Stazione di Matera Centrale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Matera Centrale
stazione ferroviaria
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
LocalitàMatera
Coordinate40°39′59.4″N 16°36′04.68″E / 40.6665°N 16.6013°E40.6665; 16.6013
LineeBari-Matera
Storia
Stato attualeIn uso
Attivazione1986
Caratteristiche
Tipostazione di transito, sotterranea
Binari1
GestoriFerrovie Appulo Lucane
OperatoriFerrovie Appulo Lucane

La stazione di Matera Centrale è una fermata ferroviaria a servizio della città di Matera, posta sulla ferrovia Bari-Matera e gestita dalle Ferrovie Appulo Lucane (FAL).

Nata come stazione di superficie, è stata poi trasformata in una stazione sotterranea e infine in una semplice fermata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La vecchia stazione centrale di Matera, costruita nel 1915

La stazione fu inaugurata nel 1915, come capolinea meridionale della linea da Bari e Altamura. Nel 1928 fu aperta la tratta Matera-Miglionico, parte della linea per Ferrandina e Montalbano Jonico, che operò tra il 1932 e il 1972.[1]

Con il piano regolatore cittadino approvato nel 1956[2] si decise di sopprimere l'esistente scalo ferroviario,[3] situato nel centro cittadino, sostituendolo con una stazione sotterranea. I cantieri per la realizzazione iniziarono nel 1974, terminando dodici anni dopo: la tratta di attraversamento urbano di superficie di Matera fu sostituita da un tracciato sotterraneo,[4] con il primo treno che transitò il 16 gennaio 1986, mentre l'inaugurazione ufficiale avvenne il successivo 24 novembre.[5]

A seguito della designazione di Matera capitale europea della cultura 2019, è stato presentato nel 2018 un progetto di riqualificazione della stazione centrale, redatto dall'architetto Stefano Boeri[6], da SCE Project per le strutture e da E.S.A. engineering per gli impianti. I lavori sono stati realizzati dalla Cobar di Altamura.[7] Finanziata dalla Regione Basilicata attraverso il POR FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale dell'Unione europea) 2014-2020 con un costo di 16 milioni di euro, la stazione è stata riqualificata ed adattata ai moderni standard tecnologici.

Dal 18 luglio 2018 la stazione è stata chiusa per lavori di ammodernamento e riaperta il 19 gennaio 2019. L'inaugurazione ufficiale è avvenuta il 13 novembre 2019 alla presenza - tra gli altri - di Boeri.

Nel luglio 2021 un treno speciale da Bari per Matera Centrale ha viaggiato portando a destinazione i membri delegati del G20.[8]

Dati ferroviari[modifica | modifica wikitesto]

Schema della stazione: in alto lo schema della stazione sotterranea così come si presentava nel periodo 1986-2013, in basso quella vecchia

La stazione si trova nel centro della città, in piazza della Visitazione lungo via Aldo Moro, nei pressi del municipio. L'antico edificio della stazione a due piani, conservato, è adiacente a quello moderno, situato nei pressi di un parcheggio costruito sopra i binari originali. La struttura moderna è un edificio di un piano quadrato con una coppia di colonne all'ingresso. Ha un sottopassaggio pedonale per le piattaforme, che serviva i due binari (ora ridotti a uno) a scartamento ridotto (950 mm). La linea non è elettrificata.

La stazione dispone di un fabbricato viaggiatori, che ospita la sala d'attesa, le banchine e i servizi igienici e la biglietteria.

Era dotata di due binari, quello di incrocio è stato rimosso dopo i lavori di riqualificazione.[9]

Movimento passeggeri e ferroviario[modifica | modifica wikitesto]

Dalla stazione partono i treni regionali per Bari e Gravina in Puglia/Potenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune, su lagazzettadelmezzogiorno.it. URL consultato l'11 novembre 2020.
  2. ^ Marra, p. 66.
  3. ^ Tutti i treni (non) portano a Matera, su Linkiesta, 29 giugno 2016. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  4. ^ "Notizia flash", in "I treni oggi" n. 68 (febbraio 1987), p. 7.
  5. ^ Marra, p. 67.
  6. ^ Matera, ecco il progetto della stazione Fal di Boeri, La Gazzetta del Mezzogiorno, 22 maggio 2018. URL consultato il 25 luglio 2018.
  7. ^ trmh24, Stazione Fal di Matera centrale, 19 gennaio la riapertura al pubblico. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  8. ^ G20, treno speciale Bari Matera per i grandi della terra, su ferrovieappulolucane.it.
  9. ^ Riapre la stazione "firmata" Boeri - ViaggiArt, su ANSA.it, 18 gennaio 2019. URL consultato il 18 gennaio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietro Marra, Calabro Lucane. Piccole ferrovie tra Puglia, Basilicata e Calabria, Bagnacavallo, PGM, 2016, ISBN 978-88-909824-1-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]