Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zorori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zorori
Zorori.png
Zorori con indosso il costume leggendario
Universo Kaiketsu Zorori
Nome orig. ゾロリ (Zorori)
Lingua orig. Giapponese
Alter ego Re delle birichinate
Autore Yutaka Hara
1ª app.
  • Anime: Episodio 1
Voce orig. Koichi Yamadera
Voce italiana Alessio Cigliano
Specie Volpe antropomorfa
Sesso Maschio
Abilità
  • intelligenza e astuzia
  • agilità
  • capacità di costruire macchinari incredibili
  • travestimento

Zorori (ゾロリ?) è il protagonista dell'anime Kaiketsu Zorori. Il suo nome deriva dal termine spagnolo zorro, che significa "volpe", ma è anche un riferimento a Zorro in persona, come spiega la somiglianza del costume leggendario con quello del famoso eroe.

Zorori è una volpe dal pelo giallo. Normalmente porta un abito risalente al periodo Edo: un sandogasa, un mantello bianco a strisce viola, una camicia azzurra e dei pantaloni lunghi verdi. In alcuni momenti cruciali, Zorori indossa il costume leggendario, che ha molte affinità con quello di Zorro: un cappello nero con una riga rossa, una maschera per gli occhi nera, una calzamaglia blu con le lettere ZZ dipinte sul torace, una cintura dorata e stivali rossi.

Ha una personalità complessa: di norma è di indole allegra e spensierata, se non infantile e scavezzacollo. Adora cantare e il suo cibo preferito è l'anpan. Nonostante cerchi di mantenersi subdolo, dispettoso e senza scrupoli nei confronti delle vittime delle sue "birichinate", il più delle volte rivela la sua vera natura: buono di cuore e altruista, e finisce con l'aiutare queste sia direttamente che indirettamente. Eppure, in alcuni casi in cui Zorori compie buone azioni di proposito, manifesta attacchi febbrili. È molto legato a sua madre, deceduta misteriosamente, e il ricordo del suo compleanno gli provoca un'enorme tristezza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Zorori visse la sua infanzia solo con sua madre Zororina, in quanto il padre, che aveva una morbosa passione per gli aeroplani, lasciò la sua famiglia quando la volpe era ancora in fasce per intraprendere un viaggio dal quale non tornò più. Quando Zororina morì (secondo alcuni fan, esattamente dopo che Zorori raggiunse la maggior età) in circostanze non chiare, la giovane volpe iniziò a viaggiare per il mondo, con l'intento di esaudire il suo ultimo desiderio: vedere il figlio diventare re, costruirsi un castello e sposarsi con una principessa meravigliosa.

Nella prima tappa del suo viaggio, il Regno di Levanna, Zorori conosce i Fratelli Cinghiale, Singhiale (Ishishi) e Nonghiale (Noshishi), mentre discutono con un venditore di oden sul prezzo di questi ultimi. La volpe li aiuta a rubare il carretto del venditore, e li usa come complici per progettare il rapimento della figlia del re di Levanna, Elzie. È in questa circostanza che Zorori avrà il suo primo nemico, il principe Arthur, promesso sposo della principessa, e con il quale si troverà a combattere ma in netto vantaggio visto che in precedenza si è impossessato delle sue armi. A causa però dell'incompetenza di Singhiale e Nonghiale, Zorori viene sconfitto e lascia Levanna. I due cinghialetti lo raggiungono e gli propongono di diventare il loro maestro e di insegnare loro le "arti delle birichinate". Zorori inizialmente rifiuta, ma a seguito di una nuova avventura in cui i tre eroi si ritrovano a fronteggiare cinque mostri che hanno invaso un castello, tra loro nasce un'intesa.

