Via Gino Capponi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°46′43.78″N 11°15′49.76″E / 43.778828°N 11.263822°E43.778828; 11.263822

Palazzo di Gino Capponi, di fronte al giardino dei Semplici, in via Gino Capponi
Pontile di Maria Maddalena de' Medici

Via Gino Capponi è una strada del centro storico di Firenze nella zona nord, tra piazza Santissima Annunziata e piazza Isidoro del Lungo, sui viali di Circonvallazione. Si innestano lungo il suo tracciato: via Laura, via Giuseppe Giusti, via Pier Antonio Micheli, via Venezia, via Gustavo Modena.

A Firenze esiste un'altra via "Capponi", cioè via Pier Capponi, non molto distante, ma oltre i viali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La via fu intitolata nel 1876 allo scrittore e politico fiorentino nell'anno della sua morte, in ragione della presenza dell'antico e nobile palazzo della sua famiglia, dove lo stesso Gino Capponi nacque e morì. Precedentemente sono attestate le denominazioni di via dell'Orto dei Servi (in ragione delle terre coltivate pertinenti alla basilica della Santissima Annunziata) e quindi di via San Sebastiano, dopo che la famiglia Pucci promosse l'erezione, sul fianco della chiesa, di una grande cappella intitolata al santo.

Lugo la strada avevano sede varie comfraternite, prima fra tutte quella dei Santi Crispino e Crespiniano dei Calzolai, in un ambiente dietro l'Annunziata.

La via terminava anticamente alle mura con la Postierla dei Servi, una porta secondaria di transito, aperta su richiesta del Generale dei Serviti perché la gente del contado poitesse più facilmente raggiungere il santuario dell'Annunziata.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

A lungo caratterizzata dalla presenza delle proprietà dei Servi di Maria e delle sedi di numerose Compagnie, è oggi una strada segnata da varie sedi universitarie, oltre che da alcuni nobili palazzi, tra i quali il palazzo Capponi Farinola si distingue per dimensioni e armonia di forme. Importanti anche la palazzina de' Servi, tra i più importantie sempi di architettura neoclassica a Firenze, e il palazzo di San Clemente, dalle articolate forme manieriste.

La via è punteggiata da importanti giardini: l'orto botanico, che qui ha un accesso di servizio attraverso una cancellata (che sostituì il più antico, ma più cupo muro di cinta), il giardino privato di palazzo Capponi, con accesso carrabile da via Giusti, e il giardino del palazzo di San Clemente, oggi spoglio ma un tempo ornato della straordinaria fontana Pretoria trasportata a Palermo nel 1573.

Più avanti la via diventa meno ricca di testimonianze storiche. In fondo alla strada si trova il convento della Capponcina, che oggi confina col giardino della Gherardesca.

In via Capponi si trovano il consolato di Bulgaria e quello della Norvegia.

Edifici[modifica | modifica wikitesto]

Immagine Nome Descrizione
Rotonda della ss. annunziata, fi 01.JPG s. n. Basilica della Santissima Annunziata Sorta su un oratorio tradizionalmente fondato nel 1233 da sette giovani fiorentini che avevano fondato la compagnia dei Servi di Maria in onore della Vergine, l'attuale basilica fu ricostruita da Michelozzo nel 1444, con numerosi interventi successivi a tutto il XVII secolo. Poco dopo l'angolo una targa ricorda il completamento del portico e i lavori alla chiesa finanziati dai Pucci nel 1606.Via Gino Capponi è anche uno dei pochi punti dal quale si può vedere il tiburio cilindrico che protegge la cupola della basilica, progettato da Leon Battista Alberti.
Via gino capponi 2, edificio con pietrino 02.JPG 2 Casa della Compagnia di San Lorenzino Aveva qui sede un'antica Compagnia, dedicata a san Lorenzo, ricordata da uno stemma con la graticola e la palma del martirio dentro una corona[1].
Palazzo della crocetta, museo archeologico.JPG 4-6-8-10 Museo Archeologico Nazionale (palazzo della Crocetta) Da questo lato (dove era l'originario accesso al Museo Archeologico) il palazzo della Crocetta si estende per ventiquattro assi su tre alti piani con un fronte ampio e severo, formando angolo con via Laura e, dalla parte opposta, proseguendo con il muro che delimita il suo giardino. Il palazzo fu costruito su un lotto di terreno già dello Spedale degli Innocenti con un cantiere aperto nel 1619, per ospitare la granduchessa Maria Maddalena de' Medici, sorella del granduca Cosimo II. Questa, nata "malcomposta", necessitava di una residenza adeguata al suo rango e al tempo stesso appartata, dotata di collegamenti aerei e sotterranei con i vicini insediamenti conventuali della Crocetta, degli Angiolini e, soprattutto, dell'Annunziata. Il progetto fu redatto da Giulio Parigi. Destinato nel 1880 a sede del museo Archeologico.
Ponte di maddalenta via gino capponi.JPG s. n. Cavalcavia di Maria Maddalena de' Medici L'arco che attraversa la via serviva a Maria Maddalena de' Medici, sorella deforme e con problemi di deambulazione di Cosimo II de' Medici, per assistere alla messa nella Santissima Annunziata attraverso una grata nella navata, lontana da occhi indiscreti e senza l'incomodo di gradini da salire e scendere dall'antistante palazzo della Crocetta. Altri attraversamenti simili si trovano su via Laura.
Palazzina de' Servi, interno 02.JPG 9 Palazzina de' Servi L'edificio prende il nome dall'Ordine dei Servi di Maria che qui aveva i propri orti. Fu costruito in stile neoclassico nel 1810 per l'arcivescovo francese Antoine-Eustache d'Osmond, che fu inviato da Napoleone per reggere Firenze durante il periodo dell'occupazione francese. Il progetto venne affidato al principale architetto dell'epoca, Luigi Cambray-Digny, il quale creò un insieme altero e scenografico assieme, con poche decorazioni essenziali, ma con una notevole profusione di elementi classici e marmi. L'Osmond vi visse dal 1811 al 1813 prima di ripartire frettolosamente per la Francia con la fuga di Elisa Baciocchi dalla Toscana. La palazzina oggi appartiene all'Università di Firenze.
14 Casa Si tratta di un elegante edificio con fronte ottocentesco. Nell'androne, chiuso sul fondo da una cancellata, sono due riquadri dipinti con putti e ghirlande, di stile floreale, firmati P. Pazzi.
Casa di andrea del sarto, stemma medici.JPG 22 Casa di Andrea del Sarto Si tratta del fronte secondario della casa già di Andrea del Sarto, quindi di Federico Zuccari, con ingresso anche in via Giusti. Sulla cantonata uno scudo con l'arme dei Medici sostenuto da due cornucopie e da un pan di zucchero (in analogia col cognome del proprietario riconoscente), il tutto sostenuto da una colonna che segna fino a questa altezza il cantone.
Chiostro di san pierino 05.JPG s.n. Oratorio di San Pierino Fu l'antica sede della Confraternita di San Pietro Maggiore, o del Sacramento, fondata nel '500. Nel 1738 divenne parrocchia, ma fu sconsacrata nel secolo successivo. Adesso è sede della Società Dante Alighieri. All'esterno, sopra la porta d'accesso al chiostro, si trova una lunetta in terracotta invetriata di Santi Buglioni, raffigurante l'Annunciazione fra due confratelli incappucciati.

All'interno si trovano una serie di ambienti preceduti da un chiostro, decorati tra il 1585 e il 1590 dai più rappresentativi artisti fiorentini: Bernardino Poccetti, Giovanni Balducci, Bernardino Monaldi, Andrea Boscoli, Bartolomeo Traballesi e Giovan Battista Naldini con Martiri degli apostoli (nel chiostro), Scene della Passione di Cristo e della Vita della Vergine.

