Casa della Gemma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casa della Gemma
CiviltàRomani
UtilizzoCasa
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneErcolano
Amministrazione
PatrimonioScavi archeologici di Ercolano
EnteSoprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia
Visitabile
Sito webwww.pompeiisites.org
Mappa di localizzazione

Coordinate: 40°48′19.08″N 14°20′49.56″E / 40.8053°N 14.3471°E40.8053; 14.3471

La casa della Gemma è una casa di epoca romana, sepolta durante l'eruzione del Vesuvio del 79 e riportata alla luce a seguito degli scavi archeologici dell'antica Ercolano: è così chiamata per il ritrovamento al suo interno di un gioiello, risalente all'età di Claudio, sul quale è inciso il volto di Livia[1].

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La casa della Gemma era originariamente unita alla casa del Rilievo di Telefo ed il grosso complesso apparteneva a Marco Nonio Balbo: le due abitazioni vennero poi separate durante il periodo augusteo; lavori di restauro furono effettuati sia in età tardo repubblicana[2], quando fu edificato il piano inferiore, sia a seguito del terremoto di Pompei del 62 per riparare i danni da questo provocato. Le colate piroclastiche sprigionate dall'eruzione del Vesuvio del 79 coprirono la casa, insieme a tutto il resto della città, sotto una coltre di fango: verrà riportata alla luce agli inizi del XX secolo, durante le indagini archeologiche condotte da Amedeo Maiuri[1].

La casa della Gemma si trova nei pressi delle Terme Suburbane, sulle quali si affaccia, ed è costruita su due livelli: le fauci d'ingresso presentano affreschi in terzo stile con pannelli in rosso e pavimentazione in nero con inserti di marmi policromi[1]; si passa quindi all'atrio tuscanico, con impluvium centrale e pilastri alla pareti che sostenevano il tetto[3]: anche in questo ambiente la decorazione parietale è in rosso, mentre il pavimento è a mosaico con tessere in bianco e nero, bordato in bianco. Dall'atrio, circondato da alcuni cubicoli, si giunge sia al tablino, delimitato da una fila di colonne doriche, sia ad un corridoio che porta alle cucine ed alla latrina[1], dove si trova un graffito che così recita:

« Apollinaris medicus Titi imperatoris hic cacavit bene[3] »

Dal tablino due porte conducono rispettivamente ad un cubicolo, fortemente danneggiato dall'eruzione, ed a una terrazza, in origine fenestrata: proprio da questo ambiente è possibile raggiungere il giardino, che presenta un triclinio decorato con affreschi in terzo stile, dai colori giallo e rosso e fregi in nero e pavimento a mosaico bianco con bordatura in nero ed al centro un motivo decorativo realizzato tramite disegni geometrici posizionati in venti riquadri[1]. Gli ambienti del piano inferiore vennero costruiti in età tardo repubblicana, nello spazio prima occupato dalle mura[2]: si presentano con copertura a volta e pavimentazione a mosaico; queste stanze erano in un primo momento ad uso residenziale, poi a seguito della costruzione delle Terme Suburbane, per via dei vapori da queste sprigionate che invadevano la zona[2], vennero destinate alla servitù o al liberto addetto alla struttura termale[3]. Furono qui rinvenuti diversi vasi in vetro, un sigillo in bronzo ed una culla in legno con all'interno i resti di un bambino, mentre da altre zone della casa provengono due lastre in marmo che raffigurano una Ercole che combatte l'Idra di Lerna e l'altra una sfinge con corona egizia[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Cenni sulla Casa della Gemma, su sites.google.com. URL consultato il 28-07-2013.
  2. ^ a b c De Vos, p. 278.
  3. ^ a b c De Vos, p. 277.
  4. ^ De Vos, p. 277-278.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arnold De Vos; Mariette De Vos, Pompei, Ercolano, Stabia, Roma, Editori Laterza, 1982. ISBN non esistente

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]