The Flying Lizards

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Flying Lizards
Paese d'origine Gran Bretagna Gran Bretagna
Genere Rock sperimentale
New wave
Periodo di attività 19761984
Etichetta Virgin Records, Statik
Gruppi e artisti correlati Steve Beresford, Peter Gordon, David Toop

The Flying Lizards è stato un gruppo musicale di rock sperimentale, fondato in Inghilterra nel 1976. Sono spesso ricordati per essere stati gli autori di una cover del brano Money (That's What I Want) di Barrett Strong, traccia che li ha resi una "one-hit wonder".[1][2][3]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Fondati dal leader e produttore discografico David Cunningham, i Flying Lizards erano un collettivo che realizzava una musica sperimentale e spesso improvvisata. I membri inclusero gli strumentisti David Toop e Steve Beresford, più le cantanti Deborah Evans-Stickland, Patti Palladin e Vivien Goldman. Il pittore Michael Upton era un altro membro del gruppo.

Dopo aver ottenuto un contratto discografico con la Virgin Records, il gruppo registrò The Flying Lizards nel 1979. Oltre ad includere la cover di successo Money, l'unico brano del gruppo a scalare le classifiche,[2] l'omonimo debutto comprendeva i brani "The Story" e "The Window", entrambi composti e cantati da Golfman.[4] Le loro uscite su singolo includono alcune cover "post-moderne" di tracce quali "Summertime Blues" (di Eddie Cochran) e "Money".

L'album vendette abbastanza copie da giustificare la Virgin a finanziare un nuovo album del progetto, ma il seguente Fourth Wall, pubblicato nel 1981, si concentra ulteriormente sullo sperimentalismo eclettico della musica di Cunningham. Malgrado il suo scarso successo, Fourth Wall ricevette critiche entusiaste.[1]

Top Ten, uscito nel 1984, contiene esclusivamente cover di altri autori (quali James Brown e Leonard Cohen), suonate in modo volutamente freddo e "robotico". In questo periodo Cunningham iniziò a produrre dischi di altri musicicisti (inclusi i This Heat, e i Wayne Country). In seguito alla pubblicazione di Top Ten, Cunningham sciolse la formazione.[1]

La loro versione del brano " Money" di Barrett è rimasta tutt'oggi nota, venne usata in colonne sonore di film quali Prima o poi me lo sposo, Empire Records, Charlie's Angels e Lord of War, così come nelle serie televisive Nip/Tuck e Ashes to Ashes. Lo stesso brano venne usato anche in uno spot pubblicitario della Taco Bell.

Registrato perlopiù nel 1978, ma pubblicato soltanto nel 1996, The Secret Dub Life of the Flying Lizards contiene versioni dub strumentali di alcune tracce dei Flying Lizards.[1]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

  • The Flying Lizards (Virgin Records, 1979)
  • Fourth Wall (Virgin, 1981)
  • Top Ten (Statik, 1984)
  • The Secret Dub Life of the Flying Lizards (Piano Records, 1996)
  • The Flying Lizards & Fourth Wall (ristampa, RPM Records, 2010)
  • The Secret Dub Life of the Flying Lizards (ristampa in vinile, Staubgold, 2010)

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • Summertime Blues (Virgin VS230, 1978)
  • Money (Virgin VS276, 1979)
  • TV (Virgin VS325, 1979)
  • The Laughing Policeman (con lo pseudonimo 'The Suspicions', Arista 361, 1980)
  • Move On Up (Virgin VS381, 1981)
  • Hands 2 Take con Michael Nyman (Virgin VS392, 1981)
  • Lovers and Other Strangers (Virgin VS421, 1981)
  • Sex Machine (Statik tak19, 1984)
  • Dizzy Miss Lizzie (Statik tak25, 1984)
  • Money/T.V. (Old Gold, 1988)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Biography by Mark Deming, Allmusic.com. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  2. ^ a b David Roberts, British Hit Singles & Albums, 19th, London, Guinness World Records Limited, 2006, p. 206. ISBN 1-904994-10-5.
  3. ^ Allmusic ((( The Flying Lizards > Charts & Awards > Billboard Singles ))).
  4. ^ Mark Allen, The Flying Lizards: A Pop Band Arranged According to the Laws of Chance in No. 6, Sound Collector, April 2001. URL consultato il 18 novembre 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock