Seventeen Seconds

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Seventeen Seconds

Artista The Cure
Tipo album Studio
Pubblicazione Aprile 1980
Durata 35 min : 36 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere[1] Post-punk
Gothic rock
Etichetta Fiction Records
Produttore Robert Smith, Mike Hedges
Note Ripubblicato il 25 aprile 2005 in versione rimasterizzata con un CD bonus di demo e inediti
The Cure - cronologia
Album precedente
(1980)
Album successivo
(1981)
Singoli
  1. A Forest
    Pubblicato: 8 aprile 1980
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Discogs 4.53/5 stelle
Ondarock Consigliato 8.5

Seventeen Seconds è il secondo album di studio della band inglese The Cure, pubblicato il 22 aprile 1980.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Con questo album i Cure cominciano la discesa verso quel pozzo profondo di disperazione e nichilismo che si concluderà nel baratro di Pornography e della quasi totale distruzione del gruppo stesso. Le atmosfere in Seventeen Seconds cominciano a farsi più rarefatte, le canzoni cominciano a perdere luce, a confondersi nelle nebbie della foresta ritratta nella copertina, tra echi lontani (Secrets, Three), interludi strumentali contemplativi (A Reflection, The Final Sound) e deliri notturni ("Sento l’oscurità respirare/Avverto la tranquilla disperazione/Ascolto il silenzio/Della notte", da At Night), per culminare nel senso di ansia e solitudine finale di A Forest, diventata un classico non solo dei Cure, ma del genere dark.

Le registrazioni sono state contraddistinte dall'essenzialità della strumentazione e dalla mancanza di fondi: per concedersi altri due giorni nello studio, la band si è trovata costretta a dormire sul pavimento della sala di registrazione. Verso la fine delle sessioni, comunque, i problemi economici si sono fatti sentire: The Final Sound era stata concepita come un lungo pezzo strumentale, ma la cassetta si è esaurita durante l'esecuzione e Mike Hedges, il produttore, non poteva permettersi di usarne un'altra e ha lasciato semplicemente suonare i ragazzi senza registrarli; il suono che si sente alla fine è proprio la cassetta che finisce.[2]

Tracklist[modifica | modifica sorgente]

Tutte le canzoni sono di Gallup, Hartley, Smith, Tolhurst.

  1. A Reflection (2:09)
  2. Play For Today (3:39)
  3. Secrets (3:19)
  4. In Your House (4:06)
  5. Three (2:36)
  6. The Final Sound (0:52)
  7. A Forest (5:55)
  8. M (3:03)
  9. At Night (5:54)
  10. Seventeen Seconds (4:01)

Deluxe Edition[modifica | modifica sorgente]

L'album è stato ripubblicato in versione rimasterizzata il 25 aprile 2005, corredato di un disco bonus con demo, live e rarità:

Tracklist CD2: Rarities 1979-1980[modifica | modifica sorgente]

  1. I'm a Cult Hero (previously available vinyl single A-side by Cult Hero 12/79)[3] (2:59)
  2. I Dig You (previously available vinyl single B-side by Cult Hero 12/79)[3] (3:25)
  3. Another Journey By Train (aka 44f) (group home instrumental demo 1/80 - previously unreleased version) (3:12)
  4. Secrets (group home instrumental demo 1/80 - previously unreleased version) (3:40)
  5. Seventeen Seconds (live in Amsterdam 1/80 - previously unreleased version) (3:59)
  6. In Your House (live in Amsterdam 1/80 - previously available on 'curiosity' mc 1984) (3:32)
  7. Three (Seventeen Seconds alternate studio mix 2/80 - previously unreleased version) (2:45)
  8. I Dig You (Cult Hero live in the Marquee Club, London 3/80 - previously unreleased version)[3] (3:36)
  9. I'm a Cult Hero (Cult Hero live in the Marquee Club, London 3/80 - previously unreleased version)[3] (3:21)
  10. M (live in Arnhem 5/80 - previously unreleased version) (2:56)
  11. The Final Sound (live in France 6/80 - previously unreleased version) (0:26)
  12. A Reflection (live in France 6/80 - previously unreleased version) (1:39)
  13. Play For Today (live in France 6/80 - previously unreleased version) (3:46)
  14. At Night (live in France 6/80 - previously available on 'curiosity' mc 1984) (5:37)
  15. A Forest (live in France 6/80 - previously unreleased version) (6:28)

Durata: 51:21

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pagina su All Music Guide
  2. ^ Dal libretto di accompagnamento alla "Deluxe Edition" di Seventeen Seconds
  3. ^ a b c d I "Cult Heroes" sono una band parallela messa su quell'anno da Robert, Porl Thompson, Simon e altra gente. Hanno avuto vita breve, pubblicando solo il singolo presente in questo CD.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock