Santa Coloma de Gramenet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santa Coloma de Gramenet
comune
Santa Coloma de Gramenet – Stemma Santa Coloma de Gramenet – Bandiera
Santa Coloma de Gramenet – Veduta
Localizzazione
StatoSpagna Spagna
Comunità autonomaFlag of Catalonia.svg Catalogna
ProvinciaFlag of Barcelona (province).svg Barcellona
Amministrazione
AlcaldeNúria Parlón i Gil (PSC) dal 17/11/2009
Territorio
Coordinate41°27′14″N 2°12′40″E / 41.453889°N 2.211111°E41.453889; 2.211111 (Santa Coloma de Gramenet)Coordinate: 41°27′14″N 2°12′40″E / 41.453889°N 2.211111°E41.453889; 2.211111 (Santa Coloma de Gramenet)
Altitudine56 m s.l.m.
Superficie7 km²
Abitanti116 765 (2007)
Densità16 680,71 ab./km²
Comuni confinantiBadalona, Barcellona, Montcada i Reixac, Sant Adrià de Besòs
Altre informazioni
Linguecatalano, spagnolo, lingue ofiziali
Cod. postale08921/2/3
Fuso orarioUTC+1
Codice INE08245
TargaB
Nome abitanticolomencs/colomenses
PatronoSanta Colomba
Giorno festivo31 de dicembre, giorno di San Silvestre
ComarcaBarcelonès
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Santa Coloma de Gramenet
Santa Coloma de Gramenet
Sito istituzionale

Santa Coloma de Gramanet (in catalano e ufficialmente: Santa Coloma de Gramenet [ˈsantə kuˈɫomə ðə ɣɾəməˈnɛt]), chiamata Gramanet del Besós dal 1937 fino alla fine della guerra civile spagnola, è una città e un comune spagnolo situato nella provincia di Barcellona, Catalogna. Appartiene alla regione del Barcelonés. Santa Coloma de Gramanet è la settima città più popolata della provincia di Barcellona, la nona in Catalogna e la cinquantacinquesima in Spagna.

Lo stemma della città è una colomba.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Santa Coloma de Gramanet è situato ad est del fiume Besos, tra il Serralada de Marina e il piano Badalona.

Si limita al nord con il Comune di Moncada e Reixach, al sud con quello di San Adrián de Besós, a est con quello di Badalona e ad ovest con quella di Barcellona. Da Plaza de la Vila de Santa Coloma alla Plaza de Cataluña a Barcellona ci sono solo 9 km.

La topografia del comune è piuttosto aspra. Perpendicolare al fiume Besós ci sono tre catene montuose completamente o parzialmente urbanizzate da nord a sud: la Sierra de San Mateo (che fa parte della Sierra de Marina), la Sierra de les Mosques d'Ase (chiamata anche Montserrat dels Pobres) e la Sierra d'en Mena. Queste tre catene montuose formano tra loro due valli (dove un tempo scorrevano i loro torrenti): la valle della Carcereña (o valle Pallaresa) e la valle del Sistrells.

Il punto più alto del comune è il centro storico iberica Puig Castellar, con 303 m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vari reperti archeologici del Neolitico e dell'Eneolitico, scoperti nell'area di Santa Coloma de Gramanet, rivelano la presenza di gruppi umani almeno a partire dall'anno 3500 a.C. Sembra che tra il X e il VI secolo a.C. Nell'area arrivarono diverse migrazioni dal nord che confluirono poco tempo dopo nell'insediamento della tribù iberica di Layetanos, stabilitasi nel VI o V secolo a.C. C. nel comune di Puig Castellar, all'estremo nord dell'attuale comune. Occuparono l'intera fascia costiera da Sitges a Blanes e la loro cultura sopravvisse fino a quando il forte impatto della conquista romana (III secolo a.C.) segnò l'inizio della loro progressiva estinzione. La città di Puig Castellar fu probabilmente abbandonata all'inizio del II secolo a.C. C.

Non ci sono quasi dati sulla popolazione in epoca romana e visigota. Pare che esistessero diversi villaggi sparsi nella valle, nei pressi del Besós, fortemente influenzati dalle città vicine: Baetulo (Badalona), attiva fino al II secolo d.C., e Barcino (Barcellona).

Dopo il relativo abbandono dell'invasione saracena, a partire dal IX secolo iniziò il ripopolamento del settore. I nuovi coloni, provenienti dal nord, dovevano conoscere la tradizione del martirio di Santa Coloma (Santa Columba de Sens, sacrificata dai Romani in Gallia nell'anno 274, quando aveva solo 17 anni) ed è probabile che a lei fosse dedicata una chiesa preromanica. che fu distrutta da Almanzor nel 985. Nello stesso luogo fu costruito un tempio romanico, documentato dal 1019, che sopravvisse come chiesa parrocchiale per più di sette secoli. Attorno a questa chiesa iniziò a formarsi il primo nucleo urbano, che coesisteva con alcuni vecchi casali. Questa ipotesi sull'origine del toponimo "Coloma", difesa dallo storico locale Joan Vilaseca Segalés, contrasta con quella supportata da altre fonti secondo cui "Coloma" sarebbe il risultato dell'evoluzione della parola latina "columbarium", nome che I romani si affacciavano sul luogo dove venivano deposte le urne con i resti cremati dei cadaveri. La sistematica cristianizzazione dei nomi "pagani" esercitata dal potere della Chiesa cattolica ha contribuito alla qualificazione di Santo, così comune, d'altra parte, in altri toponimi.

Nel 1966, Víctor Jove Minguillón, accusato di corruzione per aver raccolto tangenti per la concessione di licenze, fu sorpreso dalla reclusione senza cauzione dell'ex sindaco dal 2 ottobre 1959 all'11 giugno 1965.

Nel 2013 è entrata a far parte della Rete dei Comuni per la Terza Repubblica, diventando il Comune più popoloso della stessa fino all'incorporazione di Parla nel 2016. Anche quest'anno è stata fatta una scoperta di sorgenti termali sotterranee nel quartiere Fondo.

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Municipio y la Plaza de la Vila[modifica | modifica wikitesto]

La Plaza de la Vila, con la sua corrispondente urbanizzazione, è emersa alla fine degli anni '90. XIX nelle terre della fattoria scomparsa di Can Pascali.

Il primo nucleo di edifici, noto come Casa de la Villa o Municipio Nuovo, risale all'anno 1886 e consisteva negli uffici del governo municipale, insieme al tribunale-prigione e una scuola.

Església Major de Santa Coloma[modifica | modifica wikitesto]

Questo tempio dedicato a Santa Coloma (martire), fu costruito tra il 26 maggio 1912 quando fu posta la prima pietra e il 5 settembre 1915 quando fu inaugurato. È uno degli ultimi edifici neogotici costruiti in Catalogna tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo. Una nuova interpretazione del gotico medievale realizzata con una buona dose di libertà.

Sulla facciata esterna è presente una finestra a sesto acuto al posto del tipico rosone con vetrata che rappresenta la Vergine di Montserrat. Il campanile ottagonale di media altezza è sormontato da un pinnacolo conico di piastrelle nere che ricorda il Nord Europa. Troviamo, allo stesso tempo, alcuni dettagli del Modernismo catalano dell'epoca, come l'ornamento che circonda la parte superiore del campanile basato su merli a punta e croci greche. Una caratteristica notevole dell'intero esterno è la sua verticalità che gli conferisce un'aria "trascendente".

L'interno presenta un soffitto a cassettoni che ricorda il soffitto della cappella di Santa Ágata a Barcellona. È uno sbalorditivo travi di legno che forma quadrati rettangolari. Non manca neppure la traccia del movimento modernista, che si riflette nell'accostamento di pietra artificiale e mattone a vista e nell'ornamento portato dai due capitelli - uno inferiore e uno superiore - che sorreggono ciascuna colonna.

