The Cure in Orange

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Cure in Orange
The Cure in Orange.png
Titolo originale The Cure in Orange
Paese di produzione Regno Unito
Anno 1987
Durata 113 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere musicale
Regia Tim Pope
Casa di produzione Fiction
Montaggio Peter Goddard
Musiche The Cure
Trucco Helen Evans
Interpreti e personaggi

Simon Gallup: sé stesso
Robert Smith: sé stesso
Porl Thompson: sé stesso
Laurence Tolhurst: sé stesso
Boris Williams: sé stesso

The Cure in Orange è un film concerto del gruppo alternative rock britannico dei Cure, uscito nell'aprile del 1987.

Il video[modifica | modifica wikitesto]

A metà degli anni ottanta Robert Smith, il cantante e leader, è insicuro se continuare o no a con la band: secondo lui essa si trova in un picco di creatività e sente il bisogno di documentare questo periodo per i posteri.[1] Viene quindi scelto di filmare il concerto dell'9 agosto 1986, che si tiene in Francia. L'esibizione dal vivo che il video documenta si svolge nell'anfiteatro romano della città, in uno scenario suggestivo al tramonto. Il posto aveva ospitato solo un altro concerto rock in precedenza, i Dire Straits due anni prima, quindi concedere la scena ai Cure, un cui fan si era accoltellato poco tempo prima durante un concerto a San Francisco, è visto come un grosso rischio, tanto che la polizia locale presidiò il luogo con molti uomini.[1]

Per l'occasione, Robert Smith sfoggia dei capelli corti come mai erano stati dall'inizio della band (e come mai più saranno: Smith è famoso per i suoi capelli lunghi e arruffati), rivelato all'ingresso sul palco dal bassista Simon Gallup, che gli toglie il parrucchino con cui era entrato per emulare ironicamente la vecchia capigliatura.

I fondi a disposizione del progetto erano limitati, tanto che fu necessario girare i primi piani il giorno dopo, di domenica, durante una falsa performance nell'anfiteatro vuoto, visto che le macchine da ripresa utilizzate non erano in grado di farlo in presenza del pubblico. Come ha scritto il Melody Maker: "Se avesse piovuto in uno o entrambi i giorni, l'intero progetto sarebbe andato all’aria: 150000 sterline buttate al vento perché non si riusciva a coprire la quota assicurativa di 50000 sterline. Non ha piovuto fino a lunedì."[2]

Questo video rappresenta l'esordio in un lungometraggio del regista Tim Pope, che già ha diretto e dirigerà numerosi video per il gruppo, legando per molti anni il suo nome a quello dei Cure. La première si è svolta a Londra, all'Odeon Marble Arch, il 23 aprile 1987. Solo successivamente, precisamente nel novembre dello stesso anno, è stato pubblicato nel mercato home video. Una sua pubblicazione in DVD, ancora mancante, è molto richiesta dalla comunità online dei fans.[3]

The Cure in Orange
Artista The Cure
Tipo album Video live
Pubblicazione Novembre 1987
Durata 113 min
Dischi 1
Tracce 23
Genere Post-punk
Etichetta Fiction Records
Registrazione Orange, Francia, 9 agosto 1986
Formati VHS, Laserdisc
Note Diretto da Tim Pope
The Cure - cronologia
Album video precedente
(1986)
Album video successivo
(1991)

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Shake Dog Shake
  2. Piggy in the Mirror
  3. Play for Today
  4. A Strange Day
  5. Primary
  6. Kyoto Song
  7. Charlotte Sometimes
  8. Inbetween Days
  9. The Walk
  10. A Night Like This
  11. Push
  12. One Hundred Years
  13. A Forest
  14. Sinking
  15. Close to Me
  16. Let's Go to Bed
  17. Six Different Ways
  18. Three Imaginary Boys
  19. Boys Don't Cry
  20. Faith
  21. Give Me It
  22. 10:15 Saturday Night
  23. Killing an Arab

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Uncut magazine, dicembre 2008
  2. ^ Jo-Ann Greene e Dave Thompson, The Cure - La storia illustrata 1972-1996, Arcana Editrice, 1996. ISBN 887966090X.
  3. ^ TheCure.Com, Sezione Community

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]