Palazzo di Gino Capponi 01.JPG 26 Palazzo di Gino Capponi Il palazzo fu eretto per volere del senatore Alessandro Capponi, che nel 1698 aveva qui acquistato una vasta area occupata da una proprietà dei Rimbotti e soprattutto da un casino fatto erigere da Jacopo Salviati nel 1579, rinomato per i suoi giardini, ricchi di piante rare ed esotiche, di nicchie, di statue e di vasche. Il grandioso cantiere giunse a parziale compimento nel 1716, anno della morte del senatore Alessandro. Per molti decenni continuarono le opere di arredamento e di sistemazione interna, e si disegnò il giardino su committenza dei suoi figli di, Scipione e Francesco Maria Capponi. Sia Gino Capponi che il poeta Giuseppe Giusti vi morirono, rispettivamente nel 1876 e nel 1850. Nel 1920 il complesso fu acquistato dal collezionista d'arte d'avanguardia Egisto Paolo Fabbri, tra i primi estimatori di Cézanne.
Orto botanico, fi, siepi di bosso.JPG s. n. Giardino dei Semplici Nel XVI secolo intensificandosi l'interesse per lo studio del mondo naturale, il duca Cosimo I de' Medici volle un orto accademico per integrare le lezioni degli studenti della facoltà di medicina. La data ufficiale di fondazione può essere fissata il 1º dicembre 1545, data del contratto di affitto stipulato con delle suore domenicane che cedettero un loro pezzo di terreno situato in località "Cafaggio", vicino alle stalle medicee di Michelozzo (oggi nell'Istituto Geografico Militare). L'orto fiorentino può essere considerato il terzo più antico al mondo dopo l'Orto botanico di Pisa e l'Orto botanico di Padova. Fu disegnato da Niccolò Tribolo e la scelta delle piante e la loro sistemazione fu curata da Luca Ghini. Fu il grande botanico Pier Antonio Micheli che, agli inizi del Settecento, rese il giardino un centro di studio e ricerca botanica di rilevanza internazionale, grazie alle sue numerose relazioni con studiosi stranieri.
Palazzo di San Clemente 01.JPG 15 Palazzo di San Clemente Era qui nel Cinquecento il casino di don Luigi di Toledo, fratello della granduchessa Eleonora, ricco di un grande spazio verde sistemato a giardino, con decorazioni tra cui la grandiosa fontana venduta nel 1574 al senato palermitano e oggi collocata in piazza Pretoria. L'attuale palazzo è invece un grandioso complesso del Seicento, sorto su commissione della famiglia Guadagni. Nel 1777 la proprietà passò al principe Carlo Edoardo Stuart conte d'Albany, pretendente al trono d'Inghilterra, e alla sua consorte Luisa von Stolberg, cantata e amata da Vittorio Alfieri. Dopo altri passaggi fu indemaniato e dato all'Università di Firenze che oggi vi tiene la Facoltà di Architettura.
42 Casa Caccini La casa è piccola e ben proporzionata, con la facciata organizzata su tre assi ravvicinati e sviluppati su tre piani, l'ingresso posto all'estrema sinistra, sicuramente di antica fondazione ma riconfigurata tra Settecento e Ottocento e ancora oggetto di interventi nei primi decenni del Novecento. Del 1914 è anche la lapide posta a destra, che ricorda la casa come proprietà del cantante, compositore e musico di corte presso i Medici Giulio Caccini, noto come Giulio Romano (più semplicemente detto il Romanino) celebre anche per il ruolo avuto nel cenacolo umanistico della Camerata de' Bardi.
44 Casa Si tratta di una palazzina costruita ai primi del Novecento, con la facciata organizzata su cinque piani e sei assi, tripartita (in modo da determinare un modulo di due assi) e caratterizzata da balconi con ringhiere in ferro e finestre che si ripetono per i tre moduli con diversi allineamenti, così da creare un vivace movimento dell'intero fronte comunque nel solco della tradizione grazie a una parte basamentale in finto bugnato. Oltre che per tale particolarità si segnala la casa per la presenza, sul portone, di uno scudo che reca la data di costruzione (1909), e per un altro scudo in maiolica posto al centro del fronte e segnato da un'arme non identificata con una scala a pioli affiancata da due stelle a sei punte.
52 Chiesa della Capponcina Aveva qui sede l'istituto di Maria Riparatrice, fondato dalla baronessa Emilia d'Oultremond, con la chiesa ottocentesca che affaccia sulla strada. Trasferitesi le religiose, il complesso è stato ristrutturato nell'ambito del progetto del Four Season: oggi è di fatto unito al complesso di palazzo della Gherardesca e anche l'adiacente Giardino Ruspoli, a cui si accede su via Gino Capponi con un prospetto neoclassico (n. 54), è stato unito all'adiacente giardino della Gherardesca.
25 Casa Salvini Si tratta di un basso ed elegante edificio neoclassico, organizzato su due piani per cinque assi, segnato al centro da un portone sormontato da balcone e finestrone, secondo un disegno proprio del periodo. Tra due finestre del pianterreno è una memoria posta dal Comune nel 1920 in ricordo dell'attore Tommaso Salvini, che qui abitò e, nel 1915, morì[2].