Architetti e costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Il tempio è stato progettato e le sue opere, in parte, dirette da Francesc d'Assís Berenguer i Mestres, stretto collaboratore del grande Gaudí con il quale ha lavorato per ventisette anni. Poiché Berenguer non aveva il titolo di architetto, il progetto è stato firmato da Miquel Pascual i Tintorer. Pare che abbia assunto la direzione dei lavori quando morì improvvisamente a Berenguer nel 1914, all'età di quarantasette anni. La costruzione è stata sostenuta da un lascito di Mn. Jaume Gordi che era il figlio del popolo ed era morto pochi anni prima.

Una pala d'altare che si trovava nell'altare maggiore fu distrutta nei primi giorni della guerra civile del 1936-1939. Dopo aver provato varie soluzioni per vestire la nudità lasciata dall'assenza di questa pala d'altare, è stato costruito il paravento in ceramica che si vede oggi, opera di Ricardo Altés. È stato rilasciato nel 1990 in occasione del 75 ° anniversario dell'inaugurazione del tempio.

Vetro colorato[modifica | modifica wikitesto]

Le finestre nella parte superiore dell'abside sono state dotate di sette vetrate colorate. Devi osservare i tre al centro, realizzati dal fumettista Pere Cánovas e dal vetraio Francisco Queixalós che offrono una ricca diversità di colori.

Quello centrale rappresenta Santa Colona (Patrona) con i suoi leggendari emblemi (l'orso, il fuoco e la pioggia, la colomba e la Bibbia).

Quella di sinistra riproduce i segni storici del paese di Colomense durante il suo lungo periodo rurale (la Torre Pallaresa, la Torre Balldovina, il Puig Castellar, "la Chiesa Vecchia" e i prodotti agricoli più tipici di cui vivevano i contadini locali). a destra sono visibili i due edifici più emblematici dell'attuale città (il Palazzo Comunale e la chiesa di Santa Coloma).

Inoltre, il colore blu che decora la parte inferiore delle due vetrate - "rurale" e "urbano" - evoca il fiume Besós presente in tutte le epoche.

L'immagine della santa patrona della città, Santa Coloma Mártir[modifica | modifica wikitesto]

A destra dell'altare maggiore si trova l'immagine della santa patrona della città, Santa Coloma Mártir, originale del XV secolo. Il suo volto fu danneggiato da un incendio nel luglio 1936 provocato dalla parte repubblicana e, in seguito, fu ricostruito con un aspetto leggermente diverso da quello precedente.

La canonica[modifica | modifica wikitesto]

Accanto al tempio si trova la canonica, di stile gotico molto austero, quasi archeologico, ornata da una serie di finestre merlate e, allo stesso tempo, da una certa asimmetria che le conferisce, nel suo rigore, una lieve aria di stile modernista.

Parrocchia di San José Oriol[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale chiesa di Sant Josep Oriol occupa lo stesso sito della chiesa romanica originaria dell'XI secolo, sostituita nel 1761 da un nuovo tempio barocco, distrutto nel 1936. Dell'attuale edificio, l'elemento più notevole è il presbiterio, decorato dal artista Grau Garriga, e che è presieduto da un imponente arazzo di cotone a forma di agnello Esquix, che simboleggia Gesù Cristo.

El poblado ibérico del Puig Castellar[modifica | modifica wikitesto]

Articolo principale: Puig Castellar

La città iberica si trova nella parte superiore del Puig Castellar, a 303 m di altezza. Sono i resti di un villaggio di una tribù Laietana, fondata nel VI secolo a.C. C. e che durò fino al III secolo a.C. C. o II a. C, precisamente con l'arrivo dei romani nelle terre.

Il paese era di medie dimensioni, essenzialmente dedito all'agricoltura e all'allevamento, anche se tracce ritrovate confermano l'attività commerciale con civiltà straniere come quella greca o quella cartaginese. La struttura del paese è ellittica, con tre strade longitudinali e una superficie di circa 4000 mq, che si stima siano una trentina di edifici e una popolazione di circa 200 abitanti. Per la sua difesa e sicurezza, la città era circondata da un muro.

La città fu scoperta nel 1902 da Ferran de Sagarra, che fece i primi scavi e ritrovamenti, ceduti all'Istituto di studi catalani. I lavori furono proseguiti da Serra-Ràfols e successivamente dal centro escursionistico Puig Castellar. Attualmente la maggior parte degli oggetti scoperti si trovano nel Museo Torre Balldovina.

