Pantaloni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un paio di pantaloni
Pantaloni di cachemire, 1831

I pantaloni sono un capo d'abbigliamento unisex portato sulla parte inferiore del corpo, le due gambe sono coperte separatamente.

Deve il suo nome a quello del personaggio della Commedia dell’arte, Pantalone, il cui costume porta queste culotte lunghe tipiche.

Si aprono in mezzo sul davanti o sui lati con una cerniera.

Storicamente, i pantaloni sono legati alla storia dell'addomesticazione del cavallo, essendi indispensabile per montare a cavallo. I pantaloni moderni saranno adottati verso il 1850 sotto il soprannome di canna fumaria. Non si sono molto evoluti tranne che sui dettagli come l'aggiunta del lato posteriore sotto l'impulso di Edoardo VII del Regno-Unito nel 1909. È lo sport che ne popolarizzerà la portata nell'ambiente femminile.

Tipologie di pantaloni[modifica | modifica wikitesto]

Pantaloni storici[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso dei secoli, alcuni termini, oggi obsoleti, sono stati utilizzati per definire i pantaloni:

Lunghezza della gamba[modifica | modifica wikitesto]

I pantaloni possono essere classificati secondo la loro lunghezza. Si parla di :

  • short, quando la gamba si ferma a metà coscia;
  • bermuda, quando la gamba si ferma al di-sopra del ginocchio;
  • pantaloncini, per pantaloni stretti la cui gamba si ferma al di-sotto del ginocchio (così come per i ciclisti).

Materiale[modifica | modifica wikitesto]

Un gran numero di materiali possono essere utilizzati nella produzione di pantaloni:

Pantaloni baggy

Taille[modifica | modifica wikitesto]

I pantaloni si classificano secondo tre altezze di vita :

  • pantaloni a vita alta, la cui cintura arriva all'altezza della giro vita ;
  • pantaloni a vita giù (o abbassata), la cui cintura arriva a 3 o a 4 cm sotto il giro vita.
  • pantaloni a vita bassa, la cui cintura arriva a 5 o a 6 cm sotto il giro vita. Il baggy appartiene a questa categoria, il quale è spesso realizzato un taglio dritto, molto largo dei fianchi fino alla base dei pantaloni.

Forma e taglio[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi termini permettono di qualificare la forma e il taglio dei pantaloni:

  • Pantaloni affusolati : pantaloni molto rettificati la cui base si ristringe.
  • Pantaloni regular fit : pantaloni il cui taglio è dritto.
  • Pantaloni relaxed fit : pantaloni i cui fianchi sono molto abbondanti.
  • Pantaloni slim o sigaretta : pantaloni stretti.
  • Pantaloni skinny : pantaloni molto stretti, assomiglia molto ai leggins.
  • Pantaloni oversize : pantaloni molto larghi.
  • Pantaloni bootcut : pantaloni le cui gambe sono svasate a partire dal polpaccio.
  • Pantaloni flare : pantaloni le cui gambe sono svasate a partire dal ginocchio.
  • Pantaloni extra-flare : pantaloni più svasati di quello flare
  • Pantaloni a zampa d'elefante : pantaloni della moda degli anni 1970, stretti in alto e sui fianchi, terminano in un tubo molto largo sulle caviglie. Ridiventati di moda negli anni 2010.
  • Pantaloni a pieghe: pantaloni con delle pieghe fatto a ferro caldo.
  • Pantaloni a clip : pantaloni con una cucitura sul fianco che creano una piega lungo l'intera lunghezza o larghezza con freccette nella parte anteriore.Sono stati inventati negli anni 1920-1930 "in un momento in cui abbiamo cercato di amplificare il contrasto tra una grande e una dimensione molto stretto coscia per dare la larghezza e profondità alla gamba", osserva Le Figaro Magazine coniugati a una vita alta e larghe spalle di giacca per dare una parte centrale. Le clip posso essere fino a tre. Questi pantaloni erano un capo standard degli anni 1940 prima di cadere in disuso, specialmente a causa dei costumi i cui tessuti sono divenuti più fini e supportano meno la piega e di fatto i pantaloni si portano ora più stretti.

Chiusura[modifica | modifica wikitesto]

I pantaloni si formano spesso con una chiusura a cerniera o con dei bottoni, situati sul davanti.

Possono anche essere chiusi sui fianchi attraverso un punto, un pezzo di tessuto che si attacca alla vita mediante bottoni.

Infine, alcuni pantaloni si mantengono con un elastico all'anca. È il caso dei pantaloni sportivi, come il jogging.

La maggior parte dei pantaloni sono muniti di passante, al fine di poterci passare una cintura.

