Museo storico dell'Arma di cavalleria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Museo storico dell'Arma di cavalleria
Museo di Cavalleria (6702207245).jpg
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Pinerolo
Indirizzo Viale Giolitti 5
Caratteristiche
Tipo Storia, Militare
Apertura 1968
Sito web

Il Museo storico dell'Arma di cavalleria è uno spazio espositivo situato a Pinerolo, nella città metropolitana di Torino, dedicato alla cavalleria italiana. È uno dei musei più importanti d'Europa dedicati alla cavalleria[1]. Ha sede nella caserma Principe Amedeo, poi intitolata al generale Dardano Fenulli.

Le esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Una mitragliatrice Fiat Mod. 14/35 esposta al museo

La decisione di fondare un museo nazionale sulla cavalleria italiana risale al 1961, mentre le strutture sono state inaugurate nel 1968. La datazione dei reperti conservati nel museo inizia dal 1845.

La collezione è molto ricca. All'interno degli spazi espositivi sono conservati finimenti di cavalli, armi, mezzi di trasporto (carrozze e mezzi corazzati), stendardi militari, esemplari storici di bandiere italiane, dipinti, fotografie d'epoca, stampe, decorazioni militari e medaglie. Sono anche esposte divise militari originali la cui datazione inizia dal Risorgimento e arriva sino ad oggi, e reperti delle due guerre mondiali e dei conflitti coloniali.

Di grande rilievo è la collezione documentale. All'interno del museo sono conservati i 10.000 volumi che formano la biblioteca militare del polo espositivo, e i 200 volumi della biblioteca del cavallo. La datazione dei documenti inizia dal XV secolo e si conclude nel XIX secolo. Sono inoltre presenti una fototeca e una cineteca.

All'interno del polo museale sono situati un sacrario degli Eroi e una cappella consacrata al patrono dell'Arma, san Giorgio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Museo nazionale dell’Arma di cavalleria, museimilitari.it. URL consultato il 24 febbraio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]