Alamo - Gli ultimi eroi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alamo - Gli ultimi eroi
Titolo originale The Alamo
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2004
Durata 142 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere guerra, drammatico, western
Regia John Lee Hancock
Sceneggiatura Leslie Bohem, Stephen Gaghan, John Lee Hancock
Produttore Ron Howard; Mark Johnson
Fotografia John O'Connor, Dean Semler
Montaggio Eric L. Beason
Musiche Carter Burwell, Craig Eastman
Scenografia Carla Curry
Costumi Daniel Orlandi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Alamo - Gli ultimi eroi (The Alamo) è un film del 2004 diretto da John Lee Hancock.

La pellicola è basata sulla nota battaglia avvenuta nel 1836 nel forte di Alamo, in Texas originariamente concepita come una missione a scopo religioso e divenuta fortificazione solo in seguito a scorribande di messicani, pellerossa e statunitensi.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il Tenente Colonnello William Barret Travis viene incaricato di presidiare Alamo per resistere all'assalto dell'esercito messicano guidato dal dittatore del Messico, il generale Antonio López de Santa Anna. Arrivato sul luogo incontra difficoltà a ottenere disciplina dai suoi uomini, che preferiscono l'autorità di Jim Bowie alla sua. Di lì a poco arriva anche Davy Crockett, il leggendario eroe americano.

Alla guida di un gruppo di 200 texani, Travis resistette per circa due settimane, aspettando invano i rinforzi di Samuel Houston; il forte finisce così per cadere, a costo di numerose perdite da parte dell'esercito messicano, con un attacco al limite della follia (infatti sarebbe bastato aspettare il mattino successivo per utilizzare l'artiglieria e sfondare le fortificazioni).

In seguito, attirando le forze divise e indebolite di Santa Anna verso est, avviene la riscossa del generale Samuel Houston (a capo delle milizie e dei volontari texani), che in 18 minuti sconfigge l'armata messicana, conferendo al Texas la forma e le dimensioni che ha tutt'oggi. Santa Anna venne catturato, ma rilasciato in cambio della promessa di non attaccare mai più il Texas con le sue armate.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

La regia doveva essere inizialmente di Ron Howard, che rifiutò per controversie con la Walt Disney Productions. Molte delle comparse che appaiono nel film sono discendenti dei difensori originali di Fort Alamo.[1] Il set costruito è il più grande nella storia dei film girati negli Stati Uniti. L'attore Billy Bob Thornton seguì lezioni di violino per girare le scene in cui appare con lo strumento.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato stroncato sia dalla critica che dal pubblico, costato 140 milioni di dollari ha avuto un ritorno economico di poco più di 20 milioni che lo colloca come uno dei più grossi flop del cinema.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema