Viktor Coj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Viktor Coj
Victor Tsoi 1986 cropped.jpg
Victor Coj nel 1986.
NazionalitàURSS URSS
GenereNew wave
Post-punk
Periodo di attività musicale1978 – 1990
Album pubblicati10
Studio7
Live3

Viktor Robertovič Coj (in russo: Виктор Робертович Цой? /ˈʦɔj/ ascolta[?·info], traslitterazione anglosassone Tsoy; Leningrado, 21 giugno 1962Tukums, 15 agosto 1990) è stato un cantante, chitarrista, attore, poeta, artista e vigile del fuoco sovietico, leader della rock band Kino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Viktor Robertovič Coj nacque a Leningrado il 21 giugno 1962 come unico figlio di Valentina Vasil'evna Coj (nata Guseva), un'insegnante russa, e Robert Maksimovič Coj, un ingegnere sovietico-coreano.[1] Le origine coreane di Coj risalgono alla cittadina di Songjin, l'attuale Kimchaek in Corea del Nord, dove era nato il bisnonno Choi Yong-nam.

Coj crebbe nei pressi del Moskovskij park Pobedy, dove nacque in un ospedale in via Kuznecovskaja. La famiglia visse in una nota casa all'angolo della Moskovskij prospekt e Bassejnaja. Per un certo periodo, Coj studiò ad una vicinia scuola nella via Frunze, dove lavorava la madre.

Dal 1974 al 1977, Coj frequentò una scuola secondaria artistica, dove era membro della band Palata № 6 (in russo: Палата № 6?). Dal 1977, frequentò la scuola d'arte Serov dalla quale venne espulso dal 1979 per lo scarso rendimento. In seguito, frequentò la SGPTU-61, dove studiò per diventare un incisore sul legno. Nella sua giovinezza, è stato un fan di Michail Bojarskij e Vladimir Vysockij, e successivamente di Bruce Lee, al quale in seguito si ispirò per modellare la propria immagine. Era appassionato di arti marziali e spesso parlava in cinese con il compagno della band Jurij Kasparjan.

Viktor visse con la moglie, Marianna Coj (nata Rodovanskaja, 5 maggio 1959 – 27 giugno 2005), e il figlio Aleksandr (1985-), facendo una vita povera. Lavorò e visse nella sala caldaie del suo condominio, rinominata "Kamchatka", che oggi è il sito di un museo e club rock dedicato a Coj. Precedentemente lavoro anche a Kiev, nella RSS Ucraina, ma quando le autorità scoprirono che stava lavorando illegalmente, fu trasferito a Mosca.

Durante le riprese del film Assa del 1987, Coj incontrò Natalia Razlogova, l'assistente del regista. Coj in seguito si innamorò di Razlogova e si separò da Marianna senza tuttavia divorziare, per il bene del figlio.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Coj iniziò a scrivere canzoni all'età di 17 anni; erano brani i cui temi riguardavano la vita dei giovani leningradesi, ragazzi per lo più proletari, e dei loro tentativi di sopravvivere ad una esistenza difficile. Questi temi traspariranno anche nella musica dei Kino, un esempio è la prima traccia del loro primo LP 45, intitolata Vremja est', a deneg net (in russo: Время есть, а денег нет?, "Ho tempo, ma non soldi").

L'interesse per la musica portò Coj ad iscriversi nel 1974 alla Accademia d'arte Serov dalla quale venne però espulso due anni dopo per gli scarsi voti; Coj aveva iniziato già da tempo a manifestare un vivo interesse per il rock, nonostante questo fosse ancora considerato un genere underground circoscritto alla sola Leningrado: le classifiche musicali erano dominate dalle pop star moscovite che, oltre ad essere appoggiate dal governo sovietico, ricevevano una maggior pubblicità. Il Leningrad Rock Club era uno dei pochi luoghi pubblici dove alle rock band era permesso esibirsi.

Tra la fine degli anni settanta e gli inizi degli anni ottanta, Coj strinse un sodalizio con Aleksej Rybin, membro della band hard rock Piligrimy (in russo: Пилигримы?, "Pellegrini"), mentre suonava il basso per i Palata N° 6 (in russo: Палата № 6?, "Camera numero 6"). Rybin e Coj si conobbero a casa di Andrei "Svin" Panov, dove molto spesso si incontravano anche altri artisti e dove si formò il gruppo punk Avtomaticheskie udovletvoriteli.

Coj (che intanto aveva iniziato a suonare le sue canzoni in varie feste) si esibì a Mosca assieme agli Avtomaticheskie udovletvoriteli in uno dei concerti underground organizzati da Artemij Troickij. Durante una simile performance a Leningrado in occasione del compleanno del produttore Andrej Tropillo, Coj e Rybin incontrarono per la prima volta il leader del popolare gruppo rock Akvarium, Boris Grebenščikov. Dopo un concerto solista di Grebenščikov, Coj lo incontrò e gli suonò due delle sue canzoni.[2] Il leader degli Akvarium rimase molto impressionato dal talento di Viktor e lo aiutò a formare il suo gruppo. Questo segnò l'inizio della carriera musicale di Viktor Coj.

La nascita dei Kino[modifica | modifica wikitesto]

Al Leningradskij rok-klub, Coj suonò come solista con il supporto dei membri degli Akvarium: la musica e i testi delle sue canzoni impressionarono il pubblico.

Nell'estate del 1981, Coj, Rybin e Oleg Valinskij formarono la band Garin i giperboloidy (in russo: Гарин и Гиперболоиды?, "Garin e le iperboloidi"). Il nome era un omaggio al classico romanzo russo Le iperboloidi dell'ingegnere Garin di Aleksej Tolstoj. Nell'autunno dello stesso anno, la band venne accettata come membro del Leningradskij rok-klub ma poco dopo Valinskij venne arruolato nell'Armata Rossa per via della coscrizione obbligatoria, lasciando soli Coj e Rybin che intanto rinominarono la band in Kino.

Il gruppo iniziò a registrare il suo album di debutto nella primavera del 1982 nello studio di Andrej Tropillo, al quale parteciparono anche gli Akvarium con la direzione di Grebenščikov. In estate l'album fu completato e pubblicato come 45 per via della durata di 45 minuti. L'album ebbe un discreto successo e i Kino si esibirono all'interno degli appartamenti a Mosca e Leningrado.

Il 19 febbraio 1983, fu organizzato un concerto assieme agli Akvarium e successivamente Jurij Kasparjan fu invitato ad unirsi ai Kino come chitarrista. A primavera, Rybin lasciò i Kino per disaccordi con Coj. Viktor e Kasparjan trascorsero l'estate a provare insieme e i Kino registrarono l'album 46, concepito inizialmente come una demo di Načal’nik Kamčatki. 46 fu distribuito con successo e venne considerato un album a tutti gli effetti. Nell'autunno del 1983, Coj trascorse un mese e mezzo in un ospedale psichiatrico a Prjažka e non fu considerato idoneo al servizio di leva.[3] Dopo esser stato dimesso dall'ospedale psichiatrico, scrisse la canzone Trankvilizator.[4]

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

Il 1987 fu un anno importante per i Kino: la pubblicazione del loro sesto album Gruppa Krovi scatenò quella che venne chiamata la "Kinomania". Il clima di apertura politica sotto la glasnost' permise a Coj di realizzare il suo album più politico con una musica che nessuno avrebbe mai potuto suonare in URSS. La maggior parte delle tracce dell'album era dirette ai giovani sovietici che venivano invitati a prendere il controllo e portare a dei cambiamenti nel Paese; alcune delle canzoni denunciavano i problemi sociali che affliggevano la nazione. Il suono e i testi dell'album resero Coj un eroe tra la gioventù sovietica e i Kino divennero la rock band più popolare in diverse repubbliche sovietiche, dove i fan avevano tradotto i testi originali russi nelle loro lingue native.

Negli anni successivi, Coj apparve in diversi film di successo e viaggio anche negli Stati Uniti d'America per promuovere le sue pellicole nei festival cinematografici. Altri album furono pubblicati con tematiche contro la politica che alimentarono la popolarità della band. Sebbene Coj fosse una star importante, continuò a vivere una vita relativamente ordinaria, mantenendo il suo vecchio lavoro nella sala caldaie di un condominio, chiamato Kamčatka, che in seguito avrebbe comprato. Il fatto che lavorasse in un impianto per caldaie sorprese molte persone, ma Coj disse che gli piaceva e che aveva bisogno di soldi per supportare la band, dato che non riceveva ancora nessun sostegno dal governo e che i loro album venivano copiati e diffusi in tutta la nazione attraverso i rentgenizdat. Tra il 1988 e il 1989, sì esibì con i Kino in Italia,[5] Francia e Danimarca, raggiungendo l'apice nel 1990 con un concerto allo stadio Lužniki di Mosca che radunò 62 000 fan per celebrare il trionfo del gruppo rock più importante dell'Unione Sovietica, con l'accensione del braciere olimpico.

15 agosto 1990: la morte[modifica | modifica wikitesto]

Fan di Coj in lutto a Leningrado.

Il 15 agosto 1990 in Lettonia, Coj stava guidando sull'autostrada SlokaTalsi, vicino Tukums e Riga. Alle 00:28 ora locale, Coj morì in una collisione in auto. Le indagini conclusero che Coj si era addormentato alla guida, possibilmente a causa della fatica;[6] non aveva consumato alcolici da almeno 48 ore prima della sua morte.[7] Nel momento in cui si addormentò, Coj stava andando ad una velocità di 130 km/h nella sua Aleko[8] che si spostò nella corsia opposta e si scontrò contro un autobus Ikarus 250.[9] Coj fu dichiarato morto, mentre l'autista del bus non rimase ferito. L'auto di Coj era completamente distrutta a tal punto che una delle ruote non era stata mai più ritrovata.

La morte di Viktor Coj fu uno shock per molti fan e alcuni si suicidarono.[10] Il 17 agosto, Komsomol'skaja Pravda pubblicò un messaggio dedicato a Coj e alla sua importanza per la gioventù dell'URSS:

«Per i giovani della nostra nazione, Coj significa più di ogni politico, celebrità o scrittore. Questo perché Coj non ha mai mentito e non si è mai venduto. Era e rimane se stesso. È impossibile non credergli [...] Coj è l'unico rocker che non ha nessuna differenza tra la sua immagine e la sua vita reale, ha vissuto nella maniera che ha cantato [...] Coj è l'ultimo eroe del rock»

Il 19 agosto, venne sepolto in una bara al cimitero Bogoslovskoe di Leningrado.[11] e migliaia di persone parteciparono al funerale.

Kasparjan partì per Leningrado prima della collisione, con un nastro contenente l'unica registrazione della parte vocale di Coj per l'album successivo dei Kino, i cui membri rimanenti conclusero e pubblicarono Černyi al'bom a dicembre dello stesso anno.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una breve apparizione con i Kino in Assa (1987), nel 1988 Viktor Coj recitò come protagonista nel film Igla, diretto da Rašid Nugmanov e scritto da Aleksandr Baranov assieme a Bahyt Kilibaev. La trama vede il protagonista Moro ritornare ad Almaty, RSS Kazaka, per raccogliere i soldi a lui dovuti e combattere la mafia locale che ha sottomesso e reso tossicodipendente la sua ex fidanzata Dina. Coj fu nominato per un premio per la sua interpretazione nel film.[3]

La colonna sonora del film include le canzoni originali dei Kino che contribuiscono a creare l'atmosfera della pellicola, assieme all'impiego di twist post-moderni e scene surreali.

Il film fu distribuito in Unione sovietica nel febbraio del 1989.

Impatto culturale[modifica | modifica wikitesto]

Francobollo russo del dedicato a Viktor Coj.
Il Muro di Coj a Mosca

In molti luoghi della Russia, sono presenti statue e muri interi con graffiti dedicati alla figura di Viktor Coj, come il Muro situato nella famosa Arbat' di Mosca, dove i fan si riuniscono ancora oggi per ricordarlo. Si posso trovare altri muri a Minsk, Bielorussia, e in alcune regioni del Kazakistan. Nel 2000, alcuni dei gruppi rock più importanti della Russia si sono riuniti e hanno pubblicato in KINOproby le loro cover dei brani celebri dei Kino, come tributo a Viktor Coj in quello che avrebbe dovuto essere il suo 38º compleanno.[12]

L'asteroide 2740 Tsoj scoperto nel 1974 è intitolato a Viktor Coj.[13]

Nel videogioco Grand Theft Auto IV del 2008 è presente la canzone Gruppa Krovi nella stazione radiofonica fittizia Vladivostok FM.

Il 21 giugno 2012, nel 50º compleanno di Coj, i membri dei Kino si riunirono per registrare la canzone Ataman impiegando la parte vocale di Coj recuperata dalla sua macchina distrutta ma mai usata per la sua scarsa qualità.

Nel film Summer del 2018, Coj è stato interpretato da Teo Yoo.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filmato audio (RU) Памяти Цоя, Родители Виктора Цоя в пер. ЛЮБОВЬ СКВОЗЬ ГОДЫ 2008 г, su YouTube.
  2. ^ (RU) Biografia di Victor Coj, su lichnosti.net.
  3. ^ a b (RU) Виктор Цой в 25 фактах о нем, su Rock Cult.
  4. ^ Marianna Coj, Точка отсчета, in Виктор Цой. Стихи. Документы. Воспоминания, Новый Геликон, 1991, ISBN 5-85-395-018-5.
  5. ^ Gino Castaldo, Dall'URSS sconcerto rock, su La Repubblica, 26 luglio 1988.
  6. ^ (RU) Гибель Цоя: как произошла авария на трассе Слока-Талси, su РИА Новости, 15 agosto 2007.
    «В 12 час. 28 мин на 35 км трассы из-за поворота со скоростью 60–70 километров в час выехал автобус Икарус, который Цой не заметил.».
  7. ^ (RU) N. Solidatenkov, КИНО без Цоя?, su kinoman.net.
  8. ^ (RU) Комментарий отца Виктора — Роберта Максимовича, в передаче «Битва экстрасенсов».
  9. ^ Andrej Beljaev, В этот момент из-за поворота выскочил „Икарус-250“, in Sovetskaja Molodez', 23 agosto 1995.
  10. ^ (RU) Гибель Цоя: как произошла авария на трассе Слока-Талси. ИНФОграфика, su РИА Новости, 15 agosto 2007.
  11. ^ (RU) Цой: последний путь, su Photoescape.
  12. ^ (RU) ФЕСТИВАЛЬ - КИНОпробы: еще десять лет и пора назад - Звуки.Ру, su Zvuki.ru.
  13. ^ Lutz D. Schmadel, Dictionary of minor planet names, 5th rev. & enl. ed, Springer, 2003, p. 354, ISBN 9783540299257. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  14. ^ (EN) Nicholas Barber, Leto premieres despite its director's house arrest, su BBC News.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN289758028 · ISNI (EN0000 0003 9516 2311 · LCCN (ENnr95031808 · GND (DE119297396