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima stagione Zorori conosce quelli che saranno i personaggi principali con cui avrà a che fare, amici e nemici:

  • Nell'episodio 4, incontra il Professor Mostro, un demone che gestisce una scuola nella quale insegna ai mostri come spaventare la gente. Zorori aiuterà i suoi allievi a guadagnare fiducia in loro stessi, spingendoli a spaventare una tranquilla cittadina.
  • Nell'episodio 5, entra in possesso del sacro Bukkura Koita, un libro che racconta freddure talmente banali da congelare chiunque le ascolti, anche sparandole sotto forma di ghiaccio. Questo diventerà una delle sue principali armi.
  • Nell'episodio 6, si imbatte nel mistico Gurun Rod per la prima volta, un artefatto che permette a chiunque di utilizzare la magia: lo sottrarrà a un mago malvagio che si dilettava a fare esperimenti sugli abitanti di un villaggio.
  • Nell'episodio 7 ha il primo scontro con Tigre, comandante della ciurma del piccolo pirata Paru, che ha spinto i suoi compagni all'ammutinamento nel tentativo di impossessarsi del suo tesoro.
  • Nell'episodio 9 viene per la prima volta raggirato dal disonesto Duca Bururu: vincendo per puro caso un castello di cioccolato mangiando (o meglio leccando) tavolette prodotte da quest'ultimo, sarà ostacolato in tutti i modi dal reclamare il suo premio. Alla fine, Zorori vincerà, ma per errore deciderà di trasportare il castello in un paese caldo, che si scioglierà al sole.
  • Nell'episodio 14, quando viene coinvolto nello schianto di un aereo su una montagna innevata, insieme alla giovane e ricca lady Money, vede per la prima volta il misterioso aeroplano rosso, forse guidato da suo padre.
  • Negli episodi 19 e 20 diventa il ricercato numero uno: dopo aver combinato innumerevoli birichinate nella grande metropoli Spany City, sostituisce tutti i suoi orribili poster da ricercato con altri fatti da lui stesso. Sfortunatamente, non solo viene identificato nel momento esatto in cui opera la sostituzione, ma viene anche incolpato di un reato non commesso: il furto della statua dei patroni della città. Trasportato nell'inespugnabile penitenziario di Spany City, riuscirà a fuggire dalla prigione.
  • Nell'episodio 29 Zorori e Gaon si conoscono per la prima volta: Zorori rischia la morte per assideramento a causa di una tormenta sulle montagne vicino alla città di Hail, e viene salvato da Gaon. Tuttavia, i due diventano subito rivali, in quanto entrambi possiedono il sacro Bukkura Koita, ma quello di Gaon è un falso meccanico costruito da lui stesso.
  • Nell'episodio 35 incontra i ninja Gorimaru e Sarumaru, con i quali si indebita per imparare le arti utili a rubare una rarissima scheda prepagata dal valore di 100 milioni di Yen da un collezionista di nome Michael. Quando Singhiale inavvertitamente la usa, azzerando il suo valore, scappa via lasciando i due ninja con i debiti da risanare. Da quel momento, Gorimaru e Sarumaru giurano vendetta contro la volpe.
  • Negli episodi 41 e 42 Zorori libera la dolce principessa Myan da un videogioco, e tra i due sboccia l'amore. La volpe spende molti soldi per renderla felice, svolgendo innumerevoli lavori, ma quando gli viene proposto di venire a vivere con lei nel mondo dei videogiochi e lasciare per sempre Singhiale e Nonghiale, rifiuta molto a malincuore, sapendo che la sua missione deve essere compiuta nel mondo reale.
  • Negli episodi 48-51 Zorori affronterà per la prima volta lo spietato Re Enma, sovrano dell'Inferno, che l'ha ucciso ritenendo che il suo nome sia comparso nel Grande Libro (e che quindi sia arrivato il suo momento). Enma proporrà a Zorori di sopportare le pene di 7 gironi infernali senza lamentarsi, in cambio della resurrezione. Durante questo viaggio Zorori riuscirà anche a giungere per un po' di tempo in Paradiso, dove si riunirà con sua madre e la quale alla fine chiarirà l'equivoco in cui è caduto Enma.

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli avvenimenti della prima stagione, Zorori sarà coinvolto in una serie di eventi che hanno sconvolto la pace del Paese della Magia. La sua prima avventura riguarda la battaglia contro un gruppo di prestigiatori capitanati da Tigre in persona, nella quale salverà la giovane apprendista strega Nelly. In seguito, Zorori l'aiuta a rimediare a un errore commesso: l'aver inavvertitamente evocato un sigillo sulla Foresta Magica, eliminandone i colori e causando disastri in tutto il Paese della Magia. La volpe riesce a ristabilire l'ordine seguendo i consigli sotto forma di indovinelli di un esserino di nome Najou, liberando i 12 spiritelli guardiani della foresta. Il vero colpo di scena è però la scoperta del vero responsabile del sigillo: il farmacista Dapon, un tanuki abile negli incantesimi di trasformazione che detesta la razza dei maghi. Questi, una volta saputo del sigillo eliminato dalla foresta, rapisce Nelly perché lanci nuovamente l'incantesimo: Zorori lo insegue fino all'interno di un gigantesco grattacielo, e qui affronta la sua tuta robotica distruggendola. Dapon riesce tuttavia a fuggire e minaccia di allagare un intero villaggio con della salsa di soia. Anche questo piano fallisce, ma Zorori, inseguendolo a bordo di un elicottero, si schianta contro una roccia e precipita in un burrone insieme a Dapon, fratturandosi una gamba. Inaspettatamente, è proprio Dapon che lo guarisce fornendogli una medicina, poi gli rivela di essersi pentito dei suoi sbagli e di volersi costituire.

Gli ultimi tre episodi vedono Zorori alle prese con un enorme meteorite che minaccia di distruggere la Terra.

Identità fittizie[modifica | modifica wikitesto]

Zorori assume diverse identità fittizie nel corso delle sue avventure, sfruttando la sua incredibile capacità di travestimento:

  • Zoroè: Nell'episodio 37 della prima stagione, Zorori si traveste da donna per sfuggire alla polizia, ma sfortunatamente l'agente Inutaku s'innamora di lui e gli propone di sposarlo. Tutti i tentativi falliti di scappare, insieme alle estenuanti prove d'onore impostegli dai parenti di Inutaku gli provocheranno un esaurimento nervoso a tal punto che si convincerà realmente di essere una donna.
  • Kogoro: Negli episodi 9 e 10 della seconda stagione, Zorori si spaccia per detective sia per alloggiare nell'albergo termale gestito da Conyan e Ranra usufruendo di uno sconto speciale, sia per evitare di essere riconosciuto. Inaspettatamente, riuscirà a risolvere il caso del furto dell'attrazione speciale dell'albergo, una testa di leone dorata.
  • Re degli spaghetti: Negli episodi 13 e 14 della seconda stagione, Zorori si finge un critico di ristoranti conosciuto come il "re degli spaghetti", per poter mangiare gratis in due ristoranti specializzati in ramen da sempre in competizione fra loro: Kame Kame e Zuru Zuru. In seguito, Zorori sfrutta la sua falsa identità per insegnare loro nuove ricette per i ramen, che puntualmente si rivelano un completo fallimento mandando in bancarotta entrambi i ristoranti e consentendo alla volpe di aprire il suo senza la minima concorrenza.

Armi e oggetti[modifica | modifica wikitesto]

L'incredibile genialità di Zorori lo rende capace di costruire diversi oggetti, dai più semplici ai macchinari più complessi, e di utilizzarli per i suoi scopi.

Oltre a ciò, Zorori è il detentore del Bukkura Koita, un libro sacro che contiene una serie di freddure (in giapponese definite Oyaji Gags) che possono essere lanciate contro gli avversari sotto forma di raggio gelato o di blocchi di ghiaccio, a seconda dell'intensità e del tipo di freddura.

Infine, dalla seconda stagione, Zorori entra in possesso di un gadget denominato Sfera Volante, una cordicella alla cui estremità è collegata una palla di gomma. La cordicella è estremamente resistente e rende Zorori capace di appendersi a dei cornicioni e di dondolare, oppure di far crollare blocchi di mattoni addosso agli avversari.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nell'anime l'età di Zorori viene indicata come sconosciuta, e questo ha portato molti fan a fare delle ipotesi su di essa. Secondo WikiFur, Zorori avrebbe 19 anni.
  • C'è chi ha ravvisato nella fibbia della cintura del costume leggendario, che rappresenta una testa di volpe stilizzata, la sagoma di un pentacolo.
  • È stata proprio Zororina a cucire il costume leggendario di Zorori.