, la donna trasformata da Zeus in un uccello marino. La tradizione lo inserisce talvolta tra le opere di Platone, talvolta tra quelle di Luciano di Samosata, ma sembra non essere attribuibile a nessuno dei due filosofi.[1] Viene citato anche da Favorino, all’inizio del II secolo, il quale lo attribuisce a un certo Leone.[2] Raramente compreso nelle raccolte moderne dei dialoghi platonici, viene solitamente incluso tra le opere spurie di Luciano.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A.E. Taylor, Plato: The Man and His Work, Dover 2001, p. 552.
  2. ^ Diogene Laerzio III, 62.
  3. ^ In traduzione italiana, è disponibile in: Luciano di Samosata, Tutti gli scritti, a cura di L. Settembrini, Milano 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]