Abelisaurus comahuensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Abelisaurus
Stato di conservazione: Fossile
Abelisaurus BW.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Infraordine Ceratosauria
Superfamiglia Abelisauroidea
Famiglia Abelisauridae
Sottofamiglia Abelisaurinae
Genere Abelisaurus
Specie A. comahuensis
Nomenclatura binomiale
A. comahuensis
Bonaparte & Novas, 1985

L'abelisauro (Abelisaurus comahuensis) era un grande dinosauro carnivoro, vissuto nello stadio Campaniano del Cretaceo superiore in Sudamerica.[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del genere, Abelisaurus, cioè "lucertola di Abel", è stato dato in onore di Roberto Abel, scopritore dei fossili ed ex-direttore del Museo Provincial de Cipolletti Carlos Ameghino, situato nella città argentina di Cipolletti, dove i resti sono conservati. Il nome dell'unica specie finora assegnata a questo genere, Abelisaurus comahuensis, deriva dalla regione argentina di Comahue, dove i resti sono stati trovati.
Sia il genere che la specie sono stati descritti nel 1985 dai paleontologi argentini Josè Bonaparte e Fernando Novas, che li assegnarono ad una nuova famiglia appositamente creata, gli Abelisauridae.[2]

Ritrovamenti[modifica | modifica wikitesto]

Ritrovamenti fossili di Abelisaurus comahuensis.

Scoperto nel 1983 in una cava di sabbia presso Cipolletti, nella Patagonia, Argentina, questo grande carnivoro è conosciuto solo per un cranio quasi completo lungo quasi 85 cm.[2] La parte destra è incompleta e manca anche il palato. Non ci sono evidenze di creste o corna, come quelle trovate in altri abelisauridi come il Carnotaurus, ma presenta le larghe aperture parietali nel cranio comuni a molti altri dinosauri, probabilmente con la funzione di ridurre il peso del cranio.[2]

I resti furono trovati nella Formazione Anacleto, parte del Neuquén Group, nella provincia del Rio Negro.[3] Questa formazione risale allo stadio Campaniano del Cretaceo superiore, datata tra 83 e 80 milioni di anni fa.[1]

Abelisaurus risale al Cretaceo superiore (stadio Campaniano), e i suoi fossili sono stati rinvenuti durante alcuni scavi per l'estrazione di resti di sauropodi titanosauridi in Patagonia (Argentina). Benché si conosca solo il cranio, è stato possibile ricostruire l'intero animale sulla base di successivi ritrovamenti di dinosauri simili (Carnotaurus, Majungatholus).

Ricostruzione artistica dell'Abelisaurus comahuensis.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Confronto tra le dimensioni dell'Abelisaurus e quelle dell'uomo.

Nonostante della specie tipo, Abelisaurus comahuensis, si conosca solo il cranio, il confronto con altri dinosauri simili fa ritenere che fosse lungo attorno ai nove metri e alto quattro. Queste dimensioni porterebbero a collocarlo nel ruolo di superpredatore nell'ecosistema sudamericano dell'epoca. Le sue probabili prede erano i Sauropodi Titanosauridi e gli Adrosauridi.
Il cranio, lungo quasi 85 cm,[2] era piuttosto particolare e aveva un aspetto stranamente "a naso aquilino", con una strana carena nodosa che corre per quasi tutta la lunghezza del muso. Le fauci erano munite di lunghi denti seghettati e compressi lateralmente.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'iniziale scoperta del cranio di A. comahuensis, sono stati trovati altri reperti più completi di Aucasaurus, Carnotaurus e Majungasaurus.

Inizialmente la classificazione di A. comahuensis era dibattuta.[4][5] In tempi più recenti l'A. comahuensis è stato classificato come un membro basale degli abelisauridi, al di fuori della famiglia dei Carnotaurini.[6][7]

Alcuni ricercatori ipotizzano che questo dinosauro possa essere un parente dei giganteschi carcarodontosauridi, che fino a qualche milione di anni prima dominavano l'ecosistema sudamericano.[8] L'aspetto dei crani, in effetti, è molto simile, ma analogie sono state riscontrate anche con i tirannosauridi (le orbite "a buco di serratura", ad esempio) e probabilmente si tratta solo di fenomeni di convergenza evolutiva. Infatti gli Abelisauridi sono oggi collegati con i ceratosauridi del giurassico, e quindi rappresentano una linea evolutiva "alternativa" agli altri teropodi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Leanza, H.A., Apesteguia, S., Novas, F.E., & de la Fuente, M.S. (2004). Cretaceous terrestrial beds from the Neuquén Basin (Argentina) and their tetrapod assemblages. Cretaceous Research 25(1): 61-87.
  2. ^ a b c d Bonaparte, J.F. & Novas, F.E. (1985). "Abelisaurus comahuensis", n.g., n.sp., Carnosauria del Crétacico Tardío de Patagonia. Ameghiniana. 21: 259-265.
  3. ^ Bonaparte, J. F. (1991). Los dinosaurios del miembro inferior de la Formación Rio Colorado. Revista del Museo Argentino de Ciencias Naturales "Bernardino Rivadavia". Los vertebrados fósiles de la Formación Río Colorado de la ciudad de Neuquen y Cercanias, Cretácico Superior, Argentina, 68-101.
  4. ^ Sampson, S.D., Witmer, L.M., Forster, C.A., Krause, D.A., O'Connor, P.M., Dodson, P., Ravoavy, F. (1998). Predatory dinosaur remains from Madagascar: implications for the Cretaceous biogeography of Gondwana. Science, 280: 1048-1051.
  5. ^ Lamanna, M.C., Martinez, R.D., & Smith, J.B. (2002). A definitive abelisaurid theropod dinosaur from the early Late Cretaceous of Patagonia. Journal of Vertebrate Paleontology. 22(1): 58-69.
  6. ^ Tykoski, R.S. & Rowe, T. (2004). Ceratosauria. In: Weishampel, D.B., Dodson, P., & Osmolska, H. (Eds.) The Dinosauria (2nd edition). Berkeley: University of California Press. Pp. 47-70.
  7. ^ Sereno, P.C., Wilson, J.A., & Conrad, J.L. (2004). New dinosaurs link southern landmasses in the Mid-Cretaceous. Proceedings of the Royal Society of London: Biological Sciences. 271: 1325-1330.
  8. ^ Novas, F.E. 1997. Abelisauridae. In: Currie, P.J. & Padian, K.P. Encyclopedia of Dinosaurs. San Diego: Academic Press. Pp. 1-2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bonaparte, J.F. & Novas, F.E. (1985). "Abelisaurus comahuensis", n.g., n.sp., Carnosauria del Crétacico Tardío de Patagonia. Ameghiniana. 21: 259-265.
  • Lamanna, M.C., Martinez, R.D., & Smith, J.B. 2002. A definitive abelisaurid theropod dinosaur from the early Late Cretaceous of Patagonia. Journal of Vertebrate Paleontology. 22(1): 58-69.
  • Leanza, H.A., Apesteguia, S., Novas, F.E., & de la Fuente, M.S. (2004). Cretaceous terrestrial beds from the Neuquén Basin (Argentina) and their tetrapod assemblages. Cretaceous Research 25(1): 61-87.
  • Tykoski, R.S. & Rowe, T. 2004. Ceratosauria. In: Weishampel, D.B., Dodson, P., & Osmolska, H. (Eds.) The Dinosauria (2nd edition). Berkeley: University of California Press. Pp. 47-70.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]