Pantaloni legati a attività[modifica | modifica wikitesto]

  • Pantaloni jodhpurs, pantaloni per l'equitazione.
  • Pantaloni da sport, jogging.
  • Pantaloni fuseau, pantaloni estensibile curvo e troncato, le cui gambe terminano sotto al piede.
  • Pantaloni mimetico (origine militare), pantaloni a cucitura specifica ad U sui glutei e con delle grandi tasche sui fianchi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Figurino di Buret'

Preistoria[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione dell'abbigliamento d'Ötzi.

L'arte figurativa preistorica fa risalire l'uso dei pantaloni al Paleolitico superiore. Un esempio caratteristico si trova nelle statuette delle Veneri paleolitiche trovate nei siti siberiani di Malta e di Le Buret. Una parte del tessuto per coprire i genitali e delle bande trasversali ricordono molto i pantaloni portati dai popoli dell'Artico.

Due autentici pantaloni, muniti di copertura per i genitali, sono stati scoperti in Cina, in una tomba alla fine del deserto di Taklamakan : sono stati datati tra il XIII secolo e il X secolo a.C e utilizzati per l'equitazione.

La scoperta di Ötzi, una mummia molto ben conservata, ha permesso di osservare un uomo del Calcolitico indossare leggins in pelle attaccati con una corda alla cintura di un pareo.[1].

Antichità[modifica | modifica wikitesto]

Arciere sciita, Ceramica del 520-500 a.C

Nell'Antichità la storia dei pantaloni è legata all'addomesticazione del cavallo. Fanno la prima apparizione nell'ectonografia greca nel VI secolo a.C. I pantaloni, probabilmente portati da entrambi i sessi[2], sono attestati da degli scultori e da disegni degli Achemenide, nei Medi e Sciti iraniani, i Friginei, i Traci, i Daci, gli Armeni o gli Unni.[3]

I greci antichi utilizzano i termini anaxyris (ἀναξυρίς / anaxurís) per definire i pantaloni portati dai popoli dell'Est (pantaloni lunghi alla caviglia annodati con una corda)[4] e sarabara (σαράϐαρα / sarábara) per quelli portati dagli Sciti[5]. Non portavano altri modelli, ad eccezion fatta dei loro schiavi, che utilizzavano dei pantaloni collat, perché i padroni li trovavano ridicoli, come attesta l'utilizzo del termine θύλακος / thúlakos (<sacco>) che si usa per i pantaloni larghi portati dai Persiani sotto le loro tuniche (segno del loro rango socialmente elevato) e degli altri popoli dell'Oriente.

La Repubblica Romana rinnega inizialmente i pantaloni visto come un emblema dei Barbari[6]. L'espansione dell'Impero Romano al di là del bacino del mediterraneo fece sì che i soldati romani a contatto con questi popoli riconoscessero l'utilità di questo capo che preserva il calore, ed è così progressivamente adottato nell'esercito romano e poi si generalizzò nella società civile III secolo.[7] Due tipi di pantaloni erano in uso: i feminalia (che proteggeva i femori), che si adottò perfettamente ed erano generalmente corti o a metà polpaccio[8] e i femoralia, pantaloni ampi legati alla caviglia[9]. Questi due capi d'abbigliamento, che sono sia in pelle che in lana, cotone o in seta, sono usati inizialmente dai Celti poi si videro usati dai Persiani del Medio-Oriente e dai Teutonici[10].

In Cina antica, i pantaloni erano portati solo dalla cavalleria. Dopo, furono introdotti dal re Wu di Zhao nel 375 a.C., copiando il costume dei cavalieri turco-mongoli della frontiera settentrionale della Cina.

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Pantaloni germanici che avvolgono il piede, IV secolo, brughiera di Thorsberg

I pantaloni sono stati introdotti in Europa occidentale a più riprese nel corso della storia, specialmente dagli Ungheresi e i Turchi dell'Impero ottomano ma sono diventati comuni soltanto a partire dal XVI secolo.

Pantaloni per uomo[modifica | modifica wikitesto]

I pantaloni traggono origine da quelli alla zuava portati dagli uomini del XV secolo. I pantaloni alla zuava erano facili da fabbricare e fissare con dei lacci. Ma poco a poco, i pantaloni alla zuava, sul davanti, lasciarono una grande apertura per i bisogni sanitari. Inizialmente, i bottoni scendevano fino al ginocchio, coprendo il bacino. Ma con l'evoluzione della moda, i bottoni diventano più corti, e diventa necessario per gli uomini coprire le loro parti genitali con una cerniera, che fu aggiunta ai pantaloni alla fine del XVI secolo.

