Odilio Moro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Odilio Moro
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1987
Carriera
Giovanili
SPAL
Squadre di club1
1972-1973 SPAL 10 (0)
1973-1975 Ravenna 52 (2)
1975-1977 Ternana 56 (0)
1977-1979 Brescia 64 (2)
1979-1981 Piacenza 59 (2)
1981 Arezzo 6 (0)
1981-1982 Fano 25 (0)
1982-1984 Trento 51 (0)
1984-1985 Sambenedettese 13 (0)
1985-1986 Rimini 24 (1)
1986-1987 Bisceglie 23 (1)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Odilio Moro (S.Maria di Lestizza, 23 maggio 1954Ferrara, 21 ottobre 2017[1]) è stato un calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nel vivaio della SPAL di Paolo Mazza ed esordisce nella formazione estense disputando 10 partite nel campionato di Serie C 1972-1973[2], concluso dai ferraresi al primo posto. Nel novembre successivo, senza aver esordito nella serie cadetta, si trasferisce al Ravenna, per un ulteriore biennio in Serie C[3], nel quale conquista il posto da titolare.

Nel 1975 viene acquistato dalla Ternana. Con gli umbri esordisce in Serie B il 28 settembre 1975, nella vittoria interna sul Piacenza[2], ed è titolare per due stagioni nella serie cadetta, collezionando 56 presenze in campionato e 7 in Coppa Italia[4] e conquistando due salvezze. Lasciata Terni, si trasferisce al Brescia, sempre in Serie B: nella stagione 1977-1978 contribuisce con 33 presenze e 2 reti alla salvezza delle Rondinelle[2], mentre l'anno successivo ottiene il piazzamento a centroclassifica.

Dopo quattro stagioni di Serie B, accetta di scendere in Serie C1 passando al Piacenza[5], che punta a vincere il campionato[6]. Moro viene impiegato spesso come fluidificante a sinistra[5], giocando da titolare l'intera stagione; la squadra si piazza al nono posto finale. Nel campionato successivo è ancora titolare della fascia sinistra, sotto la guida di Giacomo Losi prima e Bruno Fornasaro poi[7]: gioca 29 partite segnando un gol, su punizione contro il Casale, e la formazione emiliana si salva solo nel finale di stagione.

Nel 1981 viene ceduto all'Arezzo[8], ma dopo sole 6 presenze[9] nella sessione autunnale del calciomercato si trasferisce al Fano[10]; in seguito milita per due anni nel Trento, sempre in Serie C1. Nel campionato 1984-1985 disputa la sua ultima stagione nella serie cadetta, passando alla Sambenedettese dove viene impiegato come rincalzo (13 presenze senza reti); scende in campo anche in Coppa Italia, nella sconfitta per 5-0 subita dai marchigiani sul campo della Juventus[11]. Chiude la carriera giocando per una stagione nel Rimini, in Serie C1[12] e per una nel Bisceglie, in Serie C2.

Chiude la carriera con 133 presenze e 2 reti in Serie B.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

SPAL: 1972-1973

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Spal piange Moro Cresciuto nel vivaio promosso in B nel ’73, La Nuova Ferrara, 23 ottobre 2017
  2. ^ a b c Almanacco del Calcio Illustrato 1979, ed.Panini, pag.51
  3. ^ Rassegna stampa dell'associazione "NOI GIALLOROSSI" del 2003 Noigiallorossi.it
  4. ^ Statistiche su Databaserossoverde.it
  5. ^ a b Rosa 1979-1980 Storiapiacenza1919.it
  6. ^ Stagione 1979-1980 Storiapiacenza1919.it
  7. ^ Rosa 1980-1981 Storiapiacenza1919.it
  8. ^ Acquisti e cessioni 1981-1982 Storiapiacenza1919.it
  9. ^ Calciatori dell'Arezzo di tutti i tempi ordinati in ordine alfabetico, AREZZO1923.it. URL consultato il 15 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2010).
  10. ^ Guizzo finale del Fano per la Sanremese è 2-2, Stampa Sera, 9 novembre 1981, pag.18
  11. ^ Juventus-Sambenedettese 5-0 Juworld.net
  12. ^ Rimini 1985-1986 Riminicalcio.storia.xoom.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]