Un marziano sulla Terra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un marziano sulla Terra
Visit to a Small Planet (Norman Taurog, 1960).jpg
Jerry Lewis in una scena del film
Titolo originaleVisit to a Small Planet
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1960
Durata85 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia, fantascienza
RegiaNorman Taurog
SoggettoGore Vidal (commedia teatrale)
SceneggiaturaEdmund Beloin, Hary Garson
ProduttoreHal B. Wallis
Casa di produzioneHal B. Wallis Production per Paramount
FotografiaLoyal Griggs
MontaggioFrank Bracht
Effetti specialiFarciot Edouart, John P. Fulton
MusicheLeigh Harline
ScenografiaHal Periera, Walter H. Tyler
CostumiEdith Head
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Un marziano sulla Terra (Visit to a Small Planet) è un film del 1960 diretto da Norman Taurog. È una commedia fantascientifica[1] ispirata molto liberamente a un soggetto televisivo del 1955 e a una successiva commedia teatrale del 1957, entrambi scritti da Gore Vidal.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Un marziano sulla Terra rappresenta il primo incontro con la fantascienza vera e propria per l'attore Jerry Lewis,[1] che in seguito interpreterà soltanto un altro film con elementi fantascientifici, nel 1966: Stazione luna.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio italiano è curato dalla CDC. La voce di Jerry Lewis è, al solito, quella di Carlo Romano. Nelle sequenze in cui Kreton fa parlare la gattina e il cagnolino di casa, essi hanno rispettivamente le voci di Serena Verdirosi e di Luigi Pavese.

Mentre nella versione originale, quando qualcuno cerca di rivelare alle autorità la sua identità extraterrestre, Kreton si mette improvvisamente a intonare in falsetto la filastrocca anglosassone Mary Had a Little Lamb, nel doppiaggio italiano il brano viene sostituito con il più noto in Italia La vispa Teresa.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Fantafilm scrive:

«Scritto e pensato per Jerry Lewis, attore protagonista in ascesa dopo la rottura del sodalizio con Dean Martin, il film è una parodia un po' debole delle pellicole di fantascienza, ma non priva di qualche merito grazie ai trucchi del sempre inventivo John P. Fulton.[1]»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Un marziano sulla Terra, in Fantafilm. URL consultato il 10 febbraio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]