Tormento (rapper)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tormento
Fotografia di Tormento
Nazionalità Italia Italia
Genere Old school rap[1]
Periodo di attività 1991 – in attività
Album pubblicati 12
Studio 10 (4 solista)
Raccolte 2
Gruppi e artisti correlati Cor Veleno, Esa, Sottotono

Massimiliano Cellamaro meglio conosciuto come Tormento, Yoshi Torenaga, Antonio Mantelli e Tormento aka Yoshi (Reggio Calabria, 6 settembre 1975) è un rapper e produttore discografico italiano, fratello dei rapper Esa e Marya.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di padre pugliese di Cerignola (provincia di Foggia) e madre calabrese, nasce e trascorre la sua infanzia a Reggio Calabria ricordata nella canzone Da dove scrivo, in particolare "il parco di via Melacrino", per poi trasferirsi prima da Varese a Novara, Castellana Grotte e poi Genova. Cresce sotto l'influenza del rap statunitense ed in particolare di rapper e gruppi della west coast come Tupac Shakur, Snoop Dogg e N.W.A.; inoltre fra i suoi ascolti c'è molto R&B e soul (Marvin Gaye, Al Green, Curtis Mayfield). Si tratta di ascolti che si riveleranno determinanti nell'influenzare la sua produzione musicale: in particolare i modelli del rap saranno continuo riferimento per la prima produzione come rapper dei Sottotono; la sua cultura e vocazione soul emergeranno maggiormente a partire dalla carriera solista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Sottotono[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Sottotono.

Musicalmente nasce nel gruppo Sottotono formato inizialmente da quattro membri, che dopo il primo album si sono ridotti a due, cioè Tormento a cui viene affidata la parte vocale e Big Fish che si occupa della produzione delle basi.[2] Il primo album, risalente al 1994, è Soprattutto sotto, da cui viene estratto il singolo La mia coccinella, che diventa uno dei tormentoni dell'estate[3] e viene utilizzata anche in tv come spot pubblicitario. Il disco sorpassa le 80.000 copie. Segue Sotto effetto stono, pubblicato nel 1996 per la Warner Music Group, realizzato con gli pseudonimi di Rosario Madonia per il beatmaker e Antonio Mantelli per il rapper.[4] L'album ottiene un grande successo, venendo certificato due volte disco di platino[3] vendendo oltre 220.000 copie, il duo vince il premio rivelazione dell'anno al Festivalbar con la canzone Dimmi di sbagliato che c'è, e partecipa all'MTV Day nelle edizioni 1997 e 1999.[2] Proprio nel 1999 esce sempre per la Warner l'album Sotto lo stesso effetto, trainato dal singolo Amor de mi vida e in seguito da Mai più duetto con Shola Ama, il disco sfiora le 200.000 copie.

Nel 2001 i Sottotono partecipano al Festival di Sanremo con il brano Mezze verità, classificandosi al 14º posto.[5] I problemi con il festival iniziano con l'arrivo di Valerio Staffelli, inviato di Striscia la notizia giunto nella città dei fiori per consegnare al duo un tapiro d'oro, motivato da un presunto plagio ai danni della boy band statunitense 'N Sync (Bye Bye Bye il titolo della canzone). La consegna si concluderà con una colluttazione, senza che la stessa possa essere effettuata.[6] Un secondo problema avviene con la direzione del festival, che chiede ai due di eliminare dalla canzone alcune parole considerate troppo volgari. I Sottotono eliminano i vocaboli incriminati, lasciando però il testo tronco, dando così l'idea di essere stati vittima di censura.[7] Nello stesso anno esce l'ultimo album del gruppo, ...In teoria, pubblicato sempre dalla Warner[8] ed il primo singolo estratto è Amarti e rispettarti, purtroppo a causa dei sopracitati problemi con Stafelli il disco viene boicottato da alcune radio che ne limitano la diffusione.

Il 2003 è l'anno del primo Greatest Hits celebrativo, Vendesi - Best of Sottotono, che contiene 18 brani di cui due inediti.[9] La seconda raccolta, Le più belle canzoni dei Sottotono, è stata pubblicata nel 2007 dalla Warner.

Carriera solista[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002, subito dopo il Greatest Hits e lo scioglimento del gruppo, Tormento, con lo pseudonimo di Yoshi Torenaga, pubblica un EP intitolato Una nuova visione del mondo, seguito nel 2004 dall'album discografico Il mondo dell'illusione, pubblicato dall'etichetta discografica Antibe Music. Si tratta di album da cui traspare astio e risentimento verso i falsi amici e l'industria discografica,[1] le cui rime e basi sono interamente prodotte dall'artista, salvo una partecipazione del rapper romano Ibbanez.

