Repubblica Socialista Slovacca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma rappresentativo della R.S. Slovacca
Repubblica Socialista Ceca (a sinistra, in blu) e Repubblica Socialista Slovacca (a destra, in azzurro) nel 1969 all'interno della Cecoslovacchia

Dal 1969 al 1990, la Repubblica Socialista Slovacca (Slovenská socialistická republika in lingua slovacca, abbreviato in RSS), fu il nome ufficiale di quella parte della Repubblica Socialista Cecoslovacca che oggi si chiama Slovacchia. Il nome fu in uso dal 1º gennaio 1969 al marzo 1990.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'occupazione della Cecoslovacchia nel 1968, le riforme di liberalizzazione subirono un arresto: l'unica eccezione fu la trasformazione della nazione in un Paese federale. L'ex-stato centralistico della Cecoslovacchia fu diviso in due: la Repubblica socialista ceca e la Repubblica Socialista Slovacca, con la Legge Costituzionale del 28 ottobre 1968, che fu applicata il 1º gennaio 1969. Furono creati nuovi Parlamenti nazionali, quello ceco e quello slovacco, mentre il vecchio Parlamento della Cecoslovacchia fu chiamato "Assemblea federale" e fu diviso in due camere: la Camera del Popolo (in ceco: Sněmovna lidu, in slovacco: Snemovňa ľudu) e la Camera delle Nazioni (in ceco: Sněmovna národů, in slovacco: Snemovňa národov). Vennero applicate norme molto complicate per le operazioni di voto.

Questa voce è parte della serie
Storia della Slovacchia
Coat of arms of Slovakia.svg



La federazione fu solo formale, in quanto tutti i poteri reali erano detenuti dal Partito Comunista di Cecoslovacchia. Il maggiore numero di Parlamenti fornì nuovi seggi per i membri dei partiti, anche se il loro ruolo rimase solo simbolico.

Dopo la Rivoluzione di velluto in Cecoslovacchia, la parola "socialista" fu eliminata nei nomi delle due repubbliche: la Repubblica Socialista Slovacca divenne Repubblica Slovacca (ancora facente parte della Cecoslovacchia).

Il sistema di voto parlamentare molto complicato (c'erano infatti 5 differenti corpi istituzionali che avevano diritto di veto) fu mantenuto anche dopo la caduta del socialismo, complicando e ritardando quindi le decisioni politiche durante quegli anni di cambiamenti radicali nel Paese.

In seguito, nel 1993, la Repubblica Slovacca divenne uno stato indipendente e prese come denominazione abbreviata Slovacchia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]