Pino Cerami

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pino Cerami
Nazionalità Italia Italia
Belgio Belgio
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1963
Carriera
Squadre di club
1946-1947Indipendente
1948Métropole
Stucchi
1949-1963Peugeot
Nazionale
1949 Cadetti italiani
1957-1963 Belgio Belgio
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Bronzo Sachsenring 1960 In linea
 

Giuseppe "Pino" Cerami (Misterbianco, 28 aprile 1922Gerpinnes, 20 settembre 2014) è stato un ciclista su strada italiano naturalizzato belga il 16 marzo 1956. Professionista dal 1947 al 1964, aveva caratteristiche da passista. Vinse una Parigi-Roubaix e una tappa al Tour de France.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Corse dieci anni con la Peugeot, anche se a periodi alterni, poi con la Météore, la Bartali, la Guerra, la Allegro e la Libertas.

Passò professionista piuttosto tardi, a quasi 26 anni, ma è ben oltre la trentina che raggiunse i successi più importanti. A inizio carriera si impose soprattutto in corse di secondo livello e circuiti, gare in cui resterà comunque uno specialista. Nel 1957 vinse il Giro del Belgio ma raggiunse l'apice del successo nel 1960 quando a 38 anni conquistò la Parigi-Roubaix, Freccia Vallone e la medaglia di bronzo al Mondiale in Germania, seguite dalla Freccia del Brabante e la Parigi-Bruxelles l'anno seguente. Centrò l'ultima vittoria di prestigio nel 1963 imponendosi nella nona tappa del Tour de France quando aveva ormai 41 anni.

Dal 1964 viene organizzato ogni anno in aprile il Grand Prix Pino Cerami.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • 1951 (Peugeot, tre vittorie)
Tour du Doubs
3ª tappa Ronde van België (Charleroi > Virton)
5ª tappa Ronde van België (Liegi > Bruxelles)
  • 1954 (Peugeot, due vittorie)
12ª tappa Giro d'Europa
13ª tappa Giro d'Europa
  • 1955 (Peugeot, una vittoria)
5ª tappa Tour de l'Ouest
  • 1957 (Peugeot, due vittorie)
1ª tappa Ronde van België (Bruxelles > Stavelot)
Classifica generale Ronde van België
  • 1958 (Peugeot, una vittoria)
2ª tappa Tour de Piccardie
  • 1959 (Peugeot, una vittoria)
3ª tappa Tour de Luxembourg
  • 1960 (Peugeot, due vittorie)
Paris-Roubaix
Waalse Pijl
  • 1961 (Peugeot, tre vittorie)
Brabantse Pijl
Anvers-Ougrée
Paris-Bruxelles
  • 1962 (Peugeot, due vittorie)
Anvers-Ougrée
Grand Prix de la Basse-Sambre
  • 1963 (Peugeot, una vittoria)
9ª tappa Tour de France (Bordeaux > Pau)

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

G.P. J. Moerenhout - Lede (Kermesse)
Braine-le-Comt (Criterium)
Fleurus (Criterium)
Hanret (Criterium)
Sint-Lievens-Houtem (Criterium)
Wavre (Criterium)
Ronse (Kermesse)
Halse Pijl (Kermesse)
G.P. Beeckman-De Caluwé-Ninove (Kermesse)
Bellegem (Kermesse)
Mere (Kermesse)
Hoegaarden (Kermesse)
Itegem (Kermesse)
Bracquegnies (Kermesse)
Zellik (Kermesse)
Soignies (Kermesse)
G.P. de la Famenne (Criterium)
Machelen (Kermesse)
Marche-en-Famenne (Kermesse)
Argentan (Criterium)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1949: 24º
1956: ritirato (18ª tappa)
1949: eliminato (4ª tappa)
1957: 35º
1958: ritirato (21ª tappa)
1962: 81º
1963: ritirato (17ª tappa)

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1949: 23º
1950: 9º
1952: 37º
1960: 28º
1948: 17º
1958: 8º
1961: 23º
1962: 21º
1948: 36º
1950: 40º
1951: 40º
1953: 52º
1955: 58º
1956: 25º
1957: 34º
1958: 6º
1960: vincitore
1961: 23º
1962: 14º
1949: 6º
1950: 31º
1951: 31º
1952: 26º
1954: 10º
1956: 7º
1963: 2º
1948: 7º
1950: 15º
1953: 2º
1955: 84º
1957: 15º
1958: 6º
1960: 37º
1962: 33º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Sallanches 1960 - In linea: 3º
Goodwood 1961 - In linea: ritirato
Altenrhein 1963 - In linea: 28º

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Pino Cerami, su sitodelciclismo.net, de Wielersite. Modifica su Wikidata
  • (DEENITNL) Pino Cerami, su cyclebase.nl. Modifica su Wikidata
  • (FR) Pino Cerami, su memoire-du-cyclisme.eu. Modifica su Wikidata
  • (ENESITFRNL) Pino Cerami, su the-sports.org, Info Média Conseil Inc. Modifica su Wikidata
  • Paolo Mannini (a cura di), Pino Cerami, su Museodelciclismo.it.