In seguito Tormento inizia a lavorare ad un nuovo album, che viene pubblicato nel 2006 con il titolo Il mio diario, da lui prodotto artisticamente per la Subside Records e pubblicato da Universal Music Group. Il doppio album è il frutto del lavoro di un lavoro partito nel 2003 e terminato nel 2006 e si presenta come un doppio album, diviso in due parti: il Giorno, più solare e vivace, in cui il rap predomina sul canto, e la Notte, più romantica ed intimista, in cui ha ampio spazio la vena Soul.[10] Diversi singoli hanno anticipato l'uscita del disco: Il resto è inutile (2004, il singolo del rilancio commerciale di Tormento dopo la crisi del 2001) e Mi piaci (2005). Il singolo trainante uscito nel periodo di pubblicazione dell'album è Solo Tu. Secondo una dichiarazione dello stesso artista, egli si propone di realizzare Edutainment (Educational/Entertainment), musica che diverta e intrattenga ma che allo stesso tempo ha radici profonde, un concetto portato nell'hip hop tra i primi da KRS One.

Poco dopo, Tormento ha iniziato a lavorare ad un nuovo progetto, in cui confluiscono anche idee precedentemente elaborate per lo stesso "Diario". Così il 29 giugno 2007 Tormento pubblica per la D'Alessandro&Galli/Ricordi/Sony-BMG l'album Alibi, lanciato dal singolo Ma dai. Si tratta di un album hip hop/soul molto vario in cui trovano espressione vari stili e sonorità della black music. Accanto al singolo ufficiale, è stato realizzato il video del brano A fuoco. Nel novembre 2007 è uscito in radio il nuovo singolo, Resta qui, composto a quattro mani con la celebre cantante italiana Giorgia. È da segnalare, inoltre, che l'artista vanta alcuni siti attivi costantemente aggiornati, e un forum a cui partecipa lo stesso Tormento.

Nel 2007 vede la luce il primo Mixtape di Tormento, realizzato in collaborazione con il disc jockey genovese Kamo e distribuito gratuitamente sul sito e sul myspace ufficiale. Il mixtape, chiamato Memories Tha Mixtape, contiene brani di tutta la carriera di Tormento, iniziando dai Sottotono fino agli ultimi pezzi. Il disco contiene featuring con tanti artisti della scena underground italiana, da Left Side, Lyricalz e Esa fino a Amir, Primo Brown e Mistaman. Le 33 tracce sono mixate da Dj Kamo.

Nel gennaio 2009 l'artista pubblica la seconda raccolta solista, Rabbia, che contiene brani della storia di Tormento e alcune anticipazioni sul prossimo album, Uno, nessuno, centomila, che uscirà nuovamente con lo pseudonimo di Yoshi Torenaga. Questa selezioni tra brani vecchi e brani che dovranno uscire sotto il nome di Yoshi,servono a ricostruire il percorso musicale che ha sviluppato negli anni sotto quei panni,ed il tutto è mixato e condito a regola d'arte dagli scratch e dai passaggi di Kamo (Full clip team). L'album si chiama Rabbia perché con questa parola si rappresentano molto bene i tempi che si stanno vivendo. Secondo Tormento raramente "è l'Amore a muovere determinati meccanismi nei rapporti di ogni giorno e questo, più in grande, lo possiamo constatare nei conflitti che stanno interessando gran parte del pianeta. In Italia (come in tutto il mondo oggi) si respira Rabbia, noi rispondiamo con gran musica, profonda e mai legata a interessi economici..." . Tra i featuring troviamo Rayden nella traccia "Dramma", Esa, Ibbanez ( Blunt Bros), Tesmo, K-CI , Mike Samaniego, Maurizio Grondona, Albe OK e Dema, Bonnot con U-net nella traccia dedicata a Grand Master Flash. L'album è uscito in freedownload dal sito di Tormento (tormento.it) ed ha raggiunto circa 200000 downloads. Sono usciti due video estratti dall'album: Rabbia, prodotto da Tormento stesso, e Lucipher.