Nel 1788, durante la Rivoluzione francese, coloro che portavano i pantaloni, chi lavorava per il popolo, si sono distinti sotto il nome di Sanculotti, in opposizione a coloro che portavano le culotte, che erano aristocratici e borghesi. Diventò in seguito una tendenza rivoluzionaria.

Ma è a partire dal 1830 che i pantaloni furono veramente accettati e portati come capo d'abbigliamento da città.

Questo stile fu introdotto in Inghilterra all'inizio del XIX secolo, probabilmente da Beau Brummell, e divenne il capo più portato dalla metà del secolo.

I marinai hanno giocato un ruolo nella diffusione dei pantaloni nel mondo. Nel XVII e XVIII secolo, i marinai portavano dei pantaloni larghi chiamati galligaskins. I marinai sono stati inoltre i primi a portare i jeans. Questi ultimi diventarono popolari alla fine del XIX secolo nell'America dell'Ovest, per la loro resistenza e longività.

Pantaloni per donne[modifica | modifica wikitesto]

Minatrice di Wigan

È in Persia che troviamo i primi pantaloni femminili. In Europa, i pantaloni per donna non diventano di moda fino al XX secolo. Prima, a causa delle proibizioni religiose[11] e i valori attribuiti a ciascun genere (coraggio per l'uomo, pudore per la donna) s'imponeva la differenza sessuale nell'abbigliamento, e portare i pantaloni per le donne era proibito e condannato.

In Francia, durante la Rivoluzione, un'ordinanza del prefetto della Polizia di Parigi del 16 brumaio anno IX(7 novembre 1800) regolamentò l'utilizzo dei pantaloni per le donne, impose a quelli che volevano vestirsi con abiti maschili nei 81 comuni del dipartimento della Senna e i comuni di Saint-Cloud, Sèvres e Meudon di presentarsi alla prefettura di polizia per essere autorizzate[12]. Questa autorizzazione non poteva essere autorizzata per motivi medici. Contrariamente a ciò che si è spesso affermato, nessuna legge non ha generalizzato questa ristrinzione.

Due circolari prefettorali (1892 e 1909) attenutato il bando, autorizzarono l'uso di pantaloni femminili se la donna teneva per mano il manubrio della bicicletta o le redini di un cavallo. Poco tempo dopo, le donne non portarono i pantaloni, seguita dall'affermazione popolare una donna che porta i pantaloni è una donna che si porta male perché una donna onesta ha le ginocchia sporche. Alcune donne nel corso del XIX secolo, portarono i pantaloni, artiste come Rose Bonheur o George Sand, che beneficiarono di un relativo compiacimento delle autorità[13].

Ma è la pratica dello sport come l'alpinismo o il ciclismo che hanno allargato l'uso dei pantaloni. C'erano sempre delle resistenze : nel1930, la campionessa olimpica Violette Morris è respinta la sua denuncia contro la Federazione femminile sportiva di Francia che la rimosse a causa del suo comportamento e del suo abbigliamento maschile, giudicato « deplorevole » l'esempio che lei dà alla gioventù.[11]

I pantaloni non era tollerato tranne nel caso che le donne facessero un mestiere da uomo. Così, in Inghilterra, le donne che lavoravano nelle miniere di carbone di Wigan furono tra le prima a portare i pantaloni per realizzare il loro lavoro pericoloso. Portavano una tuta al di sotto dei pantaloni, ma questa tuta era avvolta fino alla vita per non rovinare i loro movimenti. La loro divisa scioccò la società vittoriana dell'epoca. Nell'Ovest dell'America, nel XIX secolo, le donne lavoravano nel ranch portando i pantaloni per cavalcare.

All'inizio del XX secolo, aviatrici e donne attive incominciarono a portarli. Tre attrici celebri, Marlène Dietrich, Greta Garbo e Katharine Hepburn, portavano volentieri i pantaloni, vedere lo smoking, ad Hollywood negli anni 1930, scioccò molto l'America puritana e in crisi, ma le prime due furono considerate dalla stampa femminile comme le rappresentanti di una sofisticazione europea un po' esotica, poiché l'anticonformismo di Katharine Hepburn era mal giudicato[11]. Ma questa contribuì più progressivamente a democratizzare una capo « maschile » per le donne « ordinarie ».

Pubblicità americana per un film (1919)

Durante la Prima Guerra Mondiale e la Seconda Guerra Mondiale, le donne lavoravano nelle fabbriche o eseguivano altri « lavori per uomini » cominciarono a portare i vestiti civili dei loro mariti mobilizzati, compresi i pantaloni. Nel dopo-guerra, i pantaloni sono diventati un capo di tendenza accettato per il giardinaggio, la spiaggia, e le altre attività di piacere.

