Portale:Bolivia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Benvenuti in
Bolivia
Flag of Bolivia.svg
SajamaPark.jpg
Lama3.jpg
Dropshadow lang.jpg


Cartella viola.jpg
Coat of arms of Bolivia.svg
La Bolivia
BOL orthographic.svg

La Bolivia, ufficialmente Stato Plurinazionale della Bolivia, è uno Stato dell'America meridionale, situato nel centro del subcontinente. Ha come capitale legislativa Sucre e come capitale governativa La Paz. Senza sbocchi al mare, nel 2010 ha stretto un accordo con il vicino Perù, grazie al quale ha ottenuto per 99 anni l'uso del porto di Ilo. Il nome Bolivia deriva dal cognome di Simón Bolívar. Durante il periodo vicereale l'area geografica era conosciuta come Alto Perù, dopo la proclamazione dell'indipendenza dall'impero spagnolo, il 6 agosto 1825. La nuova repubblica ha adottato ufficialmente il nome di Bolivia, il 3 ottobre 1825. Come ringraziamento per tale onore Bolívar ne divenne il primo presidente. La sua superficie è la sesta più grande in America Latina e comprende diverse aree geografiche come le Ande, l'Altiplano, l'Amazzonia, la Llanos de Moxos e Chaco, che lo rende uno dei paesi con maggiore biodiversità del mondo. Tra le lingue parlate in Bolivia ci sono lo spagnolo, l'italiano, il portoghese, l'inglese, il quechua, l'aymara e il guaraní. Oltre alle lingue parlate, vi è anche la lingua dei segni boliviana. La maggior parte della popolazione, secondo il censimento 2001, è cattolica (78%), mentre i protestanti/evangelici sono il 16%. All'incirca il 3% aderisce ad altri movimenti cristiani, molto popolari nei quartieri periferici delle città. Si stanno riproponendo con forza anche gruppi che fanno riferimento a rituali religiosi ancestrali preispanici. Continua...

Pix.gif



Cartella viola.jpg
Nuvola filesystems www.png
Geografia
La Cordillera Occidental, con il monte Sajama, è la montagna più alta della Bolivia.

Confina a nord e ad est con il Brasile, a sud con l'Argentina e il Paraguay e ad ovest con il Perù ed il Cile. Si distinguono due grandi aree geografiche:

  • le terre orientali tropicali, i due terzi del paese, divise tra bacino amazzonico e l'area del chaco;
  • le Ande, un terzo del paese, nella parte occidentale, costituite sia dalla cordigliera come dall'altipiano.

La Bolivia possiede la foresta tropicale secca più estesa al mondo nella regione del Chaco. Sono numerose le cime superiori ai 6.000 metri, le più alte sono il Sajama (m. 6.542), l'Illampu (m. 6.421) e l'Illimani (m. 6.402). Con l'eccezione del bacino endoreico costituito dal Desaguadero che collega il lago Titicaca al Lago Poopó, la gran parte del territorio è tributario del sistema idrografico del rio delle Amazzoni e, in misura minore, del rio della Plata. Il bacino idrografico più importante è quello del fiume Mamoré che , con l'Iténezche, segna il confine con il Brasile. Nell'area meridionale il corso d'acqua più importante è il Pilcomayo il quale tributa, dopo un lungo corso, nel fiume Paraguay e quindi nel Rio della Plata. Continua...


Cordigliera delle Ande - Madre de Dios - Ichilo - Madeira

Pix.gif


Cartella viola.jpg
Capitello modanatura mo 01.svg
Storia della Bolivia

Nelle regioni andine dell'attuale Bolivia fiorirono numerose culture di cui la più importante è forse la cultura Tiwanaku, che si sviluppò tra il II secolo a.C. e il XIII secolo nella parte meridionale del Lago Titicaca. Molto più recente il dominio Inca, che data il XV secolo. L'impero del Tawantinsuyu venne sottomesso dalla conquista spagnola di Francisco Pizarro anche grazie alle lotte intestine per il potere. Francisco Pizarro, Diego de Almagro e Hernando de Luque portarono gli spagnoli a conquistare l'Impero Inca. Inizialmente navigarono verso sud nel 1524 lungo il Pacifico da Panama alla ricerca dell'esistenza della leggendaria terra dell'oro chiamata Biru, che in seguito divenne Perù. Nel tardo XVIII secolo, crebbe il malcontento tra i creoli, persone di discendenza spagnola, ma nati nel nuovo mondo. Questi assunsero un ruolo attivo nell'economia, specialmente nel settore minerario ed agricolo, risentendo delle barriere stabilite dalle politiche mercantili della corona. Inoltre i creoli erano irritati dal fatto che la Spagna riservava tutti i posti amministrativi di livello medio-alto agli spagnoli (nati in Spagna). Anche le profonde modificazioni culturali provenienti dall'Europa quali l'illuminismo e la rivoluzione francese contribuirono a enfatizzare e ad ampliare il malcontento dei creoli. Questi conflitti sfociarono in una lotta di potere locale nell'Alto Perù tra il 1808 e il 1810 e costituirono l'inizio del cammino verso l'indipendenza. Il 16 luglio 1809, Pedro Domingo Murillo portò ad una seconda rivolta di creoli e meticci, coloro che avevano origini sia indios che europee. Questa rivolta ebbe inizio a La Paz e portò alla proclamazione di uno stato indipendente nell'Alto Perù, nel nome di Ferdinando VII. La fedeltà quest'ultimo era un pretesto per legittimare il movimento indipendentista. La Bolivia divenne una repubblica autonoma il 6 agosto 1825, 16 anni dopo la proclamazione dell'indipendenza di Murillo, e prese il nome dal suo fondatore, Simón Bolívar. La Costituzione venne introdotta il 28 ottobre 1880. Continua…


Simón BolívarFrancisco PizarroDiego de AlmagroImpero spagnolo

Pix.gif


Cartella viola.jpg
Nuvola apps kchart.svg
Economia

La Bolivia negli anni '80 aveva un'economia impostata sul libero mercato che inasprì le tasse e contestualmente annullò i diritti dei lavoratori congelandone i salari. Il prodotto agricolo più redditizio del paese continua ad essere la coca, di cui la Bolivia è attualmente il terzo più grande coltivatore al mondo (dopo Colombia e Perù). Dal 2001, le principali esportazioni agricola erano la soia, il cotone, il caffè e la canna da zucchero. Nonostante le sue vaste foreste, la Bolivia ha un'industria del legname non molto sviluppata. I principali prodotti industriali in Bolivia includono prodotti tessili, abbigliamento, beni di consumo non durevoli, soia trasformati, metalli raffinati, e petroliferi raffinati, in forte crescita la produzione di gas naturale. L'industria turistica della Bolivia è cresciuta gradualmente nel corso degli ultimi 15 anni.

Pix.gif
Cartella viola.jpg
Nuvola apps bookcase.png
Biografia
Andréssantacruz2.jpg

Andrés de Santa Cruz Villavicencio y Calaumana (La Paz, 5 dicembre 1792Versailles, 25 settembre 1865) è stato un politico peruviano e boliviano. È stato Presidente del Concilio Gubernamental del Perú (28 gennaio-9 giugno 1827), Presidente della Bolivia (24 maggio 1829-17 febbraio 1839). Inoltre è stato l'unico Supremo Protector della Confederazione Perù-Bolivia, rimanendo in carica (28 ottobre 1836-20 febbraio 1839). Era il figlio di José de Santa Cruz Villavicencio e di Juana Basilia Calahumana, erede di una ricca famiglia meticcio che ha sostenuto la discesa dagli Incas. A diciassette anni si arruolò nell'esercito reale come sottotenente. La sua carriera militare è iniziò con l'inizio della guerre d'indipendenza ispanoamericane. Nel 1811 ha combattuto nella battaglia di huaqui, al comando di brigata José Manuel de Goyeneche e dopo questa azione fu promosso a tenente. Ha poi combattuto sotto il generale Joaquín de la Pezuela. Dopo la battaglia di Cerro de Pasco, il 6 dicembre 1820, è stato arrestato e portato al quartier generale del generale José de San Martín si era stabilito in Huaura e decise di abbracciare la causa dell'indipendenza. Continua...


Presidente della BoliviaGran ColombiaSimón BolívarConfederazione Perù-Bolivia

Pix.gif


Cartella viola.jpg
World Heritage Sign Sweden.png
Unesco
El Fuerte Vista del lado.jpg

Il Forte di Samaipata (in spagnolo: Fuerte de Samaipata), conosciuto anche come El Fuerte, è un sito archeologico boliviano e dal 1998 è considerato un patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. È situato nella provincia cruceña di Florida, a pochi chilometri dall'omonima città di Samaipata, a 1.950 metri sul livello del mare. Secondo alcuni il termine Samaipata significherebbe "luogo di riposo fra le montagne" in lingua quechua. Attualmente non è più una fortificazoine militare, ma si suppone che fosse un sito religioso pre-colombiano, probabilmente antecedente agli stessi Inca. Continua…


PotosíMissioni gesuite del ChiquitosSucreTiahuanacoParco Nazionale Noel Kempff MercadoSistema stradale inca

Pix.gif


Cartella viola.jpg
Nuvola filesystems folder home.png
Città
Cattedrale santa cruz.jpg

Santa Cruz de la Sierra (chiamata anche semplicemente Santa Cruz) è una città boliviana di 2.114.248 abitanti. Dalla metà degli anni novanta, è la città più popolosa della Bolivia. La città fu fondata dal capitano Ñuflo de Chaves, il 26 febbraio 1561, che la chiamò Santa Cruz de la Sierra in onore della sua città natale in Spagna. L'insediamento originario della città era a circa 220 km ad est rispetto alla posizione attuale, qualche chilometro a sud dell'odierna San José de Chiquitos. Nel 1592 dopo lotte con gli indigeni la città fu spostata alla posizione attuale sulle rive del fiume Piraí. Alcuni resti dell'iniziale insediamento possono essere visitati nella località di Santa Cruz la Vieja, nei pressi di San José de Chiquitos, che a sua volta fu fondata nel 1692 come missione dei Gesuiti. La città è il nuovo centro economico della Bolivia. Nonostante abbia ancora notevoli carenze infrastrutturali, gode di ampi settori con moderni servizi pubblici, di telecomunicazione, hotel e banche. Buona parte delle principali imprese straniere presenti in Bolivia hanno la loro sede nazionale a Santa Cruz. Continua...


SucreLa PazTrinidadCochabambaOruroCobijaPotosíTarija

Pix.gif


Cartella viola.jpg
Foodlogo2.svg
Gastronomia
Pao de queijo.jpg

La cucina boliviana ha molti elementi in comune con la cucina dei paesi vicini, in particolare il consumo di prodotti regionali. Tuttavia, a causa della varietà di zone climatiche, la cucina boliviana è molto ricca e diversa secondo le tradizioni culinarie di ogni regione. La cucina boliviana ha radici etniche profonde europei e arabi.


CuñapéMate de cocaLlajuaChuñpoSaiceSalteñaTamalesAsado de cabritoChipilochichaYungueñitoChoripanChicharrónHumintasTamalesTojoríChanfainaMondongo chuquisaqueñoSalteñaLocroMajadito

Pix.gif
Cartella viola.jpg
Crystal Clear app ksirtet.png
Portali collegati
Pix.gif