Tamales

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tamales
Tamale Oaxaqueño.jpg
Origini
Altri nomihumitas (Argentina), hallacas (Caraibi e Venezuela), bollos (Panama) o montucas[1]
Luoghi d'originePerù Perù
Guatemala Guatemala
DiffusioneAmerica Latina
Dettagli
Categoriapiatto unico
Ingredienti principali
  • farina di mais
  • carne
  • burro o strutto
 
Tamale (a sinistra) e zuppa

I tamales sono un piatto tipico di alcune culture dell'America Latina; sono degli involtini preparati tradizionalmente con un impasto a base di mais ripieno di carne, verdure, frutta o altri ingredienti; possono quindi essere salati o dolci a seconda degli ingredienti che li compongono. Il nome tamal (al singolare) deriva dalla lingua náhuatl: tamalli significa avvolto.

L'impasto viene avvolto in foglie di pannocchia e/o di mais, banane, avocado o maguey (agave americana). La cottura può avvenire al vapore o possono essere lessati in abbondante acqua.

I tamales solitamente accompagnati da bevande dolci tradizionali come atole, champurrado, café de olla o cioccolata calda.

L'origine del piatto risale probabilmente ad un periodo compreso tra l'8000 e il 5000 a.C.[2] Aztechi, Maya, Olmechi e Toltechi lo utilizzavano come razione di cibo facilmente trasportabile per eserciti, cacciatori e viaggiatori. Ci sono testimonianze dell'utilizzo dei tamal anche tra gli Inca, molto tempo prima dell'arrivo dei conquistadores spagnoli.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Perù[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Tamal del Perù.

Nella gastronomia del Perù esistono diversi tipi di tamales a seconda della regione: ad esempio sulla costa, con carne di manzo, maiale, o pollo, nel Nord del Perù si prepara il tamal norteño, con coriandolo, che lo fa diventare di colore verde, sulla Cordigliera delle Ande si prepara in modo simile alla pachamanca. Le varianti si distinguono anche per forma e dimensione: per esempio, nella zona sud del paese (Mala, Chincha, Pisco e Ica) fanno tamales che arrivano a pesare anche più di due chili.

Un'altra nota distintiva consiste nel modo di cottura: possono essere cotti al vapore, o con il procedimento della pachamanca (cottura sotto terra, al riverbero di pietre), o alla brace (Qanq'as).

Messico[modifica | modifica wikitesto]

In Messico esistono una quantità considerevole di tipi di tamales; tra l'altro il nome e le farciture cambiano da regione a regione. Nella regione azteca i tamales vengono consumati quotidianamente a colazione o come merenda ma sono anche una portata durante banchetti allestiti per battesimi, matrimoni o durante le feste natalizie[3]. Questo piatto viene anche preparato come offerta nella celebrazione del giorno dei morti o nei festeggiamenti del giorno della Candelora.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Tibaldi, Tamales, ricetta dall'America Latina, su Cibo360.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  2. ^ Hoyer e Snortum, "Tamales".
  3. ^ Tamales, dalla cucina messicana, su Agrodolce. URL consultato il 12 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina