Royal Philharmonic Society

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Memoriale di Sir William Sterndale Bennett, MA, DCL, Mus Doc, Professore di Musica presso l'Università di Cambridge, Preside della Royal Academy of Music, Direttore della Royal Philharmonic Society, Fondatore della Società Bach

La Royal Philharmonic Society è una società musicale britannica, costituita nel 1813. Fu originariamente formata a Londra per promuovere gli spettacoli di musica strumentale. Molti illustri compositori e artisti hanno preso parte ai suoi concerti. Ora è una società di appartenenza, e mentre non ha più la sua orchestra, prosegue un programma ad ampio raggio di attività che si concentrano su compositori e musicisti giovani e mirano a coinvolgere il pubblico in modo che le generazioni future potranno godere di una ricca e vivace vita musicale. Dal 1989 ha promosso la Royal Philharmonic Society Music Awards per creatori di musica dal vivo nel Regno Unito. RPS è un marchio registrato nel Regno Unito n. 213693. Si trova al 48 di Great Marlborough Street, Londra W1F 7BB.

La Medaglia d'Oro della società per l'eccezionale musicalità viene assegnato solo occasionalmente.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A Londra, in un momento in cui non c'erano orchestre londinesi permanenti, né serie organizzate di concerti di musica da camera, un gruppo di una trentina di musicisti professionisti costituì la Società Filarmonica di Londra, il 6 febbraio 1813. L'idea era che cooperando, si sarebbe potuto costruire un'orchestra più forte che non competendo l'uno contro l'altro.[1] Tuttavia, data la scelta dell'organizzazione di tenere i suoi concerti all'Argyll Rooms, è probabile che la società sia stata avviata a causa del ridisegno urbano audace di John Nash di Regent Street. In questo modo, la società avrebbe ottenuto uno spazio scenico impressionante una volta che i vecchi Argyll Rooms fossero stati ricostruiti per il progetto di Regent Street e il principe reggente Giorgio IV avrebbe potuto promuovere la musica classica come istituzione britannica e quindi migliorato la sua reputazione.[2] Si tennero concerti negli Argyll Rooms fino a che bruciò nel 1830.

L'obiettivo della Società era "promuovere l'esecuzione, nel modo più perfetto possibile delle migliori e più apprezzate musiche strumentali". Il primo concerto, l'8 marzo 1813, fu presieduto da Johann Peter Salomon, con Muzio Clementi al pianoforte e il prodigioso violinista Nicolas Mori come violino principale, che eseguirono sinfonie di Franz Joseph Haydn e Ludwig van Beethoven. Tra i fondatori c'erano il pianista e violinista William Dance (che divenne primo direttore e tesoriere della società fino alla sua morte nel 1840), il compositore Henry Rowley Bishop, e Charles Neate, un pianista e amico di Beethoven, che pubblicizzava la musica di Beethoven presso la Società.

La società chiese a Beethoven di venire a Londra, ma la salute del compositore gli impedì di accettare l'invito. Tuttavia la richiesta della società per una sua nuova sinfonia portò alla Sinfonia Corale. Nel 1827 Beethoven scrisse alla società descrivendo le sue ristrettezze economiche; in una speciale assemblea generale della società deliberò di inviare immediatamente al compositore £ 100 (George Bernard Shaw una volta ha definì questo come "l'unico l'incidente del tutto credibile nella storia inglese"). Fra le altre opere scritte per la Società c'è la Sinfonia Italiana di Felix Mendelssohn. Direttori Illustri includono Ludwig Spohr, uno dei primi ad usare la bacchetta, Hector Berlioz, che diresse un concerto delle sue opere nel 1853, Richard Wagner, che diresse tutta la stagione 1855 di concerti orchestrali, William Sterndale Bennett per i successivi dieci anni, Arthur Sullivan, e Tchaikovsky, che diresse le proprie opere nel 1888 e nel 1893.

Dal 1830 al 1869, la Società diede i suoi concerti nella sala da concerto di Hanover Square Rooms, che aveva solo 800 posti a sedere circa. La Società decise di trasferirsi definitivamente nella Sala di San Giacomo e fu dato un concerto aggiuntivo gratuito, tenutosi presso la nuova sala, ai suoi abbonati al termine della stagione 1868-69. Charles Santley, Charles Hallé, Thérèse Tietjens e Christina Nilsson erano i solisti.[3] Quando questa operazione fu fatta, la Società rivide le sue tariffe per ottenere un pubblico più vasto e competere con il Crystal Palace e le altre sedi di grandi dimensioni, e ha introdotto programmi scritti. La Società rimase presso questa sala fino al 28 febbraio 1894, quando si trasferì alla Queen's Hall.[4]

La società diventò la Royal Philharmonic Society durante la sua 100ª stagione di concerti nel 1912, e continuò ad organizzare concerti anche in mezzo alle due guerre mondiali. Ora è una società di appartenenza, che "cerca di creare un futuro per la musica attraverso l'incoraggiamento della creatività, il riconoscimento dell'eccellenza e la promozione della comprensione."[5]

La Medaglia d'Oro[modifica | modifica wikitesto]

La Medaglia d'Oro fu assegnata per la prima volta nel 1871. La medaglia raffigura il profilo di un busto di Beethoven di Johann Nepomuk Schaller (1777-1842) che fu regalato alla società nel 1870, centenario di Beethoven. Viene assegnata per "musicalità eccezionale", e viene data raramente. Nel 2015 la medaglia è stata assegnata per la centesima volta.[6]

Destinatari[modifica | modifica wikitesto]

Appartenenza onoraria[modifica | modifica wikitesto]

Through awarding honorary membership the society recognises "services to music". Like the Gold Medal, honorary membership is awarded rarely; first awarded in 1826, by 2006 only 117 honorary members had been created.

Membri onorari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Leanne Langley, A Place for Music: John Nash, Regent Street and the Philharmonic Society of London (PDF), su Electronic British Library Journal, 2013, p. 1. URL consultato il 27 maggio 2015.
  2. ^ Langley, 3.
  3. ^ R. Elkin, Royal Philharmonic: The Annals of the Royal Philharmonic Society (Rider & Co, London, 1946), p. 65.
  4. ^ R. Elkin, Queen's Hall 1893-1941 (Ryder, London 1944), p. 52.
  5. ^ R. Elkin, Royal Philharmonic: The Annals of the Royal Philharmonic Society (Rider & Co, London 1946).
  6. ^ Gold Medal for Daniel Barenboim, The Royal Philharmonic Society, 29 gennaio 2008. URL consultato il 29 gennaio 2008.
  7. ^ Opera star Sir John Tomlinson awarded medal, su BBC Online, 8 maggio 2014. URL consultato il 9 maggio 2014.
  8. ^ John Denison, The Telegraph, 9 gennaio 2007. URL consultato il 27 maggio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica