Grido (rapper)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Weedo)
Grido
Gemelli Diversi 1.jpg
Grido (a sinistra) in concerto con i Gemelli DiVersi
NazionalitàItalia Italia
GenerePop rap
Periodo di attività musicale1996 – in attività
GruppiGemelli DiVersi
Album pubblicati2
Studio2
Sito ufficiale

Grido, conosciuto anche come Weedo, pseudonimo di Luca Paolo Aleotti (Milano, 30 marzo 1979), è un rapper e cantautore italiano, noto per essere stato membro del gruppo musicale pop rap italiano Gemelli DiVersi fino al 2014.

Il rapper ha fatto parte dei collettivi Spaghetti Funk e TDK ed è il fratello minore del rapper J-Ax.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gemelli DiVersi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gemelli DiVersi.

La sua prima apparizione musicale avvenne nel 1996, quando collaborò con gli Articolo 31 al brano Cavaliere senza re. L'anno seguente, con il suo gruppo Rima Nel Cuore, da lui fondato insieme a Strano, collaborò con DJ Enzo nel suo Tutti per uno. I Rima Nel Cuore si unirono successivamente ai La Cricca, composto da Thema e THG, portando così alla formazione dei Gemelli DiVersi.

Con il gruppo ha inciso sette lavori discografici a partire dal primo del 1998 che porta il nome della band. Nel 2009 ha partecipato con il gruppo alla 59ª edizione del Festival di Sanremo presentando il pezzo Vivi per un miracolo, primo singolo estratto dalla raccolta Senza fine 98-09 - The Greatest Hits.

Carriera solista[modifica | modifica wikitesto]

Contemporaneamente all'attività con i Gemelli DiVersi, Grido ha collaborato come artista solista anche a diversi brani degli Articolo 31 tra cui Il mio consiglio, Buon sangue non mente e Due su due. Il 3 maggio 2011 il rapper ha pubblicato il suo primo album solista, intitolato Io Grido ed anticipato dai brani Superblunt (in duetto con Danti dei Two Fingerz, Tormento e i Sud Sound System) e Fumo e malinconia, quest'ultimo pubblicato come primo singolo. L'album ha debuttato alla nona posizione della classifica italiana degli album.[1] Sono stati estratti anche i singoli Non ce la fai + e Sei come me.

Nel giugno del 2013 il rapper ha aperto il proprio canale YouTube, intitolato Weedo Wonka. I video pubblicati lo ritraggono nella sua vita di tutti giorni, con i suoi amici, e alle prese con le sue passioni esterne al rap, come ad esempio la cucina, i videogiochi, i tatuaggi e i film.

Nel mese di giugno 2014 Grido ha abbandonato i Gemelli DiVersi, cambiando il suo nome d'arte in Weedo. Sotto quest'ultimo nome, il rapper ha firmato un contratto con l'etichetta discografica indipendente Newtopia (fondata dal fratello J-Ax insieme a Fedez), con la quale ha pubblicato per il download digitale l'EP Happy EP!, uscito il 16 dello stesso mese.[2]

Il 5 agosto 2016 l'artista, ritornato al nome originario Grido, è ritornato sulle scene musicali con la pubblicazione del singolo Gravità zero,[3] seguito ad ottobre da Strade sbagliate e a febbraio 2017 da Abbiamo vinto noi.[4][5] Essi hanno anticipato l'uscita del secondo album di inediti Segnali di fumo, uscito il 3 marzo 2017.[6]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
Extended play
Singoli

Con i Gemelli DiVersi[modifica | modifica wikitesto]

Altre collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 – Rima Nel Cuore feat. Articolo 31 - Latte versato
  • 1996 – Articolo 31 feat. Grido - Cavalieri senza re
  • 1997 – DJ Enzo feat. Thema e Grido - Ricorda (da Tutti per uno)
  • 1998 – Articolo 31 feat. Grido - Buon sangue non mente (da Nessuno)
  • 1998 – Articolo 31 feat. Grido, Extrema, Thema e Space One - Vai bello (da Nessuno)
  • 1999 – Articolo 31 feat. Thema e Grido - Il mio consiglio (da Xché sì!)
  • 2001 – Space One feat. Grido, Thema, J-Ax e Posi Argento - A.A.D.D.S.S (da Il cantastorie)
  • 2002 – Articolo 31 feat. Grido - Due su Due (da Domani smetto)
  • 2007 – Supernova feat. Grido - Silence Is the Enemy
  • 2007 – Space One feat. J-Ax, Grido, Thema e THG - Amici un cazzo (da Il ritorno)
  • 2009 – J-Ax feat. Grido - Come Willy l'orbo (da Deca Dance)
  • 2011 – THG feat. J-Ax, Grido, Trap, CaneSecco, Mistaman, Danti e Primo - GangBang!
  • 2012 – Huga Flame feat. Grido - Parli troppo (da Nuova vita)
  • 2012 – THG feat. Grido e Biggie Bash (da Musical Hustler)
  • 2013 – Reverendo feat. Grido - Sole asciuga tu (da Oltre)
  • 2013 – Trap feat. Grido - La mia armatura (da Neil Armstrong)
  • 2015 – J-Ax feat. Weedo - The Pub Song (da Il bello d'esser brutti)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Classifiche artisti, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il luglio 2013.
  2. ^ Weedo, Happy Ep, il primo lavoro ufficiale del nuovo "Grido" in free download, Hano.it, 16 giugno 2014. URL consultato il 15 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2014).
  3. ^ Andrea Conti, Grido, il ritorno con "Gravità Zero", RTL 102.5, 5 agosto 2016. URL consultato il 7 agosto 2016.
  4. ^ Grido - Strade sbagliate (Radio Date: 28-10-2016), EarOne, 27 ottobre 2016. URL consultato il 28 ottobre 2016.
  5. ^ Eleonora Romanò, Grido - Abbiamo vinto noi (feat. Danti) (Radio Date: 17-02-2017), EarOne, 14 febbraio 2017. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  6. ^ Donato Cerone, "Segnali di Fumo", info e tracklist del nuovo album di Grido, Hano.it, 31 gennaio 2017. URL consultato il 14 febbraio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]