Nel 2011 Tormento pubblica in collaborazione con Lefty (già noto come Left Side e in passato appartenente al collettivo Area Cronica) l'album No Escape. Uscito per la BM Records in allegato alla rivista We Got Flava, l'album vanta collaborazioni con vari artisti quali Esa, Bunna degli Africa Unite, Reka the Saint da New York, Frank Siciliano, Lorence Michaels da Los Angeles, Al Castellana e Primo dei Cor Veleno. Il disco è stato inoltre prodotto da Shablo, Fid Mella, Big Joe, Beat Gym Team, Lil Cut, Irhu e Mr. Frank. A promuoverne l'uscita sono stati realizzati i videoclip dei brani Ritorno a casa e Eroi. Nel dicembre 2011 è uscito il video di Bad Bitch, brano realizzato in collaborazione con i Thaitanium, Jay Calo e Ramaz e volto ad anticipare l'album Uno, nessuno, centomila, la cui pubblicazione è stata rinviata a data a destinarsi.

Nel 2012 è uscito un video di un suo singolo già edito nel 2010 Desolazione culturale, girato per la nazione da Vinci ad Assemini, fino a Castellana da Tormento stesso col suo iPhone. Mentre a giugno Tormento ha partecipato al primo Contest sul web, organizzato da Esa, come non in gara, raccogliendo tantissimi apprezzamenti per le due strofe scritte. Nell'agosto 2012 esce il singolo con video Mantenere, prodotto da DJ Squarta ed estratto dall'album di Primo Brown & Tormento El micro de oro, pubblicato nel mese di marzo 2014. Il mese successivo esce il secondo singolo Per stare fresco prodotto da Fritz da Cat.

Nel 2014 ha recitato nel film Numero zero - Alle radici del rap italiano.

Siamesi Brothers[modifica | modifica wikitesto]

Nella primavera del 2008, Tormento si prende una pausa nella carriera da solista, e collabora con suo fratello Esa alla realizzazione dell'album Siamesi Brothers, il cui titolo allude al legame di parentela tra i due. L'album è il primo lavoro a quattro mani dei due, che nonostante abbiano cominciato insieme a fare musica non hanno mai incrociato le loro carriere.[2] Il disco contiene collaborazioni di Gué Pequeno dei Club Dogo, Primo dei Cor Veleno, Fadamat, Ardiman, Jack the Smoker, Asher Kuno, Bat, Ensi e Gora. Le basi sono per la maggior parte curate dai due, ma alcuni pezzi sono prodotti da altri importanti artisti quali Shablo e DJ Myke.[2]

Il 16 giugno 2009, il duo pubblica il secondo lavoro, un EP di quattro tracce intitolato Siamesi Show Down.

Il 25 novembre 2010, esce il secondo disco del duo intitolato La macchina del funk. Il disco è anticipato dai singoli 1 giorno nuovo e La macchina del funk. È un album dal gusto funk-soul, solare e intimo grazie alle produzione di DJ Skizo. Tormento diventato un ottimo soul singer, conferisce al disco un respiro e una musicalità di un livello decisamente superiore alla media e con un flow inconfondibile e di classe. Mentre Esa è più diretto e semplice nel lato testuale rispetto al passato; un Esa molto libero e futuristico ispirato probabilmente da Madlib e Doom .L'album ha presenti le collaborazioni di Marya, Inoki e DJ 2P.

Nel 2012 esce il singolo con video del pezzo Thank You, prodotto da DJ Skizo su campione di Sunny di Bobby Hebb.

Autore e partner per Black Voices[modifica | modifica wikitesto]

Risultati al 2the Beat[modifica | modifica wikitesto]

2004:

  • Eliminato al primo round della prima serata da Kiffa

2005:

  • Eliminato al primo round della prima serata da Ensi

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Da solista[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Tormento.

Con i Sottotono[modifica | modifica wikitesto]

Con i Siamesi Brothers[modifica | modifica wikitesto]

Con Primo Brown[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 - El Micro De Oro

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b mtv.it - Tormento, mtv.it. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  2. ^ a b c d mtv.it - Sottotono, mtv.it. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  3. ^ a b lastampa.it - Tormento, un rapper con "Alibi", lastampa.it. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  4. ^ Cover posteriore dell'album Sotto effetto stono, coverforum.net. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  5. ^ linksanremo.it - Sottotono, linksanremo.it. URL consultato il 12 febbraio 2009.
  6. ^ repubblica.it - Tra Sottotono e vice Gabibbo finisce in rissa, repubblica.it. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  7. ^ corriere.it - I testi dei Sottotono censurati da Sanremo, archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 23 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  8. ^ mtv.it - Discografia dei Sottotono, mtv.it. URL consultato il 3 aprile 2009.
  9. ^ allmusic.com - Vendesi Best of Sottotono, allmusic.com. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  10. ^ italianissima.net - Il mio diario (TXT), italianissima.net. URL consultato il 23 febbraio 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]