Pandiatonicismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pandatonicismo (info file)
Accordo pandiatonico dalla Sinfonia di Salmi 3° mov. di Stravinsky[1]

Il pandiatonicismo è una tecnica musicale di utilizzo della scala diatonica al contrario della scala cromatica, senza i limiti della tonalità funzionale. La musica che usa questa tecnica è pandiatonica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "pandiatonicismo" è stato coniato da Nikolaj Slonimskij nella seconda edizione di Music since 1900 per descrivere formazioni di accordi di qualsiasi numero fino a tutti i sette gradi della scala diatonica, "utilizzati liberamente in uguaglianza democratica".[2] Le triadi con note aggiunte come la sesta, la settima o la seconda (accordi di tono aggiunti) sono le più comuni,[3][4] mentre la "forma più elementare" è un basso non armonico.[5] Secondo la definizione di Slonimsky:

«Il pandiatonicismo sancisce l'uso simultaneo di uno o tutti e sette i toni della scala diatonica, con il basso che determina l'armonia. La costruzione degli accordi rimane terziana, con laccordi di settima, nona o tredicesima trattati come consonanze funzionalmente equivalenti alla triade fondamentale. (L'undicesimo accordo è evitato in armonia tonica a causa delle sue connotazioni quartali.) Il pandiatonicismo, come consolidamento della tonalità, è la tecnica preferita del neo-classicismo.[6]»

La musica pandiatonica usa tipicamente le note diatoniche liberamente in combinazioni dissonanti senza risoluzioni convenzionali e/o senza progressioni di accordi standard, ma sempre con un forte senso di tonalità dovuto all'assenza di cromatiche. "Il Pandiatonicismo possiede aspetti sia tonali che modali, con una netta preferenza per le chiavi maggiori".[7] Alcuni esempi caratteristici sono l'apertura del Concerto per pianoforte n. 3 di Sergei Prokofiev, Valse diatonique di Alfredo Casella e Pulcinella di Igor Stravinsky.[8] "L'importanza funzionale delle triadi primarie... rimane intatta nell'armonia pandiatonica".[9] Un punto di vista opposto sostiene che il pandiatonicismo non proietta un tonico chiaro e stabile.[10] Il pandiatonicismo è anche definito "musica dei tasti bianchi",[11] sebbene in realtà possano essere presenti incidenti occasionali. Altri compositori che hanno utilizzato la tecnica sono Maurice Ravel, Paul Hindemith, Darius Milhaud, Aaron Copland e Roy Harris.[12] Il Pandiatonicismo è anche impiegato nel jazz (ad esempio, aggiunto l'accordo di sesta e di nona) e nei cluster tonali di Henry Cowell.

Slonimsky in seguito arrivò a considerare il pandiatonicismo come una controparte diatonica della tecnica dodecafonica di Arnold Schönberg, in base alla quale le melodie possono essere costituite da sette diverse note della scala diatonica e quindi essere invertite, retrogradate o entrambe. Secondo questo sistema il "contrappunto pandiatonico rigoroso" può usare progressioni di sette note diverse in ciascuna voce, senza duplicazione verticale.[13]

Il termine è stato criticato come uno dei tanti con cui "la musica di Stravinsky, ovunque e contemporaneamente, è fatta per rappresentare o abbracciare ogni tecnica immaginabile",[14] e che è "diventato un concetto così vago che ha poco significato o utilizzo".[15] La musica pandiatonica è generalmente definita da ciò che non lo è, "dall'assenza di elementi tradizionali":[16] risoluzioni cromatiche, atonali, dodecafoniche, funzionali, toniche normali e/o di dissonananza tradizionali.[17] "È stato applicato... alla musica diatonica priva di coerenza armonica [o] ... centricità".[18] Lo stesso Slonimsky, mentre prende in giro la definizione, cita un professore che dice che il pandiatonicismo è "Il do-maggiore che suona come l'inferno".[19]

Esempi di pandiatonicismo includono le armonie utilizzate da Aaron Copland nel suo popolare lavoro, Appalachian Spring[20] e la musica minimalista di Steve Reich, Philip Glass e le opere successive di John Adams.[21][22] William Mann descrive This Boy dei The Beatles come "armonicamente ... uno dei più intriganti, con le sue catene di ammassi pandiatonici".([23] citata nella nota[24])

Musica pandiatonica[modifica | modifica wikitesto]

