Riccardo Cassini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Riccardo Cassini (Napoli, 15 dicembre 1960) è uno scrittore e autore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Napoli, dopo aver lavorato come venditore d'auto si trasferisce a Roma dove apre un pub a Trastevere. Durante una serata per comici dilettanti, un suo monologo sulla Nutella venne notato dal regista Lisi Natoli, che lo invitò a partecipare al concorso Riso in Italy, che venne poi vinto da Cassini.[1] La vittoria gli fece guadagnare l'invito come ospite al Maurizio Costanzo Show[1] e la pubblicazione del suo monologo con la Panini Editore, nella collana Comix Pillole. Il libro, intitolato Nutella Nutellæ, grazie anche al prezzo di copertina estremamente basso (1.000 lire) vendette oltre un milione di copie[1] diventando un caso editoriale. Visto il successo, l'anno successivo Cassini pubblicò un seguito, Nutella 2 - La vendetta, che ricalcava la struttura del precedente[2].

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Come autore televisivo ha lavorato con Fiorello nelle trasmissioni di Rai 1 Stasera pago io (dal 2001 al 2004) e Il più grande spettacolo dopo il weekend (2011), oltre a Fiorello Show (2009) trasmesso da Sky Uno.

È stato autore di Giorgio Panariello nei varietà Torno sabato, Ma il cielo è sempre più blu e Panariello sotto l'albero (Rai 1), Panariello non esiste (Canale 5),

Autore di Enrico Brignano nello spettacolo

Il meglio d'Italia (Rai 1) Enricomincio da me (Rai 2).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Nutella Nutellæ - racconti poliglotti, 1993
  • Nutella 2 - La vendetta, 1994
  • Il buco nello zoo , 1996
  • Era buio pesto alla genovese, 1998
  • Veni, vidi, WC, 1998
  • Il piccolo libro della Nutella, 2000

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Loredana Lipperini, LA NUTELLA SPALMATA SU ROUSSEAU, in repubblica.it, 15 aprile 1997. URL consultato il 25 ottobre 2021.
  2. ^ Laura Lilli, SANTA NUTELLA, in repubblica.it, 28 luglio 1994. URL consultato il 25 ottobre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90093315 · ISNI (EN0000 0001 1462 3952 · SBN BVEV024757 · LCCN (ENno2009069518 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009069518