Lapidi[modifica | modifica wikitesto]

Sul fianco della basilica della Santissima Annunziata una lapide ricorda gli importanti lavori di ampliamento promossi dalla famiglia Pucci (con la costruzione del loggiato su piazza Santissima Annunziata) e i relativi restauri del 1830:

GENS PUCCIA
EREXIT AN D 1606
REFICENDAM CURAVIT
AN D 1830

Targa gens puccia, santissima annunziata.JPG

Traduzione: "La famiglia Pucci eresse nell'anno del Signore 1606 e fece restaurare nell'anno del Signore 1830 ".

Sul fianco della chiesa, in doppia copia, due lapidi quasi identiche dei Signori Otto proibiscono di fare sporcizia attorno alla Cappella di San Sebastiano, pena quattro scudi, due tratti di fune e l'imprigionamento:

A DI XXI D'APRILE MCXIIII
GLI SPETTABILI · SRI. OTTO · DI
BALIA · PROIBISCONO CHE · NO
NSI · FACCIA, SPORCIZE. LVNGO
LA CAPELLA DI. SAŇO. BASTO. DE
PVCCI P QUANTO. DVA. DEA. CAP
PELLA SOTTO PENA DI DVA TR
ATTI DI FVNE E QVATTRO
OLTRE · ALLA · CATTVRA

Via gino capponi, lapide annunziata, 1614 ss. otto.JPG

A DI XXI D'APRILE MCXIIII
GLI SPETTABILI · SRI. OTTO · DI
BALIA · PROIBISCONO CHE · NO
NSI · FACCIA, SPORCIZE. LVNGO.
LACAPELLA DI SAŇO. BASTO DE
PVCCI · P QUANTO. DVA. DEA. CAP
PELLA SOTTO PENA DI DVA TR-
ATTI DI FVNE E QVATTRO
OLTRE · ALLA · CATTVRA

Un'altra lapide dei Signori Otto si trova sul palazzo della Crocetta. Sebbene illeggibile, è nota da trascrizioni:

LI SS OTTO. SOTTO. PENA DI SCVDI
2. E TRATTI. 2. DI. FVNE. PROIBISCONO
TVTTI. I GIVOCHI. E. OGNI. SORTE
DI SPORCITIA. VICINO. ALLA
MVRAGLIA. DELLO. SPEDALE
DEGLI. INNOCENTI. PER. DIECI
BRACCIA. ATORNO. DALLA. VIA / DEGLI. AGNOLI. ALLA VIA. DELLA
CROCETTA. A D MDCXIII

Sull'oratorio di San Pierino, sotto uno stemma, un angioletto tiene un cartiglio aperto dove si legge:

CONGREGATIO SS. SACRAMENTI
RESTAURAVIT A. D. MDCCCXCVIII

Oratorio di San Pierino (società dante alighieri) stemma.JPG

Sulla palazzina dei Servi una memoria in latino sulla cessione del palazzo ad uso dell'insegnamento della chimica e data 1887.

CHEMIÆ
DOCTRINÆ AVGENDÆ
IN
FLORENTINO
STVDIORVM ATHENÆO

COMMODIORES ÆDES
EXTRVCTÆ
MDCCCLXXXVII

Palazzina de' Servi, ext. targa, facoltà di chimica.JPG

Traduzione: "Per ampliare la scienza della chimica nell'Ateneo fiorentino degli studi, fu costruito un edificio più adeguato. 1887."

Al 22 una lapide ricorda la casa di Andrea del Sarto:

IN QVESTA CASA
ABITÒ IL PITTORE SENZA ERRORI
ANDREA D'AGNOLO FIORENTINO
DETTO DEL SARTO
CHE REDVCE DI FRANCIA LA EDIFICÒ
E VI MORIVA NELL'ANNO MDXXX

Casa di andrea del sarto 02 targa.JPG

Al 26, sul palazzo Capponi Farinola, si ricordano Gino Capponi e Giuseppe Giusti:

IN QUESTO
CHE FU DI GINO CAPPONI
PALAGIO OSPITALE ALLE SPERANZE ITALIANE
IL COMUNE DI FIRENZE
INIZIATRICE L'ASSOCIAZIONE DELLA STAMPA TOSCANA
SCRIVE IL NOME
DI
GIUSEPPE GIUSTI
CHE QUI PIÙ FRATELLO CHE OSPITE
MANCÒ IL XXXI MARZO MDCCCL
AI NUOVI DESTINI DELLA PATRIA
DE' QUALI IL SUO CANTO SDEGNOSO
FU AUSPICIO POTENTE
EVOCAZIONE DALLA MORTE ALLA VITA

XIII MAGGIO MDCCCXCIV
LXXXV NATALIZIO
Palazzo di gino capponi, targa giuseppe giusti.JPG

Al numero 25 una targa novecentesca ricorda la casa dove visse e morì nel 1915, all'epoca civico 17, l'attore Tommaso Salvini che fu uno dei "Grandi Attori" del XIX secolo.[3][4]

TOMMASO SALVINI
CHE L'ALFIERI E LO SHAKESPEARE
EBBERO SVLLA SCENA MIRABILE INTERPRETE
IN QVESTA CASA CHE FV SVA
MORì IL 31 DICEMBRE 1915

SPENTA L'ECO DEI PLAVSI FVGGEVOLI
DVRA DEL GRANDE ARTISTA LA FAMA

NEL QVINTO ANNO DALLA SVA MORTE
IL COMVNE
POSE

Targa casa salvini.jpg

Tabernacoli[modifica | modifica wikitesto]

Sulla strada si trova un unico tabernacolo al n. 13, con un bassorilievo in terracotta raffigurante la Madonna col Bambino e riferibile al XVII secolo. La cornice in pietra serena, con voluite nel coronamento, dovrebbe essere coeva[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bargellini-Guarnieri 1977-1978, I, 1977, pp. 197-198, nel dettaglio
  2. ^ Garneri 1924, p. 209, n. XXV; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, I, 1977, pp. 197-198, nel dettaglio.
  3. ^ Lettera autografa di Salvini da Firenze il 12 dicembre 1915
  4. ^ (EN) Helen Zimmern, Home Life of the Great Tragedian., in The Morning Call (San Francisco), 18 giugno 1893. URL consultato il 1º febbraio 2013.
    «The Florentine house, situated in the modern and more fashionable end of the town, No. 17 Via Gino Capponi, is an elegant little one-storied villa of modern construction. Large glass folding doors bear upon their faces the initials of the owner. After we have passed through these we find ourselves in a little courtyard, whence we obtain a peep into a small but wellkept garden, behind which is situated the stables.».
  5. ^ Ennio Guarnieri, Le immagini di devozione nelle strade di Firenze, in Le strade di Firenze. I tabernacoli e le nuove strade, Bonechi, Firenze 1987, p. 94.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Comune di Firenze, Stradario storico e amministrativo della città e del Comune di Firenze, Firenze, Tipografia Barbèra, 1913, p. 59, n. 419;
  • Piero Bargellini, Ennio Guarnieri, Le strade di Firenze, 4 voll., Firenze, Bonechi, 1977-1978, I, 1977, pp. 195–198.
  • Francesco Cesati, La grande guida delle strade di Firenze, Newton Compton Editori, Roma 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Firenze Portale Firenze: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Firenze