Le seguenti opere musicali comprendono il pandiatonicismo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andriessen & Schönberger, 2006.
  2. ^ Kostelanetz, 2013.
  3. ^ Anon., 2001.
  4. ^ Kennedy, 2006.
  5. ^ Andriessen & Schönberger, 2006.
  6. ^ Slonimsky, 1938.
  7. ^ Kostelanetz, 2013.
  8. ^ Latham, 1992.
  9. ^ Kostelanetz, 2013.
  10. ^ Simms, 1986.
  11. ^ Machlis, 1979.
  12. ^ Slonimsky, 1947.
  13. ^ Slonimsky, 1947.
  14. ^ van den Toorn, 1975.
  15. ^ Woodward, 2009.
  16. ^ Woodward, 2009.
  17. ^ Woodward, 2009.
  18. ^ Tymoczko, 2011.
  19. ^ Woodward, 2009.
  20. ^ Jaffe, 1992
  21. ^ Dahlhaus, et al., 2001.
  22. ^ Jaffe, 1992.
  23. ^ Mann, 1963.
  24. ^ Everett, 2001.
  25. ^ Everett, 1999.
  26. ^ Mann, 1963.
  27. ^ Everett, 2001.
  28. ^ Jaffe, 1992.
  29. ^ Simms, 1986.
  30. ^ Hepokoski, 1984.
  31. ^ Tymoczko, 2011.
  32. ^ Schiff, 1997.
  33. ^ Slonimsky, 2000.
  34. ^ Jaffe, 1992.
  35. ^ Jaffe, 1992.
  36. ^ Strassburg, 1976.
  37. ^ Waters, 2008.
  38. ^ Machlis, 1979.
  39. ^ Daniels, 1966.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andriessen, Louis, and Elmer Schönberger, The Apollonian Clockwork: On Stravinsky, Amsterdam, Amsterdam University Press, 2006, ISBN 9789053568569.
  • Anon. 2001. "Pandiatonicism". The New Grove Dictionary of Music and Musicians, second edition, edited by Stanley Sadie and John Tyrrell. London: Macmillan Publishers., 2001.
  • Dahlhaus, Carl, Julian Anderson, Charles Wilson, Richard Cohn, and Brian Hyer. 2001. "Harmony". The New Grove Dictionary of Music and Musicians, second edition, edited by Stanley Sadie and John Tyrrell. London: Macmillan Publishers., 2001.
  • Daniels, Arthur. 1966. "Heitor Villa-Lobos: String Quartet No. 10" (review). Notes, second series 22, no. 3 (March): 1108., 1966.
  • Everett, Walter. 1999. The Beatles as Musicians: Revolver Through the Anthology. Oxford. ISBN 9780195129410., 1999.
  • Everett, Walter. 2001. The Beatles as Musicians: The Quarry Men Through Rubber Soul. Oxford and Bew York: Oxford University Press. ISBN 978-0-19-514105-4., 2001.
  • Hepokoski, James A. 1984. "Formulaic Openings in Debussy". 19th-Century Music 8, no. 1 (Summer): 44–59., 1984.
  • 1992, Jaffe, Stephen. 1992. "Conversation between SJ and JS on the New Tonality". Contemporary Music Review 6, no. 2:27–38..
  • Kennedy, Michael. 2006. "Pandiatonicism". The Oxford Dictionary of Music, second edition, revised; edited by Joyce Bourne. Oxford and New York: Oxford University Press. ISBN 978-0-19-861459-3., 2006.
  • Kostelanetz, Richard. 2013. A Dictionary of the Avant-Gardes. London and New York: Routledge. ISBN 9781136806193., 2013. Kostelanetz appears to be quoting Slonimsky.
  • Latham, Alison (ed.). 1992. "Pandiatonicism [Pandiatonism]". The Oxford Companion to Music. Oxford and New York: Oxford University Press., 1992.
  • Machlis, Joseph. 1979. Introduction to Contemporary Music, second edition. New York and London: W. W. Norton & Company. ISBN 0-393-09026-4., 1979.
  • Mann, William. 1963. "London". Times (December 27)., 1963.
  • Schiff, David. 1997. Gershwin: Rhapsody in Blue. Cambridge Music Handbooks. Cambridge and New York: Cambridge University Press. ISBN 9780521559539., 1997.
  • Simms, Bryan R. 1986. Music of the Twentieth Century: Style and Structure. New York: Schirmer Books; London: Collier Macmillan Publishers. ISBN 0-02-872580-8., 1986.
  • Slonimsky, Nicolas. 1938. Music since 1900, second edition. New York: W. W. Norton Company, Inc., 1938.
  • Slonimsky, Nicolas, 1947. Thesaurus of Scales and Melodic Patterns. New York: Charles Scribner’s Sons. ISBN 0-02-611850-5. Reprinted, Schirmer Trade Books, 1975. ISBN 978-0825614491., 1947.
  • Slonimsky, Nicolas. 2000. The Listener's Companion: The Great Composers and Their Works, edited by Electra Yourke. New York: Schirmer Trade Books. ISBN 9780825672781., 2000.
  • Strassburg, Robert. 1976. "Ned Rorem: String Quartet No. 2" (review). Notes, second series 33, no. 1 (September): 166., 1976.
  • Tymoczko, Dmitri. 2011. A Geometry of Music: Harmony and Counterpoint in the Extended Common Practice. Oxford and New York: Oxford University Press. ISBN 978-0-19-971435-3., 2011.
  • van den Toorn, Pieter. 1975. "Some Characteristics of Stravinsky's Diatonic Music". Perspectives of New Music 14, no. 1. (Autumn-Winter): 104–38., 1975.
  • Waters, Robert Francis. 2008. Déodat de Séverac: Musical Identity in Fin de Siècle France. Aldershot, Hants., and Burlington, VT: Ashgate Publishing. ISBN 9780754641056., 2008.
  • Woodward, James Charles. 2009. A System for Creating Pandiatonic Music. Arizona State University. ISBN 9781109147223., 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]