Ugliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ugliano
Ugljan
Ugljan 7 from st Mihovila.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Mar Adriatico
Coordinate 44°05′N 15°10′E / 44.083333°N 15.166667°E44.083333; 15.166667Coordinate: 44°05′N 15°10′E / 44.083333°N 15.166667°E44.083333; 15.166667
Arcipelago zaratino
Superficie 51,05[1] km²
Sviluppo costiero 78,74[1]
Altitudine massima 288[2] m s.l.m.
Geografia politica
Stato Croazia Croazia
Regione Regione zaratina
Comune Oltre, Cuclizza e Calle
Centro principale Oltre
Demografia
Abitanti 6 049[3] (2011)
Cartografia
Croatia - Ugljan.PNG
Mappa di localizzazione: Croazia
Ugliano
Ugliano

[senza fonte]

voci di isole della Croazia presenti su Wikipedia

Ugliano[4][2][5] (in croato Ugljan) è un'isola della Dalmazia settentrionale, in Croazia, situata di fronte a Zara. Amministrativamente appartiene alla regione zaratina, suddivisa nei comuni di Oltre, Cuclizza e Calle.

L'isola è tra le più densamente popolate dell'Adriatico, nel 2011 contava 6 049 abitanti[3]; le principali località sono: Ugliano[5] (Ugljan), Lucorano[6] (Lukoran), Sant'Eufemia[2] (Sutomišćica), Pogliana[7] (Poljana), Oltre (Preko), Calle (Kali) e Cuclizza[2] (Kukljica).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola di Ugliano fa parte dell'arcipelago zaratino, e così come le isole vicine si sviluppa lungo un asse orografico con andamento nord-sud. L'isola è formata da calcari e in parte da dolomie[2]. La forma allungata dell'isola (22 km per 3,8 km di larghezza) ne ha determinato anche l'assetto viario: una sola strada collega le principali località, che sono tutte rivolte verso la costa dalmata. L'estremità settentrionale, punta San Pietro[2][8][9] (rt Sv. Petar), racchiude, con punta Ovina[2][10] (rt Ovčjak) ad ovest, l'insenatura di valle Molina[2] (Muline). A sud, tra punta Zablenisca[2] o Lamiune[11] (Japlenički rt) e punta Secca[2][12] o Caranton[13] (rt Karantun), ci sono le valli Lamiane Grande[14] (Vela Lamjana), Lamiane Piccola[2] (Mala Lamjana) e valle Busa[2][12] (uvala Sabuša). Le due valli Lamiane a loro volta sono divise da punta dei Frati[15] (rt Frataščina).

Ugliano è separata dalla terraferma per mezzo del canale di Zara[2] (Zadarski kanal) e dall'isola di Eso tramite il canale di Mezzo[2]. Meno netta è la separazione con le isole contermini: a nord Sestrugno è distante solo 2 km; Rivani a circa 450 m separata dallo stretto di Ugliano[2] (Veli Ždrelac[16]), detto anche canale del Grande San Luca Velli[17], mentre a sud l'isola di Pasman è addirittura collegata tramite un ponte carrozzabile gettato sullo stretto di Sdrelaz (Mali Ždrelac[18]). L'isola ha una superficie di 51,05 km²[1] e lo sviluppo costiero è di 78,74 km[1]. La vetta più alta è il monte Grande[19] (Šćah) che raggiunge i 288 m[2] e si trova nella parte centrale di Ugliano, poco più a sud si erge il monte San Michele[9] alto 249,6 m[20] (Sv. Mihovil). La città di Zara è distante appena 4 km in linea d'aria ed è regolarmente collegata da traghetti che partono dal capoluogo Oltre.

Isole adiacenti[modifica | modifica wikitesto]

L'isolotto dei Sorci, Caranton, Bisacce e Nudo fanno parte del comune di Cuclizza[27].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola è stata abitata fin dalla preistoria e venne nominata da Plinio il Vecchio col nome di Lissa. Nel Medioevo prese il nome di San Michele, per poi essere nominata col nome attuale nel 1325. All'epoca dei Romani era abitata prevalentemente lungo il versante nordoccidentale, come testimoniano alcuni reperti archeologici che hanno anche attestato l'antica produzione di olio di oliva. Alcuni ritengono che il nome attuale dell'isola contenga qualche riferimento etimologico alla parola olio (in croato ulje).

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Molte le vestigia del passato veneziano dell'isola: la fortezza di San Michele del XIII secolo[28] sul monte omonimo (Sv. Mihovil), edificato in epoca incerta[28] ove si trovava un monastero benedettino Sancti Michaelis de Monte della fine del XI sec.[28], passato in mano ai Veneziani nel 1345-1346 durante l'assedio di Zara[28] e ristrutturato nella seconda metà del XIV sec.[28]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Duplančić, pp. 12-30.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Alberi, pp. 663-673.
  3. ^ a b (HREN) Statistički ljetopis Republike Hrvatske 2015/Statistical Yearbook of the Republic of Croatia 2015 [Annuario statistico della Repubblica di Croazia 2015] (PDF), Zagabria, Republika Hrvatska - Državni zavod za Statistiku [Repubblica di Croazia - Ufficio centrale di Statistica], dicembre 2015, p. 47. URL consultato il 28 aprile 2016.
  4. ^ Natale Vadori, Italia Illyrica sive glossarium italicorum exonymorum Illyriae, Moesiae Traciaeque ovvero glossario degli esonimi italiani di Illiria, Mesia e Tracia, 2012, San Vito al Tagliamento (PN), Ellerani, p. 591, ISBN 978-88-85339293.
  5. ^ a b Grande atlante d'Europa e d'Italia, Istituto geografico de Agostini, Novara 1994, p. 185.
  6. ^ Vadori, p. 481.
  7. ^ Vadori, p. 519.
  8. ^ Vadori, p. 549.
  9. ^ a b Rizzi, p. 453.
  10. ^ Vadori, p. 544.
  11. ^ Vadori, p. 540.
  12. ^ a b Rizzi, p. 461.
  13. ^ Vadori, p. 541.
  14. ^ Vadori, p. 598.
  15. ^ Vadori, p. 538.
  16. ^ Letteralmente significa "grande fauce".
  17. ^ Vadori, p. 616.
  18. ^ "Piccola fauce".
  19. ^ Vadori, p. 579.
  20. ^ a b c d e (HR) Mappa topografica della Croazia 1:25000, preglednik.arkod.hr. URL consultato il 14 gennaio 2017.
  21. ^ Vadori, p. 455.
  22. ^ Carta di cabottaggio del mare Adriatico, foglio VII, Milano, Istituto geografico militare, 1822-1824. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  23. ^ Vadori, p. 398.
  24. ^ Marieni, p. 202.
  25. ^ a b G. Giani, Carta prospettiva delle Comuni censuarie della Dalmazia, foglio 2, 1839. Fondo Miscellanea cartografica catastale, Archivio di Stato di Trieste.
  26. ^ Vadori, p. 433.
  27. ^ a b c (HR) Državni program [Programma Nazionale] (a cura di), Pregled, položaj i raspored malih, povremeno nastanjenih i nenastanjenih otoka i otočića [Analisi, posizione e schema di isolotti e piccole isole, periodicamente abitati e disabitati] (PDF), razvoj.gov.hr, 2012, p. 18. URL consultato il 12 aprile 2017.
  28. ^ a b c d e (HR) Sofija Sorić, Kaštel Sv. Mihovila na otoku Ugljanu (PDF), in Ars Adriatica, nº 2, Zara, 2012, pp. 85-96. URL consultato il 18 aprile 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN249424962