Repubblica Sovietica Slovacca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Repubblica Sovietica Slovacca
Repubblica Sovietica Slovacca – Bandiera
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica Sovietica Slovacca
Nome ufficiale Slovenská republika rád
Lingue ufficiali Slovacca
Lingue parlate
Capitale Bratislava
Politica
Forma di Stato Repubblica
Forma di governo Stato socialista
Presidente Antonín Janoušek
Organi deliberativi Soviet
Nascita 16 giugno 1919
Causa rivoluzione
Fine 7 luglio 1919
Causa Invasione cecoslovacca
Territorio e popolazione
Bacino geografico Europa centro-orientale
Religione e società
Religioni preminenti Cattolicesimo
Evoluzione storica
Preceduto da Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Succeduto da Cecoslovacchia Cecoslovacchia

La Repubblica Sovietica Slovacca (in lingua slovacca: Slovenská republika rád, letteralmente "Repubblica Slovacca dei Consigli" - il nome nacque prima che la parola russa soviet diventasse di uso comune) fu la denominazione di uno stato sorto nella Slovacchia sud-orientale dal 16 giugno al 7 luglio 1919, con capitale Prešov, e comandata dal giornalista ceco Antonín Janoušek.

Dopo la confusione del 1918, l'esercito della neonata Cecoslovacchia ricevette l'ordine di prendere il pieno controllo della Slovacchia. Un attacco riuscito della Guardia Rossa della Repubblica Sovietica Ungherese portò all'occupazione di una grande parte della Slovacchia e la fondazione della Repubblica Sovietica Slovacca. In seguito, l'esercito ungherese lasciò il Paese, e l'esercito cecoslovacco occupò la zona, con l'aiuto di milizie italiane e poi francesi, e la Repubblica Sovietica Slovacca cessò di esistere.

Béla Kun arringa la folla a Košice
Dichiarazione della Repubblica sovietica slovacca il 16 giugno 1919 a Prešov

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]