Super Star Wars: Return of the Jedi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Super Star Wars: Return of the Jedi
videogioco
Super Star Wars Return of the Jedi.png
PiattaformaSuper Nintendo, Game Gear, Game Boy
Data di pubblicazioneSNES:
Giappone 23 giugno 1995
Flags of Canada and the United States.svg 22 giugno 1994
Zona PAL 30 marzo 1995

Game Gear:
Flags of Canada and the United States.svg 1995
Zona PAL 1995
Game Boy:
Flags of Canada and the United States.svg novembre 1995
Zona PAL 1995

Virtual Console:
Flags of Canada and the United States.svg 7 settembre 2009
Zona PAL 16 ottobre 2009
GenereAvventura dinamica, piattaforme, Sparatutto a scorrimento
TemaGuerre stellari
SviluppoSculptured Software, Realtime Associates, LucasArts
PubblicazioneJVC (prima edizione), THQ (riedizione), LucasArts (Virtual Console)
SerieSuper Star Wars
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputGamepad
SupportoCartuccia, download
Distribuzione digitaleVirtual Console
Preceduto daSuper Star Wars: The Empire Strikes Back

Super Star Wars: Return of the Jedi, meglio noto come Super Return of the Jedi, è un videogioco sparatutto a scorrimento del 1994 per la console Super Nintendo Entertainment System. Basato sul film del 1983 Il ritorno dello Jedi, è il terzo gioco della serie dedicata alla trilogia di Guerre stellari iniziata con Super Star Wars. Ne furono distribuite anche versioni semplificate per Nintendo Game Boy e Sega Game Gear. Super Star Wars: Return of the Jedi è stato ripubblicato sulla Virtual Console in Nord America il 7 settembre 2009 e nelle regioni PAL il 16 ottobre 2009, accanto agli altri giochi della serie Super Star Wars.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Super Star Wars: Return of the Jedi segue fedelmente l'impostazione dei precedenti capitoli della serie, con il ritorno dei diversi personaggi selezionabili (in specifici livelli), e sequenze di guida con visuale 3D in terza persona da dietro. La trama del gioco segue quella del film, anche se alcuni livelli e ambientazioni non si vedono nella pellicola, come quello dove Luke Skywalker deve combattere all'interno della Morte Nera prima di raggiungere l'Imperatore Palpatine. In aggiunta a Luke Skywalker, Ian Solo, e Chewbecca, già presenti nei precedenti due giochi, i nuovi personaggi giocabili includono Leila Organa e l'Ewok Wicket W. Warrick.

Alcuni dei boss finali includono Jabba the Hutt, il Rancor, Dart Fener e l'Imperatore.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Alla sua uscita nei negozi, GamePro diede una recensione negativa alla versione per Super NES. Sebbene la rivista lodasse la colonna sonora del gioco, forti furono le critiche inerenti al sistema di controllo frustrante, i boss di fine livello troppo facili, e nello specifico il design generale dei livelli, ritenuti noiosi, ripetitivi, e già visti nei precedenti due capitoli della serie.[1] In netto contrasto, Electronic Gaming Monthly assegnò al gioco un voto di 8 su 10, lodando la grafica eccellente e la difficoltà dei livelli.[2] Consolemania e Computer+Videogiochi assegnarono entrambe ben 91% alla versione Super NES[3][4]. Famicom Tsūshin valutò il videogioco con un punteggio di 23 su 40.[5]

Super Return of the Jedi ricevette il premio come "Best Movie-to-Game" del 1994 da Electronic Gaming Monthly.[6] Inoltre, EGM lo nominò "Best Game Gear Game" del 1995.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ProReview: Super Return of the Jedi, in GamePro, nº 65, IDG, dicembre 1994, pp. 122–123.
  2. ^ Review Crew: Super Return of the Jedi, in Electronic Gaming Monthly, nº 63, Ziff Davis, ottobre 1994, p. 32.
  3. ^ Super Return of the Jedi (JPG), in Consolemania, anno 4, nº 36, Milano, Xenia Edizioni, dicembre 1994, p. 118, OCLC 955500245.
  4. ^ Super Return of the Jedi (JPG), in Computer+Videogiochi, nº 43, Cinisello Balsamo, Gruppo Editoriale Jackson, dicembre 1994, p. 132, OCLC 955714397.
  5. ^ NEW GAMES CROSS REVIEW: スーパー・スターウォーズ/ジェダイの復讐. Weekly Famicom Tsūshin. No.341. Pg.30. 30 giugno 1995.
  6. ^ Electronic Gaming Monthly's Buyer's Guide, 1995.
  7. ^ Electronic Gaming Monthly's Buyer's Guide, 1996.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]