Per recuperare il patrimonio storico, dal 2007 si celebra in città il Festival Iberico. Tra le attività, spiccano le rappresentazioni della vita quotidiana degli iberici.

La Torre Pallaresa[modifica | modifica wikitesto]

La Torre Pallaresa è uno degli edifici più rappresentativi dell'architettura catalana del Cinquecento, dichiarato monumento storico-artistico di interesse nazionale nel 1931. Si trova alle porte della città, nella valle di Carcereny.

Gli storici datano le sue origini intorno all'alto medioevo. Successivamente, alla fine del XIV secolo, passò dalla famiglia Carcereny nelle mani di Jaume Pallarès (da cui il nome). Tuttavia, nel 1520 la vedova di Pallarès lo vendette alla famiglia Cardona. Quest'ultimo ha trasformato la vecchia casa dandole l'aspetto attuale.

La struttura dell'edificio è di impianto gotico con sovrastante un loggiato soleggiato e due torri laterali di altezza diseguale coronate anch'esse da una galleria. La decorazione dell'edificio mescola il gotico con elementi rinascimentali (busti, medaglioni, motivi floreali, ecc.), Dove spiccano il portale principale e il patio interno.

Can Roig i Torres[modifica | modifica wikitesto]

Situato nel centro storico, è considerato l'edificio più emblematico di tutti gli edifici colomiani dell'inizio del secolo. Fu costruito tra il 1910 e il 1913 su iniziativa di Rafael Roig y Torres e vinse il premio del Comune di Barcellona e del Consiglio provinciale. La struttura della casa è a forma di V e al centro si innalza una torre centrale più alta coronata da un pinnacolo. L'edificio mescola elementi modernisti e noucentisti.

Per anni ha avuto diversi utilizzi: ospedale durante la Guerra Civile Spagnola, sede della Falange, scuola e, una volta acquisita dal Concistoro, sede della Scuola Comunale di Musica. Nel 2007 è stato inaugurato il nuovo Auditorium Comunale nel seminterrato dell'edificio.

Can Mariner[modifica | modifica wikitesto]

Can Mariner è una casa di campagna del XVIII secolo con aggiunte successive. Il suo nome deriva dal suo proprietario del 19 ° secolo, Francisco Salvatella, detto il Marinaio.

È costituito da un corpo centrale con un piano terra e un primo piano e una torre a tre piani, con finestre distribuite in modo asimmetrico.

Mas Fonollar[modifica | modifica wikitesto]

Questo casale è stato costruito prima del XIV secolo ed era il centro di un patrimonio agricolo. Il suo nome deriva dai suoi maestri del XIX secolo, i Funullà o Fonollar. L'edificio è una tipica casa colonica catalana con un piano terra e un piano superiore con tetto a doppia falda.

La fattoria è stata ristrutturata nel 1982 e trasformata in un Centro Risorse per i Giovani. Nel 2005 ha subito un incendio, quindi è stato chiuso e ristrutturato un anno dopo.

Can Sisteré[modifica | modifica wikitesto]

Casal edificata nell'Ottocento come residenza estiva seguendo la tipologia di una torre residenziale isolata e circondata da un giardino. Oggi è un centro culturale.

Recinto Torribera[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso si trova sui terreni dell'agriturismo Torribera, situato nella valle di Carcereny. Nel 1916, la Diputación de Barcelona acquisì queste terre per costruire un sanatorio mentale, ancora in vigore. Vivono circa 2000 persone.

Il progetto è stato realizzato dagli architetti Josep Maria Pericas e Rafael Masó secondo i valori noucentisti. Si compone di cinque padiglioni isolati, la porta e la casa del regista. Il complesso è concepito come una città giardino strutturata secondo la topografia del terreno. Successivamente sono stati aggiunti padiglioni in stile completamente diverso. Inoltre, oggi è anche un campus universitario con sede dell'Università di Barcellona, dell'Università Autonoma di Barcellona e dell'UNED.

Iglesia de Torribera[modifica | modifica wikitesto]

È una cappella neoromanico, con campanile poligonale coronato da un pinnacolo grazia.

