Museo archeologico virtuale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo archeologico virtuale
Museo archeologico virtuale.jpg
La facciata
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàErcolano
IndirizzoVia IV Novembre 44
Caratteristiche
TipoArcheologico e virtuale
Apertura2008
Sito web

Coordinate: 40°48′26.1″N 14°21′01.4″E / 40.80725°N 14.35039°E40.80725; 14.35039

Il museo archeologico virtuale, conosciuto anche con l'acronimo di MAV, è un museo di tipo archeologico-virtuale, ubicato ad Ercolano, a pochi passi degli scavi archeologici, che racconta la vita delle città romane ai piedi del Vesuvio, poco prima dell'eruzione del 79: si tratta, nel suo genere, di uno dei più importanti al mondo[1].

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La nascita del museo risale al 2003, quando venne firmato il protocollo d'intesa per il restauro dell'ex plesso scolastico Iaccarino, da destinare appunto a sede museale: i lavori iniziarono nel 2005[1] e la struttura venne inaugurata l'8 luglio 2008[2]; con una superficie di circa cinquemila metri quadrati, suddivisa in tre livelli[3], nei primi due anni è stato visitato da oltre duecentomila visitatori, diventando il museo più visto della Campania, superando sia quello archeologico nazionale che quello di Capodimonte a Napoli[1].

L'obiettivo principale del museo è quello di far scoprire la realtà della vita quotidiana di tutte quelle città che sorgevano alle falde del Vesuvio e che furono distrutte dalla sua furia eruttiva nel 79: mancano al suo interno reperti, basando la visita esclusivamente mediante tecniche di ricostruzioni tridimensionali, effetti multisensoriali, libri virtuali, ologrammi e multiproiezioni sincronizzate[4], per un totale di settanta installazioni[3]. Un tavolo interattivo, coadiuvato da suoni di voci e grida da mercato, illustra gli usi e costumi della popolazione ercolanense, mentre riproduzioni grafiche permettono di osservare la Villa dei Papiri e la sua ricca biblioteca ed il Foro e la Schola Armaturarum di Pompei, ultima sala del museo ad essere inaugurata nel dicembre 2010[5]. La ricostruzione del Teatro di Ercolano, ancora sepolto sotto una coltre di tufo ed esplorato tramite cunicoli in epoca borbonica, è affidata ad un video wall, un sistema audio ad alta definizione ed un modellino in scala 1:1000[6]: le stesse tecniche vengono utilizzate anche per la ricostruzione delle terme[7]; in un ambiente tridimensionale, chiamato cave, è possibile osservare la ricostruzione di case e giardini non solo di Pompei ed Ercolano, ma anche di Stabiae, Baia e Capri[8]. Il museo è dotato inoltre di una galleria, di circa millecinquecento metri quadrati, dove oltre allo svolgimento di mostre ed eventi[9], ospita anche una sala di proiezione con uno schermo di ventisei metri e tecnologia 3D, nella quale viene riprodotta l'eruzione del Vesuvio del 79, con l'aggiunta di una piattaforma vibrante per la simulazione di terremoti[10]. La struttura si completa con un auditorium di trecento posti, dotato di uno schermo di dieci metri di lunghezza[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il MAV è a rischio chiusura, su notizie.antika.it. URL consultato il 15-03-2013 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2012).
  2. ^ MAV - La fondazione, su museomav.it. URL consultato il 15-03-2013.
  3. ^ a b MAV - Descrizione del museo, su museomav.it. URL consultato il 15-03-2013.
  4. ^ MAV - Il museo, su museomav.it. URL consultato il 15-03-2013.
  5. ^ MAV - Un viaggio virtuale, su museomav.it. URL consultato il 15-03-2013.
  6. ^ MAV - Il Teatro di Ercolano, su museomav.it. URL consultato il 15-03-2013.
  7. ^ MAV - Le terme, su museomav.it. URL consultato il 15-03-2013.
  8. ^ Cenni sul museo archeologico virtuale, su incampania.com. URL consultato il 15-03-2013 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2010).
  9. ^ MAV - La galleria, su museomav.it. URL consultato il 15-03-2013.
  10. ^ MAV - L'eruzione del Vesuvio, su museomav.it. URL consultato il 15-03-2013.
  11. ^ MAV - L'auditorium, su museomav.it. URL consultato il 15-03-2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]