Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Tupolev Tu-70

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tupolev Tu-70
Descrizione
Tipoaereo di linea
Equipaggio6
ProgettistaURSS OKB 156 Tupolev
CostruttoreURSS OKB 156 Tupolev
Data primo volo27 novembre 1946
Esemplari1
Sviluppato dalTupolev Tu-4
Altre variantiTupolev Tu-75
Dimensioni e pesi
Tupoljev Tu-70.svg
Tavole prospettiche
Lunghezza35,61 m
Apertura alare43,05 m
Altezza9,75 m
Superficie alare161,70
Peso a vuoto38 290 kg
Peso max al decollo51 400 kg
Passeggeri48
Propulsione
Motore4 radiali Shvetsov ASh-73
Potenza2 375 CV (1 747 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità di crociera563 km/h
Autonomia4 900 km

i dati sono estratti da Уголок неба[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Tupolev Tu-70 (in caratteri cirillici Туполев Ту-70, nome in codice NATO Cart[2]) era un quadrimotore da trasporto passeggeri di linea ad ala bassa progettato dall'OKB 156 diretto da Andrej Nikolaevič Tupolev e sviluppato in Unione Sovietica nella seconda parte degli anni quaranta.

Sviluppo civile del bombardiere strategico Tu-4, venne realizzato in un solo esemplare dopo la costruzione del quale il progetto venne abbandonato. Fu il primo aereo russo con la fusoliera pressurizzata. Il velivolo fu testato con successo, ma a causa dei pressanti bisogni militari e dato che l'Aeroflot non aveva necessità di tale aereo, la produzione fu annullata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Туполев Ту-70 in Уголок неба.
  2. ^ (EN) Andreas Parsch e Aleksey V. Martynov, Designations of Soviet and Russian Military Aircraft and Missiles, in Designation-Systems.net, http://www.designation-systems.net, 2 lug 2008. URL consultato l'8 dic 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Paul Duffy, Andrei Kandalov, Tupolev The Man and his Aircraft, Warrendale, PA, Society of Automotive Engineers, 1996, ISBN 978-1-56091-899-8.

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

URSS URSS

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]