La Torre Balldovina[modifica | modifica wikitesto]

Fu costruito tra il X e l'XI secolo a scopo di sorveglianza e protezione del territorio. Sembra documentato nell'anno 1020 come Turris Baldoví. Tra il XIII e il XIV secolo perse il suo carattere militare e si aggiunsero nuove dipendenze residenziali e agricole. Tuttavia, la grande trasformazione dell'edificio è stata effettuata nel XVIII secolo per mano della famiglia Segarra. È stato trasformato in una residenza nobiliare al piano terra, a due piani, con un'ala perpendicolare in stile modernista aggiunta tra il 1914 e il 1918.

Con i primi ritrovamenti di ceramica iberica situati sulle pendici del Puig Castellar nel 1902, inizia la storia dell'attuale Museo. Nel 1986 il Comune ha designato la Torre Balldovina come sede del Museo Municipale dedicato alla salvaguardia e alla diffusione del patrimonio culturale e naturale della città.

Tra le collezioni che compongono la collezione del Museo con riferimento alla storia di Santa Coloma, vale la pena evidenziare i materiali iberici della città di Puig Castellar e l'insediamento di Can Calvet, nonché i materiali medievali del "Molí d'en Ribé "e il" Mas Fonollar ", oltre agli oggetti che testimoniano la vita agricola della campagna di Santa Coloma.

Singularidad[modifica | modifica wikitesto]

La Torre Balldovina è l'unico edificio romanico nel nord di Barcelonés rimasto intatto fino ad oggi.

Durante il XV secolo l'intero Paese fu devastato da catastrofi naturali (epidemie, terremoti ...), incursioni della pirateria turca e guerre interne, che sconvolse anche la vita pacifica dei contadini colombiani e li costrinsero a pagare pesanti tasse. Durante la guerra civile del 1462-1472 che re Giovanni II affrontò con la Generalitat, ci fu un'importante battaglia vicino alla Torre Balldovina (26 novembre 1471). Secondo la cronaca, il principe Fernando, figlio di Juan II, aveva trenta cavalieri imprigionati nella torre. Per liberarli, la Generalitat inviò 150 cavalieri con 4.000 uomini in piedi, duramente sconfitti, preludio alla definitiva capitolazione che, un anno dopo, pose fine alla guerra.

Ponte dei Besòs[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1913 iniziò la costruzione del ponte sul Besòs, fondamentale per la comunicazione con Barcellona attraverso San Andrés, e iniziò la nuova chiesa di Santa Coloma. La popolazione ha continuato ad aumentare durante la prima metà del XX secolo, raggiungendo 15.281 abitanti nel 1950, raddoppiati dieci anni dopo. Durante i decenni degli anni Sessanta e Settanta, il processo di immigrazione ha acquisito proporzioni esplosive e il censimento è passato da 32.000 a 140.000 abitanti in soli vent'anni, la maggioranza proveniente dall'Andalusia e dall'Estremadura. Questo fenomeno provoca la comparsa di nuovi quartieri sparsi nel territorio comunale, caratterizzati da un'urbanistica caotica, frutto di speculazioni e improvvisazioni. Con l'arrivo della democrazia inizia un periodo di raddrizzamento e trasformazione che ha fornito alla città tutti i tipi di servizi e ha migliorato notevolmente le comunicazioni, soprattutto con la costruzione di nuovi ponti sul Besòs e l'arrivo della Metropolitana.

Ermita de Sant Climent[modifica | modifica wikitesto]

Si trova sulla collina dell'Ermitas, sulla sommità di una collina, al confine con il termine Montcada i Reixac. Vi si può accedere da un sentiero da Puig Castellar.

Ha pianta rettangolare, con testa semicircolare, coperta da volta a botte esternamente rivestita di coppi. La porta è rettangolare, con architrave in legno. La facciata è dominata da un campanile in mattoni.

