Vittorio Prodi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vittorio Prodi
Flickr - DEEEP Project - MEP Vittorio PRODI, Italy.jpg

Parlamentare europeo
Durata mandato 20 luglio 2004 –
1º luglio 2014
Legislature VI, VII
Gruppo
parlamentare
ALDE (VI), S&D (VII)
Circoscrizione Italia nord-orientale
Sito istituzionale

Presidente della Provincia di Bologna
Durata mandato 7 maggio 1995 –
12 giugno 2004
Predecessore Lamberto Cotti
Successore Beatrice Draghetti

Dati generali
Partito politico PPI (1994-2002)
DL (2002-2007)
PD (dal 2007)
Titolo di studio Laurea in Fisica
Università Università di Bologna
Professione Docente universitario

Vittorio Prodi (Reggio nell'Emilia, 19 maggio 1937) è un politico, fisico e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello dell'economista e politico Romano Prodi, dello storico Paolo Prodi, del fisico Franco Prodi, del matematico Giovanni Prodi, dell'oncologo e scrittore Giorgio Prodi, dopo essersi laureato in fisica presso l'Università di Bologna nel 1959, è stato professore associato presso il Dipartimento di Fisica dell'Università di Bologna e ricercatore in diversi istituti nazionali e internazionali. È autore di numerose pubblicazioni (prevalentemente nell'ambito della geofisica) e di 5 brevetti internazionali. È stato presidente dell'Azione Cattolica di Bologna dal 1986 al 1992.

Inizia a dedicarsi alla politica attiva verso la fine del 1992, in vista del referendum sulla legge elettorale diretto ad introdurre il sistema maggioritario. È stato presidente della Provincia di Bologna (dal 1995 al 2004), espressione della Margherita, eletto con oltre il 60% dei voti.

È stato deputato del Parlamento europeo, eletto nel 2004, per la lista di Uniti nell'Ulivo nella circoscrizione nord-est, ricevendo 123.000 preferenze. È stato iscritto al gruppo parlamentare dell'ALDE.

Alle Elezioni europee del 2009 viene rieletto parlamentare europeo nella circoscrizione Italia nord-orientale tra le file del Partito Democratico, siedendo nel gruppo dell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D) pur restando membro del PDE anziché del PSE.

È stato membro della Commissione parlamentare per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (ENVI) dal 2004 al 2012 e della Commissione Industria, ricerca ed energia (ITRE) del 2012 al 2014. Ha anche fatto parte della Sottocommissione sui diritti umani dal 2009 al 2012 e delle delegazioni per i rapporti con i paesi del Mercosur (2009-2011) e con gli Stati Uniti (2011-2014). Dal 2008 al 2009 è stato presidente della delegazione per le relazioni con il Sudafrica.

È sposato e padre di quattro figli: Marco, Luca, Matteo (sacerdote) e Giovanni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90279772 · SBN IT\ICCU\RAVV\014888 · WorldCat Identities (ENviaf-90279772