Philothamnus semivariegatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Philothamnus semivariegatus
Philothamnus semivariegatus.JPG
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Lepidosauromorpha
Superordine Lepidosauria
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Superfamiglia Colubroidea
Famiglia Colubridae
Sottofamiglia Colubrinae
Genere Philothamnus
Specie P. semivariegatus
Nomenclatura binomiale
Philothamnus semivariegatus
(Smith, 1840)
Sinonimi

Dendrophis (Philothamnus) semivariegata
Smith, 1840
Chrysopelea capensis
Smith, 1837
Ahaetulla bocagii
Günther, 1888
Philothamnus bocagii
Günther, 1895
?Ahaetulla irregularis
Parenti & Picaglia, 1886
Philothamnus semivariegatus
Boulenger, 1894
Philothamnus semivariegatus semivariegatus
Loveridge, 1936
Philothamnus semivariegatus semivariegatus
Bogert, 1942
Philothamnus semivariegatus semivariegatus
Loveridge, 1955
Philothamnus semivariegatus semivariegatus
Auerbach, 1987
Philothamnus semivariegatus semivariegatus
Boycott, 1992
Philothamnus semivariegatus
Broadley, 1998
Philothamnus semivariegatus
Largen & Spawls, 2010

Philothamnus semivariegatus (Smith, 1840)[1] è una specie non velenosa di serpente, appartenente alla famiglia Colubridae, diffuso in Africa.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il colore di questo animale è un verde acceso con macchie nere. La lunghezza varia solitamente tra i 60 e i 90 cm.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Sono eccellenti arrampicatori e nuotatori, nonché dotati di un'ottima vista. Non sono territoriali, e possono vagare per grandi distanze in cerca di cibo. Il Philothamnus semivariegatus è molto comune e completamente innocuo. Esso è generalmente ben mimetizzato, di natura nervosa e molto veloce a scappare da qualsiasi potenziale pericolo. Proprio per questo motivo gli avvistamenti suburabani son assai rari. Questa specie di serpente non può essere tenuta come animale domestico o allevata in rettilari chiusi; è molto riluttante a mangiare quando si trova in cattività.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Caccia principalmente lucertole.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Le femmine possono deporre tra 3 e 8 uova ogni estate.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L'areale della specie si estende all'interno dell'Ecozona afrotropicale, comprendendo: la Namibia, il Botswana, lo Zimbabwe, il Sudafrica orientale (Natal, locus typicus: Bushman Flat, Provincia del Capo), lo Swaziland, il Mozambico meridionale, lo Zambia, la Repubblica Democratica del Congo, la Repubblica del Congo, la Guinea Equatoriale, il Camerun, la Repubblica Centrafricana, il Ciad, il Sudan, la Nigeria, il Benin, il Togo, il Ghana, la Costa d'Avorio, la Liberia, la Guinea, il Mali, il Senegal, l'Etiopia, l'Eritrea, la Somalia, il Kenya, l'Angola, il Gambia, la Tanzania ed il Burkina Faso.[2]

Si ritrova specialmente tra gli alberi nelle zone di boscaglia e di vera e propria foresta.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati riportati i seguenti sinonimi:[2]

  • Dendrophis (Philothamnus) semivariegata Smith, 1840
  • Chrysopelea capensis Smith, 1837
  • Ahaetulla bocagii Günther, 1888
  • Philothamnus bocagii Günther, 1895
  •  ?Ahaetulla irregularis Parenti & Picaglia, 1886
  • Philothamnus semivariegatus Boulenger, 1894
  • Philothamnus semivariegatus semivariegatus Loveridge, 1936
  • Philothamnus semivariegatus semivariegatus Bogert, 1942
  • Philothamnus semivariegatus semivariegatus Loveridge, 1955
  • Philothamnus semivariegatus semivariegatus Auerbach, 1987
  • Philothamnus semivariegatus semivariegatus Boycott, 1992
  • Philothamnus semivariegatus Broadley, 1998
  • Philothamnus semivariegatus Largen & Spawls, 2010

Sottospecie[modifica | modifica wikitesto]

Non sono state descritte sottospecie.[2]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La specie non è valutata dalla Lista rossa IUCN.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrew Smith, Illustrations of the zoology of South Africa, Reptilia, Londra, Smith, Elder and Co., 1840.
  2. ^ a b c d Philothamnus semivariegatus, The Reptile Database. URL consultato il 2 febbraio 2013.
  3. ^ The IUCN Red List of Threatened Species, su iucnredlist.org. URL consultato il 2 febbraio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Auerbach,R. D., 1987 - The Amphibians and Reptiles of Botswana. Mokwepa Consultants, Botswana, 295 pp.
  • Bogert, C. M., 1942 - Snakes secured by the Snyder East African Expedition in Kenya Colony and Tanganyika Territory. American Museum Novitates (1178): 1-5.
  • Boycott, R. C., 1992 - An Annotated Checklist of the Amphibians and Reptiles of Swaziland. The Conservation Trust of Swaziland, 1992; sito.
  • Branch, B., 1988 - Field Guide to the Snakes and other Reptiles of Southern Africa. ISBN 0-86977-641-X.
  • Broadley, D. G., 1998 - The reptilian fauna of the Democratic Republic of the Congo (Congo-Kinshasa). In: Schmidt, K.P. and Noble, G.K., Contributions to the Herpetology of the Belgian Congo... [ristampa delle edizioni del 1919 e del 1923]. SSAR Facsimile reprints in Herpetology, 780 pp.
  • Günther, A., 1895 - Notice of Reptiles and Batrachians collected in the eastern half of tropical Africa. Ann. Mag. nat. Hist. (6) 15: 523-529.
  • Günther, A., 1888 - Contribution to the knowledge of snakes of tropical Africa. Ann. Mag. nat. Hist. (6) 1: 322-335.
  • Largen, M. J., 1997 - An annotated checklist of the amphibians and reptiles of Eritrea, with keys for their identification. Tropical Zoology, 10: 63-115.
  • Largen, M. J.; Spawls, S., 2010 - Amphibians and Reptiles of Ethiopia and Eritrea. Edition Chimaira, Francoforte sul Meno, 694 pp.
  • Loveridge, A., 1936 - African reptiles and amphibians in the Field Museum of Natural History. Zool. Ser. Field Mus. Nat. Hist., Chicago, 22(1): 1-122.
  • Loveridge, A., 1956 - On snakes collected in the Anglo-Egyptian Sudan by J.S. Owen, Esq. Sudan Notes Rec. 36: 37-56 [1955].
  • Loveridge, A., 1958 - Revision of five african snake genera. Bull. Mus. Comp. Zool. Harvard 119: 1-198 (141).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]