Vera Slepoj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vera Slepoj (Portogruaro, 3 maggio 1954) è una psicologa e scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureata in psicologia all'Università di Padova nel 1977[1] con una tesi sulla "Devianza e i meccanismi di controllo in una società attuale";

Nei primi anni ottanta ha gestito una rubrica nella rivista Riza Psicosomatica e su consiglio di Klaus Davi ha scritto il suo primo libro, Capire i sentimenti.[2]. In esso e in altri libri successivi tratta temi legati a relazioni affettive, problemi sociali e manie.

Ha altresì curato rubriche a tema psicologico nelle riviste Io Donna - Corriere della Sera, sui settimanali Oggi, Gioia, Diva e Donna e sulla rivista Giallo. Come editorialista ha scritto su Il Gazzettino, Il Mattino di Padova, La Tribuna di Treviso, Corriere delle Alpi e La Nuova Venezia.[3]

Dopo essere stata candidata per Alleanza Nazionale nel 1999 alle Europee, dove non è stata eletta nonostante le circa settemila preferenze ricevute[4], nel 2006 è stata candidata al Senato dall'UDC.[5]

Tra le varie attività svolte è stata psicoterapeuta della squadra di calcio del Palermo negli anni 1999-2000[3] e docente presso l'Università degli Studi di Siena per l'insegnamento di Sociologia della Salute, inoltre è Presidente della Federazione Italiana Psicologi[6] e dell'International Health Observatory.[1]

Ha svolto il ruolo di consigliere per l'Authority per il Volontariato nel periodo 2000-2004 e quello di Consigliere del Ministro delle comunicazioni dal 2002 al 2006.

Dal 1999 al 2004 è stata nominata, su indicazione di Gianfranco Fini[2], assessore alla cultura, musei e servizi sociali alla provincia di Padova.[3]

Il suo libro Géographie des sentiments è stato tradotto dalla casa editrice francese Payot.[7]

L'accusa a Sailor Moon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Adattamento di Sailor Moon.

Nel 1997 è diventata celebre per una polemica contro il famoso anime Sailor Moon: la Slepoj sosteneva che la quinta serie del celebre cartone animato sarebbe stata in grado di compromettere seriamente l'identità sessuale dei bambini maschi.[8]

L'accusa era basata sulla segnalazione di alcuni genitori, i cui figli maschi, appassionati del cartone, sarebbero giunti a identificarsi con la protagonista.[9]

Successivamente la polemica riguardò anche la presenza delle Sailor Starlights, guerriere che, quando non combattono, sono dei ragazzi in tutto e per tutto.

In conseguenza alle polemiche, la serie di Sailor Moon, già riadattata, è stata ancor più modificata: sia in video, con vistosi fermi immagine e rimontaggi delle scene, sia soprattutto nei dialoghi.[10][11]

Altre prese di posizione[modifica | modifica wikitesto]

  • Secondo Vera Slepoj, la possibilità per una donna di abbandonare i figli al momento della nascita, fenomeno diffuso uniformemente sia nelle aree più industrializzate che in quelle economicamente più povere e che nel 1995 raggiunse in Italia i 600 casi, è un preoccupante segnale di un "senso della morte" che pervade la società contemporanea.[12]
  • Nel 1997 in un'intervista la Slepoj contestò le dichiarazioni rilasciate dal settimanale cattolico Famiglia Cristiana secondo cui una persona non può rifiutare di avere rapporti sessuali con il proprio coniuge, definendola una visione primitiva della sessualità che ne negava l'aspetto spirituale.[13]
  • A seguito di un caso di presunti abusi su minori del 2006, avvenuto a Rignano Flaminio, giunto poi all'assoluzione degli imputati nel 2014 in Appello[14], Vera Slepoj nel 2007 espresse preoccupazione nei confronti dei cittadini che si dichiaravano per l'innocenza degli imputati, affermando che in Italia il concetto di famiglia è "idealizzato ma in maniera puramente astratta" e che "la società è altamente individuale e la sessualità è vista come personale e incontrollabile". Questo secondo la Slepoj porterebbe alla negazione del problema della pedofilia nella società italiana.[15][16]
  • Ritiene necessaria la revisione della Legge Basaglia in quanto legge "mal gestita" e "mal interpretata".[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruno Bettelheim, Fondazione scientifica Querini Stampalia, 1990
  • Capire i sentimenti: per conoscere meglio se stessi e gli altri, Milano, Mondadori, 1996 (dal 1998 in Oscar saggi)
  • Cara TV con te non ci sto più, Angeli, 1997
  • Géographie des sentiments, Payot&Rivages, 1997
  • Il pensiero violento, 1997
  • Legami di famiglia: per amore, per odio, per sempre, Milano, Mondadori, 1998
  • Le ferite delle donne, Milano, Mondadori, 2002 (dal 2003 in Oscar saggi)
  • Convivio : arte e storia della gastronomia e della convivialità nella provincia di Padova, La Galiverna, 2004
  • Le ferite degli uomini, Milano, Mondadori, 2004 (dal 2005 in Oscar saggi)
  • L'età dell'incertezza: capire l'adolescenza per capire i nostri ragazzi, Milano, Mondadori, 2008
  • Le nuove ferite degli uomini, Milano, Cairo, 2010
  • La psicologia dell'amore, Milano, Mondadori, 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Vera Slepoj: Libri dell'autore in vendita online, su www.ibs.it. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  2. ^ a b c Vera Speloj: «L’ingresso in politica è stato devastante. Ora mi sento libera» – Francesco Cassandro, su francescocassandro.it. URL consultato il 13 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2019).
  3. ^ a b c Vera Slepoj - Psicologa, scheda su Il Corriere della Sera, 27esimaora.corriere.it
  4. ^ Europee 13/06/1999 Area ITALIA + ESTERO Circoscrizione ITALIA NORD-ORIENTALE, elezionistorico.interno.gov.it.
  5. ^ Repubblica.it » politica » Elezioni, liste chiuse i partiti blindano i candidati, su www.repubblica.it. URL consultato il 13 ottobre 2019.
  6. ^ Vera Slepoj, "L'amore è la capacità che ci fa riconoscere nell'altro qualcosa di indispensabile per la vita", su Libreriamo, 19 novembre 2016. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  7. ^ Géographie des sentiments - Vera Slepoj - Payot, su www.payot.ch. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  8. ^ Sailor Moon pericolosa per i ragazzini, su web.archive.org, 2 novembre 2015. URL consultato il 12 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2015).
  9. ^ Marco Pellitteri, Mazinga Nostalgia - Storia, valori e linguaggi della Goldrake-generation, Roma, King, 2002, pp. 270 e ss.
  10. ^ censure anime - SAILOR MOON - Censure Personaggi -, su ilbazardimari.net, 6 gennaio 2013. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  11. ^ A volte ritornano: la psicologa che accusò Sailor Moon di portare all'omosessualità #Agoraclick 136, su animeclick.it, 25 gennaio 2020. URL consultato il 30 gennaio 2020.
  12. ^ Watching the World — Watchtower ONLINE LIBRARY, su wol.jw.org. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  13. ^ (ES) Clarín.com, Afirman que negarse a tener sexo con el cónyuge es pecado, su www.clarin.com. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  14. ^ Rignano Flaminio, presunti abusi alla materna: imputati assolti anche in appello, su Il Fatto Quotidiano, 16 maggio 2014. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  15. ^ (EN) "School of horrors" abuse case splits Italian town, in Reuters, 13 maggio 2007. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  16. ^ (EN) 'School of horrors' splits Italian town | The Mercury, su www.iol.co.za. URL consultato il 12 ottobre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24741767 · WorldCat Identities (ENlccn-no2005114540