Reload (Tom Jones)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reload
Artista Tom Jones
Tipo album Studio
Pubblicazione 1999
Durata 62 min : 36 s
Dischi 1
Tracce 17
Genere Rock
Pop
Etichetta Gut/V2
Note informazioni aggiuntive
Certificazioni
Dischi d'oro Canada Canada[1]
(Vendite: 50 000+)
Francia Francia[2]
(Vendite: 100 000+)
Dischi di platino Australia Australia (2)[3]
(Vendite: 140 000+)
Austria Austria[4]
(Vendite: 50 000+)
Germania Germania[5]
(Vendite: 500 000+)
Italia Italia (2)[6]
(Vendite: 200 000+)
Svizzera Svizzera[7]
(Vendite: 50 000+)
Svezia Svezia[8]
(Vendite: 80 000+)
Regno Unito Regno Unito (4)[9]
(Vendite: 1 200 000+)
Tom Jones - cronologia
Album successivo
(2002)

Reload è il titolo di un album discografico del 1999 del cantante gallese Tom Jones.

L'album è composto da 15 cover e 2 canzoni inedite (Sex Bomb e Looking Out My Windows), tutte eseguite in duetto con altri artisti. L'album è stato il più venduto della discografia di Tom Jones e ha raggiunto il primo posto nelle classifiche britanniche nel 1999 e nel 2000.[senza fonte] In tutto il mondo, ha venduto più di 2,3 milioni di copie.[10]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Burning Down the House (feat. The Cardigans) (David Byrne, Tina Weymouth, Chris Frantz, Jerry Harrison)
  2. Mama Told Me Not to Come (feat. Stereophonics) (Randy Newman)
  3. Are You Gonna Go My Way (feat. Robbie Williams) (Lenny Kravitz, Craig Ross)
  4. All Mine (feat. The Divine Comedy) (Geoff Barrow, Beth Gibbons, Adrian Utley)
  5. Sunny Afternoon (feat. Space) (Ray Davies)
  6. I'm Left, You're Right, She's Gone (feat. James Dean Bradfield) (Stan Kesler, William E. Taylor)
  7. Sex Bomb (feat. Mousse T) ((Mousse T, Errol Rennalls)
  8. You Need Love Like I Do (feat. Heather Small) (Norman Whitfield, Barrett Strong)
  9. Looking Out My Window (feat. James Taylor Quartet) (Tom Jones)
  10. Sometimes We Cry (feat. Van Morrison) (dall'album The Healing Game)
  11. 'Lust for Life (feat. The Pretenders) (testo: Iggy Pop – musica: David Bowie)
  12. Little Green Bag (feat. Barenaked Ladies) (George Baker Selection)
  13. Ain't That a Lot of Love (feat. Simply Red) (Willa Dean Parker, Homer Banks)
  14. She Drives Me Crazy (feat. Zucchero) (Fine Young Cannibals)
  15. Never Tear Us Apart (feat. Natalie Imbruglia) (INXS)
  16. Baby, It's Cold Outside (feat. Cerys Matthews dei Catatonia) (Frank Loesser))
  17. Motherless Child (feat. Portishead) (canzone tradizionale)

Un'edizione speciale include i remix di Sex Bomb e You Need Love Like I Do come tracce bonus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Canadian album certifications – Tom Jones – Reload, Music Canada. URL consultato il 29 agosto 2014.
  2. ^ (FR) French album certifications – Tom Jones – Reload, Syndicat National de l'Édition Phonographique. URL consultato il 29 agosto 2014.
  3. ^ (EN) ARIA Charts – Accreditations – 2000 Albums, ARIA. URL consultato il 29 agosto 2014.
  4. ^ (DE) IFPI Austria - Verband der Österreichischen Musikwirtschaft, IFPI. URL consultato il 29 agosto 2014.
  5. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank (Tom Jones; 'Reload'), BMVI. URL consultato il 29 agosto 2014.
  6. ^ Musica: Tom Jones, il nuovo singolo in radio da domani, Adnkronos, 5 settembre 2002. URL consultato il 29 agosto 2014.
  7. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Tom Jones; 'Reload'), su swisscharts.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  8. ^ (SV) Guld- och Platinacertifikat − År 2000 (PDF), IFPI. URL consultato il 29 agosto 2014.
  9. ^ (EN) British album certifications – Tom Jones – Reload, BPI. URL consultato il 29 agosto 2014.
  10. ^ Vedi le certificazioni

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica