Pascal Papé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pascal Papé
Pascal Pape.jpg
Papé durante un allenamento in Australia con la Francia, 2009
Dati biografici
Paese Francia Francia
Altezza 196 cm
Peso 114 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Seconda linea
Ritirato 2017
Carriera
Attività di club¹
1998-2006 Bourgoin-Jallieu 71 (65)
2006-07 Castres 21 (15)
2007-17 Stade français 151 (70)
Attività da giocatore internazionale
2004-15 Francia Francia 65 (25)
Palmarès internazionale
Finalista RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2011

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 19 settembre 2017

Pascal Papé (Lione, 5 ottobre 1980) è un ex rugbista a 15 francese che giocava come seconda linea. A livello internazionale ha ottenuto 65 presenze con la Francia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Seconda linea, esordiente al Bourgoin-Jallieu nel 1998, con il club dell'Isère disputò 8 stagioni e si mise in luce a livello internazionale; esordì in Nazionale francese nel 2004 in occasione del Sei Nazioni 2004, torneo che la Francia vinse con il Grande Slam; prese poi parte ai Tornei successivi, vincendone le edizioni 2006 e 2007, ma mancando la convocazione alla Coppa del Mondo di rugby 2007.

Passato nel 2006 al Castres, milita dal 2007 nello Stade français; a tutto maggio 2009 l'apparizione internazionale più recente di Pascal Papé risale al Sei Nazioni 2008, ma in occasione del tour francese dell'Australasia è stato convocato dal C.T. della Nazionale Marc Lièvremont.

Convocato per la Coppa del Mondo di rugby 2011[1], Papé è giunto con la Francia fino alla finale[2], poi persa contro i padroni di casa della Nuova Zelanda.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Pascal Papé: "Le Haka me motive un peu plus et me fait rire aussi", in 20 minutes. URL consultato il 15-11-2011.
  2. ^ (EN) Andrew Baldock, "Underdog status suits France", says Pascal Papé, in The Independent, 20 ottobre 2011. URL consultato il 15-11-2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]