Ruggero III di Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ruggero III di Sicilia
Tnakred syni.jpg
Ruggero (in posizione centrale) con il padre Tancredi (a destra) e il fratello Guglielmo in una miniatura del Liber ad honorem Augusti
Conte di Lecce
e coreggente ed erede al trono di Sicilia
Stemma
In carica 1189 –
1193
Investitura agosto 1192
Predecessore Tancredi di Sicilia
Successore Guglielmo III di Sicilia
Nome completo Ruggero d'Altavilla
Nascita 1175
Morte Palermo, 24 dicembre 1193
Dinastia Altavilla
Padre Tancredi di Sicilia
Madre Sibilla di Medania
Consorte Irene Angelo
Religione Cattolicesimo

Ruggero III di Sicilia (1175Palermo, 24 dicembre 1193) era l'erede designato al trono del Regno di Sicilia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ruggero nacque nel 1175, figlio primogenito di Tancredi d'Altavilla (1139-1194), conte di Lecce e poi re di Sicilia, e di Sibilla di Medania (1153-1205).

Nominato Duca di Puglia nel 1189, per essere designato a succedere del padre, salito al trono in quell'anno. Nell'agosto 1192 nella Cattedrale di Brindisi sposò Irene Angelo (1180-1208), figlia dell'imperatore bizantino Isacco II Angelo: in occasione delle nozze il padre fece restaurare l'antica fontana sulla via Appia, nei pressi del porto di Brindisi, che da allora venne denominata Fontana Tancredi.

A Brindisi avvenne anche l'investitura ufficiale, in attesa della cerimonia di incoronazione che si sarebbe dovuta svolgere a Palermo[1].

Il giovane Ruggero prese in mano le redini del Regno, al fianco del padre impegnato nella difesa del Regno minacciato dalle pretese della zia Costanza d'Altavilla e del di lei marito, l'imperatore Enrico VI. Ma Ruggero, il 24 dicembre 1193, all'età di 18 anni, morì[2]. Al suo posto Tancredi designò re di Sicilia il figlio minore, Guglielmo, di soli 9 anni. Lo stesso Tancredi morì poco dopo, il 20 febbraio 1194, affidando la reggenza alla moglie Sibilla.

Quando Enrico VI di Germania pochi mesi dopo invase ed annesse la Sicilia, designò Irene Angelo, vedova di Ruggero, come moglie del fratello Filippo di Svevia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per Riccardo di San Germano, che pone gli eventi nel 1191, a Brindisi ebbe luogo anche l'incoronazione: "1191. (...) Re Tancredi, passando dalla Sicilia nella Puglia, tenuta una solenne adunanza a Termoli, si reca nell'Abruzzo, assedia il conte Rinaldo e lo costringe a passare di nuovo sotto il suo potere; e di qui, recandosi a Brindisi, dà in sposa la figlia di Isacco, imperatore di Costantinopoli, cioè Urania, al figlio Ruggero, suo secondo genito. E celebrate solennemente le nozze a Brindisi e qui coronato re suo figlio, il soprannominato re se ne tornò in Sicilia trionfante e glorioso (...)." Riccardo di San Germano, La Cronaca, trad. di G. Sperduti, Cassino 1999, pp.29-30.
  2. ^ "1193 (...) e così, pacificate le terre delle Puglie e di Terra del Lavoro, il re se ne tornò in Sicilia, dove contro natura morì il figlio Ruggero, che era stato coronato re e a lui successe come re suo fratello Guglielmo." Riccardo di San Germano, La Cronaca, trad. di G. Sperduti, Cassino 1999, p.36. Ma qui "contro natura" è traduzione infelice di ordine naturae praepostero, cioè "per intempestivo ordine della natura" ovvero "contro l'ordine naturale delle cose", "precocemente".
Regno di Sicilia
Altavilla
Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg

Ruggero II
Figli
Guglielmo I
Figli
Guglielmo II
Tancredi
Figli
Ruggero III
Guglielmo III
Costanza
Modifica

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Conte di Lecce Successore Coat of Arms of the House of Hauteville (according to Agostino Inveges).svg
Tancredi 1189–1193 Guglielmo III di Sicilia
Controllo di autorità VIAF: (EN100453951 · GND: (DE139151893