Al Corley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alford Corley (Wichita, 22 maggio 1956) è un attore, produttore cinematografico e cantante statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce in Kansas, prima di debuttare come attore lavora come buttafuori presso il leggendario Studio 54.[1] Debutta al cinema nel 1981 nel film Crazy Runners - Quei pazzi pazzi sulle autostrade, ma ottiene ben presto successo nel piccolo schermo, grazie alla nota interpretazione del figlio Steven Carrington, nel serial televisivo Dynasty, coraggioso ruolo gay per un attore americano di quei tempi, che gli porterà una grande popolarità, interpretato dal 1981 al 1982 e poi sostituito successivamente da Jack Coleman.

Nel 1984 intraprende la carriera musicale, scalando le classifiche di mezza Europa con la hit Square Rooms, prodotta da Harold Faltermeyer, entrato tra i classici degli anni ottanta. Dopo altri singoli di minor successo come Cold Dresses e Face to Face e altri due album, la sua carriera musicale si spegne in breve tempo.

Per molti anni sparisce dalle scene, tornando a lavorare come attore nel 1994, ottenendo un piccolo ruolo nel film Don Juan De Marco maestro d'amore, accanto a Johnny Depp e Marlon Brando. Nello stesso anno inizia l'attività di produttore cinematografico con il thriller tedesco Una moglie di troppo.

Nel 1991 e nel 2006 torna a vestire i panni di Steven Carrington, ruolo che lo rese celebre, in due film televisivi di Dynasty. Come produttore ha prodotto film come Palmetto - Un torbido inganno, BancoPaz, Chi ha ucciso la signora Dearly?, Edmond, Un amore sotto l'albero e Behind the Mask - Vita di un serial killer.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Dal 1989 è sposato con l'attrice tedesca Jessika Cardinahl, la coppia ha tre figli, Sophie, Ruby e Clyde. La figlia maggiore, Sophie, è nata con la sindrome di Wolf-Hirschhorn, che le ha causato un ritardo mentale e handicap fisici.[1]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Bio, italian.imdb.com. URL consultato l'08-02-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22326922