Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mitsubishi Ki-1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mitsubishi Ki-1
Mitsubishi Ki-1 (1).jpg
Descrizione
Tipobombardiere
Equipaggio4
ProgettistaErnst Zindel
CostruttoreGiappone Mitsubishi
Data primo volo1932
Data entrata in servizio1933
Data ritiro dal servizio1939
Utilizzatore principaleGiappone Dai-Nippon Teikoku Rikugun Kōkū Hombu
Esemplari118
Sviluppato dalJunkers K 37
Dimensioni e pesi
Lunghezza14,80 m
Apertura alare26,50 m
Altezza4,92 m
Superficie alare90,74
Peso a vuoto4 880 kg
Peso max al decollo8 100 kg
Propulsione
Motore2 Mitsubishi Ha-2
Potenza940 CV (691 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max232 km/h
Velocità di crociera186 km/h
Autonomia1 100 km
Tangenza6 500 m
Armamento
Mitragliatrici3 calibro 7,7 mm
Bombefino a 1 500 kg
Notedati relativi alla versione Ki-1-I
voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Mitsubishi Ki-1 (三菱 キ1 Mitsubishi ki ichi?), identificato anche come Bombardiere pesante tipo 93 (九三式重爆撃機 Kyūsan-shiki jū bakugeki-ki?), era un bombardiere bimotore ad ala bassa prodotto dall'azienda giapponese Mitsubishi Heavy Industries negli anni trenta.

Introdotto nel 1933 venne utilizzato operativamente nelle operazioni durante la seconda guerra sino-giapponese venendo velocemente superato e per questo sostituito prima dello scoppio della seconda guerra mondiale dall'italiano Fiat B.R.20.

Storia del Progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il Ki-1 visto di lato.

Il progetto venne commissionato con particolari specifiche tecniche: avrebbe dovuto avere due motori ed essere in grado di volare anche con uno solo, doveva portare circa 2.200 lb di bombe e avere 240 km/h di velocità massima[1]. La Mitsubishi che era già venuta in contatto con la Junkers tedesca per lo sviluppo del G 38 (aereo quadrimotore per il trasporto di passeggeri), rispose alla richiesta con una versione maggiorata dello Junkers K-37. Il capo progettista era Nobushiro Nakata. Il primo "mock-up" venne prodotto nell'agosto del 1932 mentre il primo prototipo fu completato nel marzo del 1933. Il primo prototipo era motorizzato con due Rolls-Royce Buzzard da 800 hp che però non erano abbastanza potenti per soddisfare le richieste. L'aereo infatti era più lento di 20 km/h del previsto e non poteva volare con un solo motore. Per ovviare a questi problemi i motori vennero sostituiti con due Mitsubishi Ha-2-2 da 940 cavalli in grado di soddisfare pienamente le richieste. La produzione iniziò nel 1933 per terminare nel 1936 con 118 aerei prodotti[2]. Poco dopo il 1933 venne progettata una seconda versione del Ki-1, denominata Ki-1-II. Nella seconda versione la potenza dei motori venne ancora aumentata (Mitsubishi Ha-2-3) e la velocità massima portata a 230km/h. Parte dei Ki-1-I venne aggiornata alla seconda versione.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Il Ki-1 venne impiegato per la prima volta nella seconda guerra sino-giapponese. Il Ki-1 si rivelò però presto obsoleto e venne sostituito dall'italiano Fiat B.R.20

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Ki-1-I
Prima versione. Due motori da 940cv
Ki-1-II
Seconda versione migliorata con nuovi motori ed aumento della velocità massima

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Giappone

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ historyofwar.org, http://www.historyofwar.org/articles/weapons_mitsubishi_ki-1.html.
  2. ^ aviastar.org, http://www.aviastar.org/air/japan/mitsubishi_ki-1.php.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David Donald (ed.), The Encyclopedia of World Aircraft, Etobicoke, Ontario, Canada, Prospero Books, 1997, p. 652, ISBN 1-85605-375-X.
  • (EN) René J. Francillon, Ph.D., Japanese Aircraft of the Pacific War, London, Putnam & Company Ltd., 1979, ISBN 0-370-30251-6.
  • (EN) Jon Lake, Great Book of Bombers, Zenith Press, 2002, p. 86, ISBN 0-7603-1347-4.
  • (EN) Robert C. Mikesh, Japanese Aircraft Code Names & Designations, 1st edition, Schiffer Publishing, Ltd., 1993, ISBN 0-88740-447-2. 1993
  • (EN) Robert C. Mikesh, Shorzoe Abe, Japanese Aircraft 1910-1941, Annapolis, Naval Institute Press, 1990, ISBN 1-55750-563-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]