Ermita de Sant Onofre[modifica | modifica wikitesto]

L'eremo di San Onofre, nella Catena Costiera nel comune di Santa Coloma de Gramanet, nella Loma de las Ermitas. È raggiungibile dal sentiero che parte dal Coll de Vallensana o da quello che passa per il Coll de Puig Castellar, da Santa Coloma de Gramanet. Ha pianta rettangolare, abside dritta e copertura a capanna. Il portale è voussoir, punta tonda. C'è una finestra semicircolare decorata sulla facciata e una più semplice sulla testata del letto.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il settore terziario è il più presente in città con il 78,12% delle licenze comunali, la stragrande maggioranza all'interno del settore del commercio e del restauro. Santa Coloma dispone di una vasta rete commerciale di oltre 1000 negozi consultabili attraverso la pagina ufficiale di http://www.acisantacoloma.cat/

Feste locali[modifica | modifica wikitesto]

Festival[modifica | modifica wikitesto]

Santa Coloma de Gramanet ha due festival principali:

  • Il Summer Festival si tiene all'inizio di settembre. Questo festival è nato nel XIX secolo quando Santa Coloma de Gramanet è diventata una località estiva.
  • Il Winter Festival si celebra nel periodo natalizio, il 31 dicembre è il giorno principale del festival. È una festa incentrata sulla santa patrona, Santa Coloma.

Allo stesso modo, la maggior parte dei quartieri della città organizza i propri festival principali.

Altre feste popolari[modifica | modifica wikitesto]

Sono quelli che vengono organizzati dalle persone con la collaborazione economica del Comune di Colomense o che semplicemente si svolgono in città.

Processioni religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • In ottobre c'è la Processione di Nostra Signora María Santísima del Pilar, organizzata dalla Casa de Aragón, la Virgen del Pilar lascia la Casa de Aragón in direzione della Chiesa Madre dove si celebra la Messa Baturra intorno alle 13:00 in suo onore. Durante la Processione per le strade si sentono i suoni di bandurrias, chitarre e nacchere accompagnati dalle voci di tutti i nostri membri al suono delle jotas. Dopo la Messa, viene fatta un'offerta floreale alla Madonna del Pilar e alla Nostra Patrona Santa Coloma Mártir. È un corteo di grande affluenza di partner, amici o curiosi. È accompagnato musicalmente dalla Band of Drums and Drums della House of Aragon
  • Processione di María Santísima de Guadalupe organizzata dalla Casa Regionale dell'Estremadura a Santa Coloma de Gramanet. Questa processione è organizzata il 12 ottobre, giorno ispanico, poiché la Vergine di Guadalupe è la santa patrona. La Vergine di Guadalupe lascia l'entità che si trova in Calle San Ignacio, 34. L'orario di partenza è intorno alle 11:30 o alle 12. Questa processione percorre varie vie della città fino a raggiungere l'Iglesia Mayor dove viene eseguita una tipica messa dell'Estremadura, con i suoi canti ei suoi strumenti tipici della terra, che Il coro dell'entità chiamata "Miajón de los Castuos" le suona e le canta. L'intaglio di Nostra Signora María Santísima de Guadalupe è un piccolo intaglio ma con grande fervore tra membri e connazionali che vengono da molte parti della Catalogna per questa messa.
  • La domenica si svolge la processione del Corpus Domini seguita dal giorno del Corpus Domini, le strade sono adornate di tappeti floreali, mentre le campane suonano, lasciando il posto al Santissimo Sacramento tra la gente. Lascia la Parrocchia di San Juan Bautista nel quartiere Fondo intorno alle 18:45 accompagnati da donne vestite di mantiglia bianca e con candele e termina intorno alle 20:30 o alle 21:00 prima della fine della Processione, si lasciano andare Colomba bianca. È la processione del Corpus Domini più lunga dell'intera provincia di Barcellona
  • Processione della Pura e Pulita Concepción de María, parte alla vigilia dell'8 dicembre dalla Parrocchia di San Juan Bautista del Fondo, accompagnata da preghiere e canti in tutto il quartiere e la città, è accompagnata da marce processionali interpretate da una Banda Musicale , all'uscita e all'ingresso si suona l'inno nazionale.

