Peggio di così si muore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peggio di così si muore
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Francia, Spagna
Anno 1995
Durata 89 min
Genere comico
Regia Marcello Cesena
Soggetto Marcello Cesena, Ugo Dighero
Sceneggiatura Marcello Cesena, Ugo Dighero
Produttore Nella Banfi
Fotografia Regis Blondeau
Montaggio Anna Napoli
Musiche Paolo Silvestri
Scenografia Gianni Quaranta
Costumi Valeria Campo
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Peggio di così si muore è un film del 1995 diretto da Marcello Cesena. È l'unica pellicola realizzata dal gruppo comico Broncoviz.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Carlo ed Anna tornano dal viaggio di nozze transoceanico e scambiano una loro valigia all'aeroporto. A casa, dopo aver scassinato la serratura, trovano più di mezzo miliardo di lire in contanti. Lui vorrebbe cercare i proprietari per restituire il denaro, mentre Anna vorrebbe tenersi i soldi, anche perché scopre che le banconote non sono segnate. L'intera somma viene spesa per acquistare un grande alloggio di 160 m² che si trova sopra al negozio di fotografia che i due gestiscono.

Dopo aver ristrutturato l'appartamento, viene organizzata una grande festa, e tra gli invitati si presentano due individui che per regalo portano la valigia dei coniugi. Durante la festa due ragazzi riprendono con una videocamera i vari ospiti; quando uno dei due malviventi viene ripreso dalla videocamera, reagisce in malo modo. Anna si spaventa quando intravede una pistola sotto la giacca del malvivente.

Alla fine della festa rimangono solo i due malviventi che spiegano come hanno trovato i proprietari dell'altra valigia e che non intendono rinunciare ai loro soldi, frutto dell'ultima annunciata truffa. Chiedono, quindi, di rimettere in vendita l'appartamento, e che sarebbero ripassati dopo 15 giorni. Trascorsi i 15 giorni, mentre Anna si trova sola in casa, si presenta Carmine che con uno stratagemma si fa aprire la porta. Anna reagisce richiudendola a forte velocità tranciandogli il pollice.

I due vanno in bagno per aprire l'armadietto del pronto soccorso, ma dalla pistola di Carmine parte un colpo che lo colpisce al piede: l'uomo perde l'equilibrio cadendo nella vasca da bagno piena d'acqua e, trascinandosi dietro una radio accesa, muore folgorato: il cadavere viene murato nella dispensa.

Carlo ed Anna decidono di fuggire e si rifugiano da Claudio, fratello di Anna, che vive in una baita isolata sulle Dolomiti. Insieme ai coniugi viaggia con loro lo spirito di Carmine. Intanto Jack, l'altro malvivente, si introduce nell'appartamento trovandolo vuoto. Intanto anche un ispettore di Polizia entra nella casa rimasta vuota, scoprendo il cadavere di Carmine nella dispensa; interroga la madre di Anna che gli fornisce il modo di ritrovarli.

Raggiunti alla baita da Jack, che minaccia con una pistola anche Mirna, Carlo ed Anna tentano un'ultima disperata fuga in auto.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema