Teofilo di Antiochia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da San Teofilo di Antiochia)
San Teofilo di Antiochia

Vescovo

Nascita ?
Morte 183/185
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 13 ottobre

Teofilo di Antiochia (II secoloAntiochia, 183/185[1]) è stato vescovo di Antiochia[2]. È venerato come santo.

Teofilo
vescovo della Chiesa cristiana
Incarichi ricoperti vescovo di Antiochia
Consacrato vescovo 169
Deceduto 183/185

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dalla sua opera Apologia ad Autolico si deduce che fosse nato pagano, non lontano dal Tigri e dall'Eufrate, e che decise di convertirsi al Cristianesimo dopo aver studiato i testi sacri, in particolar modo i libri profetici[3]. All'interno di questa opera, l'unica pervenuta, non fa riferimento al proprio mandato episcopale né ad altri episodi della sua vita; tuttavia Eusebio di Cesarea descrive lo zelo di Teofilo e di altri capi nell'affrontare gli eretici che stavano insidiando i fedeli, citando in maniera particolare la sua opera contro Marcione[4].

Teofilo diede contributi alla letteratura, esegesi e apologetica cristiana. William Sanday[5] lo descrive come «uno dei precursori di quel gruppo di scrittori che, da Ireneo a Cipriano, non solo rompono l'oscurità che si stende sulla storia dei primi secoli della Chiesa cristiana, ma che, in Oriente come in Occidente, la portano in evidenza dal punto di vista letterario, distanziando tutti i loro contemporanei pagani».

La Trinità[modifica | modifica wikitesto]

L'Apologia ad Autolico è il più antico scritto a noi pervenuto in cui compare il termine "Trinità". Teofilo ne parla commentando i primi tre giorni della creazione, che egli pone in corrispondenza con la Trinità composta da Dio Padre, dal Logos (= il Verbo) e dalla Sapienza. La corrispondenza fra Gesù Cristo e il Logos è evidente nel prologo del vangelo di Giovanni. Benché nel Nuovo Testamento si utilizzi generalmente il termine Spirito Santo per indicare la Sapienza di Dio, la scelta di quest'ultimo termine costituisce un riferimento alla radice veterotestamentaria della dottrina sullo Spirito Santo e in particolare all'ottavo capitolo del Libro dei Proverbi. Questa scelta terminologica è coerente con il resto dello scritto di Teofilo, in cui si citano quasi esclusivamente i libri dell'Antico Testamento.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La sua memoria liturgica cade il 13 ottobre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Lightfoot, S. Ignatius, vol. ii. p. 166.
  2. ^ Eusebio di Cesarea, Storia ecclesiastica, iv. 20; Girolamo, Ep. ad Algas. quaest. 6.
  3. ^ Apologia ad Autolycum i. 14, ii. 24.
  4. ^ Eusebio di Cesarea, Storia ecclesiastica, iv. 20.
  5. ^ Studia Biblica, p. 90.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Antiochia Successore BishopCoA PioM.svg
Sant Eros II
151 (*) (o 154) - 169
(*)Secondo la tradizione calcedonese
169 - 182 San Massimo I
188 (*) (o 182) - 191
(*)Secondo la tradizione calcedonese
Controllo di autorità VIAF: (EN107036494 · LCCN: (ENn85056796 · ISNI: (EN0000 0001 1845 4201 · GND: (DE118756923 · BNF: (FRcb130917149 (data) · NLA: (EN35601446 · BAV: ADV12181713