Architettura contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi anni, Santa Coloma de Gramanet è cambiata in modo significativo, scommettendo sull'integrazione di nuovi edifici pubblici e privati progettati da prestigiosi architetti. Lo studio di architettura di Barcellona Alonso & Balaguer Arquitectos Asociados, che collabora con Richard Rogers nel futuro centro commerciale Arenas Plaza, è l'autore del centro sportivo comunale "Duet Sports" che si distingue per la sua grafica e colore, un blocco di alloggi ufficialmente protetti e del progetto di edilizia abitativa per i soggetti colpiti da un'esplosione di gas nel quartiere Fondo. Recentemente sono stati inaugurati i nuovi tribunali progettati dallo studio BitSCP (Joan Tarrús e Jordi Bosch), visibili dall'incrocio della Trinità, così come un complesso residenziale, un hotel e un centro commerciale per mano degli architetti catalani Robert ed Esteve Terradas (Cosmocaixa), e il portoghese Eduardo Souto de Moura, autore dello Stadio Municipale di Braga, opera che gli è valsa una FAD di architettura. Lo studio Pich-Aguilera è dietro una multi-attrezzatura che comprende il mercato ristrutturato, una biblioteca e il primo asilo nido nel quartiere Fondo della città di Colom. E, infine, Patxi Mangado (architetto navarrese che lavora nel Palacio de Congresos de Palma de Mallorca) sarà anche autore di diversi edifici di alloggi ufficialmente protetti. Con tutto ciò, la proiezione urbana della città viene notevolmente aggiornata, perché è allo stesso livello di molte altre città, con grattacieli e altre attrezzature modernizzate.

È allo studio l'installazione del filobus bi-articolato Neoplan N6321 Electroliner per collegare Santa Coloma de Gramanet con San Martín de Provensals.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggio con l'Europa[modifica | modifica wikitesto]

Inoltre, partecipa alla rete Columba, gemellaggio multilaterale con i Santas Colomas

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Sport:

-Calcio

Unió Esportiva Atlètica Gramenet, é una società calcistica fondata nell 1923

Fundació Esportiva Grama, società calcistica fondata nel 2013

Singuerlin Club de Futbol, società calcistica fondata nel 1955

Arrabal Calaf de Gramenet

- Calcio a 5

Catgas Energia Santa Coloma, fondata nel 1975

F.S.Ràpid Santa Coloma

F.S. Ferran de Sagarra

-Pallacanestro

Club Bàsquet Santa Coloma

Gramenet Basquebol

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Operazione Pretoria[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 27 ottobre 2009, il sindaco della città, Bartomeu Muñoz i Calvet, è stato arrestato secondo l'ordine del giudice Garzón per i seguenti presunti crimini: 1, un possibile reato di associazione illegale di cui all'articolo 515 del codice penale; 2) di un reato di corruzione di cui all'articolo 420 del codice penale; 3) di un reato di truffa delle sovvenzioni di cui all'art. 308 in relazione all'art. 309, entrambi del codice penale; 4) di due delitti di frode e illegittime esazioni di cui all'art. 436 del codice penale; 5) di un reato di falsificazione in un documento ufficiale e commerciale di cui agli articoli 390 e 392 del codice penale.

Insieme all'assessore all'Urbanistica Manuel Dobarco ha accusato i seguenti presunti reati: 1) un possibile reato di Associazione illecita di cui all'art. 515.1 cp; 2) di un reato di truffa delle sovvenzioni di cui all'art. 308 in relazione all'art. 309, entrambi del codice penale; 3) di due delitti di frode e illegittime esazioni di cui all'art. 436 del codice penale; 4) di un reato di falsificazione in un atto ufficiale e commerciale degli articoli 390 e 392 del codice penale.

Viene arrestato anche Pascual Vela Las Cuevas, accusato dei seguenti presunti reati: 1) di due reati di frode ed esazione illegale dell'art. 436 cp 2) delitto di occultamento dell'art. 451 cp.

Nell'ambito dell'operazione Pretoria.4 I danni causati alle casse pubbliche di Santa Coloma ammontano a 18.377.000 euro.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN144349291 · LCCN (ENn88016584 · GND (DE4542731-8 · WorldCat Identities (ENlccn-n88016584
Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Spagna