Raccolta egizia Giuseppe Acerbi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raccolta egizia Giuseppe Acerbi
Mantova - Palazzo Te.jpg
Palazzo Te
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMantova
IndirizzoViale Te 13
Caratteristiche
Tipoarcheologia
Apertura1986[1]
ProprietàCittà di Mantova
Sito web

Coordinate: 45°08′52″N 10°47′10″E / 45.147778°N 10.786111°E45.147778; 10.786111

La raccolta egizia Giuseppe Acerbi è una raccolta di antichità egizie ospitata a Palazzo Te di Mantova.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si compone di circa 500 pezzi raccolti da Giuseppe Acerbi (1773-1846), esploratore ed egittologo, dal 1826 al 1834 console generale d'Austria in Egitto, che nel 1840 donò alla città di Mantova, atto confermato dal nipote erede Agostino Zanelli.[2]

I vari reperti provenienti dall'Egitto, hanno un notevole valore didattico e documentale. Tra questi:

  • Testa bronzea della regina Arsinoe, sposa di Tolomeo IV;
  • Gatto di bronzo;[3]
  • Cane Anubi, statua lignea.

In una sala è esposto il Ritratto di Giuseppe Acerbi, dipinto ad olio di Luigi Basiletti del 1826.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Laura Donatelli, Silvio Curto, La raccolta egizia di Giuseppe Acerbi, Mantova, 1983.
  • Piero Gualtierotti, Il console Giuseppe Acerbi ed il viaggio nell'alto Egitto, Vitam, Castel Goffredo, 1984.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]