Più tardi negli anni 1960, André Courrèges, poi Yves Saint Laurent, ha presentato i pantaloni per donna come capo alla moda, che conduce all'era dei jeans chic e dei pantaloni a tailleur. D'allora in poi, il divieto sociale di portare i pantaloni nelle scuole, nel luogo di lavoro e nei ristoranti chic, a poco a poco scomparve.

Nel 2003, il deputato Jean-Yves Hugon che proponeva l'abrogazione di questa legge francese si è visto rispondere dal ministro delegato alla Parità e Ugualità professionale, Nicole Ameline, che in questo genere di casi, lasciare una legge non applicata è meglio che fare adottare un testo abrogato[14],[15]. Nel settembre 2010,i consigli municipali di Parigi, alla domanda degli eletti Verdi e Comunisti, fanno la stessa domanda e vengono risposti dal prefetto che lui ha meglio da fare che occuparsi di archeologia legislativa[16]. Nel 2013, in risposta ad una domanda simile di un senatore, Alain Houpert, il ministro dei Diritti delle Donne constata l'abrogazione implicita dell'ordinanza, dal fatto della sua incompatibilità « con i principi d'uguaglianza tra le donne e gli uomini che sono scritti nella Costituzione e gli impegni europei della Francia »[17]

Nel Sudan, la legge che vieta l'uso del capo d'abbigliamento indecente è interpretata dalle autorità sudanesi comme un divieto dell'uso dei pantaloni per le donne e chinque li indossasse era punita con quaranta colpi di frusta[18]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi ed espressioni[modifica | modifica wikitesto]

I pantaloni sono all'origine dei soprannomi, per esempio in bretone, Maryann ar Bragou o « Marianne le pantalon "Marianna pantaloni" », soprannome di una moglie-amante[19]. Come « portare le culotte », « portare i pantaloni » si dice di una donna che comanda la casa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Konrad Spindler, Der Mann im Eis , Springer, 1995 ISBN 978-3-211-82626-3, p. 75
  2. ^ James Lever, Costume and Fashion : A concise story, Thames and Hudson, 1995, p. 15.
  3. ^ Blanche Payne, History of Costume, Harper & Row, 1965, pp. 49-51.
  4. ^ Fréderic de Clarac, Musée de sculpture antique et moderne, Paris, 1841, p. 139.
  5. ^ Fréderic de Clarac, prima citato, p.152
  6. ^ James Lever, sopra citato p.50
  7. ^ Blanche Payne, sopra scritto p. 90
  8. ^ Feminilia, fashionencyclopedia.com.
  9. ^ (EN) Braccae
  10. ^ James Lever, sopra citato, p. 40.
  11. ^ a b c Christine Bard, Nicole Pellegrin, 1999, pp. p. 172-173.
  12. ^ (FR) Christine Bard e Nicole Pellegrin, Femmes travesties: un "mauvais" genre, Presses Univ. du Mirail, 1° gennaio 1999, ISBN 9782858164837. URL consultato il 20 novembre 2015.
  13. ^ Bard Christine, Une histoire politique du pantalon, Seul, 2010.
  14. ^ Une loi française interdit aux femmes le port du pantalon...., su Journal quotidien finance, blockchain, fintech daily news. URL consultato il 21 novembre 2015.
  15. ^ http://www.chavaipa.com/2008/12/en-france-le-port-du-pantalon-pour-une-femme-est-un-delit/, su www.chavaipa.com. URL consultato il 21 novembre 2015.
  16. ^ Citato da Christine Bard in < La fabrique de l'histoire > su France Culture,
  17. ^ < Abrogazione del divieto dell'uso dei pantaloni per le donne > JO, del senato, 31 gennaio 2013, p.339 (leggere)
  18. ^ http://www.lemonde.fr/afrique/article/2009/07/29/une-soudanaise-jugee-pour-avoir-porte-un-pantalon_1224015_3212.html#ens_id=1223640, Le Monde.
  19. ^ Mikael Madeg ha selezionato una ventina di soprannomi bretoni con la parola bragou (pantaloni) nel Le grand livre des surnoms bretons, p. 40.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M.N. Boutin-Arnaud, S. Tasmadjian, Le vêtement, Éditions Nathan, 1997, ISBN 2-09-182472-0.
  • Christine Bard, Nicole Pellegrin, Femmes travesties: un "mauvais" genre, Stampa Universitaria di Mirail, coll. <Clio>, 1999, p.299 (ISB 9782858164837)

Voci correlate =[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda