Palazzo ISVEIMER

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo ISVEIMER
PalazzoISVEIMER.jpg
Vista frontale del palazzo ISVEIMER
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCampania
LocalitàNapoli
Indirizzovia Alcide De Gasperi
Coordinate40°50′35.82″N 14°15′26.41″E / 40.843284°N 14.257336°E40.843284; 14.257336Coordinate: 40°50′35.82″N 14°15′26.41″E / 40.843284°N 14.257336°E40.843284; 14.257336
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1969-70, 1972
Usoresidenziale
Realizzazione
ArchitettoLuigi Moretti
ProprietarioUniversità degli Studi di Napoli Federico II

Il Palazzo ISVEIMER è un moderno edificio di Napoli, ubicato al termine di via Alcide De Gasperi, presso la chiesa di Portosalvo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo fu voluto dalla società ISVEIMER nella zona interessata al piano particolareggiato di via Marina redatto da Luigi Cosenza. Il fabbricato fu progettato tra il 1969-1970 e il 1972[1] dall'architetto Luigi Moretti. In seguito è stato acquistato dall'Università degli Studi di Napoli Federico II e colloquialmente noto come Palazzo degli Uffici[2][3].

La struttura occupa un isolato quadrangolare racchiuso tra via De Gasperi, via dei Chiavettieri e via Giulio Cesare Cortese, mentre il quarto lato confina con il fabbricato successivo attraverso una piccola stradina. La struttura è caratterizzata dalla presenza di una pensilina in calcestruzzo armato che racchiude, su via De Gasperi e via Cortese, il corpo di fabbrica.

Il corpo, il cui ingresso è in via Cortese, è formato da due parti distinte: una piastra, con piccola corte di altezza pari alla pensilina, e su di essa una struttura a torre. L'edificio è in calcestruzzo armato rivestito con pannelli prefabbricati leggeri e acciaio verniciato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vittorio Franchetti Pardo, L'architettura nelle città italiane del XX secolo. Dagli anni Venti agli anni Ottanta, Editoriale Jaca Book, 2003
  2. ^ Palazzo degli Uffici, su informatica-dsu.unina.it.
  3. ^ Nuovi edifici in via Marina, su Università Federico II.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Stenti e Vito Cappiello (a cura di), NapoliGuida - 14 itinerari di architettura moderna, in Napoli e la Campania, Napoli, CLEAN edizioni, 1998, ISBN 978-88-86701-33-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]